Warzone: un nuovo leak mostra come dovrebbe apparire l’ormai celebre mappa dei Monti Urali

Warzone: un nuovo leak mostra come dovrebbe apparire l’ormai celebre mappa dei Monti Urali

Profilo di Stak
 WhatsApp

Warzone Urali – Lo scorso 5 Aprile un data miner di Call of Duty ha scovato tra i file di gioco quella che sembrerebbe essere un’immagine relativa alla nuova ed attesissima mappa di Warzone.

Come noto la questione “mappa” del Battle Royale di Activision è ormai al centro di tutte le attenzioni della community da diversi mesi, con al momento almeno 2 differenti teorie che pare possano trovare un effettivo riscontro su Warzone.

La prima, di cui abbiamo parlato qualche giorno fa, ipotizza che entro la fine di Aprile (più specificatamente entro il 22 di questo mese) verrà introdotto un restyling di Verdansk con la mappa che verrà “aggiornata” a come si presentava negli anni 80: pur essendo sempre Verdansk, intere zone (come lo stadio o la diga) appariranno in modo del tutto diverso a come si presentano oggi.

L’altra teoria, quella secondo la quale Verdansk verrà sostituita da una nuova mappa che si estenderà sui Monti Urali, è tornata ultimamente in auge perché l’utente Nanikos ha svelato su Twitter quella che sembra assolutamente essere la gigantesca mappa che andrà ad unire diverse location della modalità Dirty bomb, come Ruka, Alpine e Sanatorium.

Come potete vedere anche dal post allegato qui in basso, tutte queste mappe trovano effettivamente un riscontro all’interno della “grande mappa” a tema Monti Urali, con Sanatorium che occupa la zona sud ovest, e Ruka che svetta invece quasi al centro della mappa.

La mappa di Verdansk a TV Station “esplode”: altro indizio sul futuro “atomico” di Warzone

La cosa più particolare è che proprio nei paraggi di Sanatorium pare vi sia un grande lago, che presumibilmente sarà anche attraversabile da mezzi acquatici come barche o moto d’acqua.
Secondo molti però, questa mappa a tema Monti Urali potrebbe provenire da un progetto ormai scartato legato a Blackout…e non è quindi assolutamente certo che si possa assistere a qualcosa di simile anche nel prossimo futuro del BR Warzone.

Al momento quindi non vi è certezza su quello che potrebbe essere il futuro di Warzone, con alcuni esperti che ipotizzano che entrambe le mappe citate sopra saranno protagoniste, magari in playlist separate, già a partire dalla terza stagione ufficiale di Call of Duty.

In ogni caso, entrambe queste teorie non vanno in conflitto con quella per la quale l’attuale Verdansk verrà rasa al suolo da un’esplosione atomica che possa spazzare via il dilagare della pandemia zombie.

Cosa ne pensate community?
Non ci resta che attendere, probabilmente ancora qualche giorno, prima di scoprire quali sono le novità che avranno in serbo per noi gli sviluppatori di Activision.

Articoli correlati: 

Nickmercs torna al vertice degli streamer di Warzone su Twitch!

Nickmercs torna al vertice degli streamer di Warzone su Twitch!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Nickmercs #1 – Finalmente pubblici anche i dati relativi agli streamer più visti di Warzone su Twitch nel corso di Luglio 2022!

Come per Giugno, anche a Luglio si registra una leggera flessione delle visualizzazioni, a causa del minore interesse generato dal BR Activision su Twitch. La classifica viene comunque stravolta dall’esplosivo ingresso di Nickmercs in classifica…

Come noto infatti, lo streamer del FaZe Clan ha da poco deciso di impegnarsi nuovamente in delle stream su Warzone, dopo svariati mesi di lontananza dal BR. Anche le ore di stream che lo statunitense ha dedicato a Warzone a Luglio non sono moltissime, ma sono comunque bastate per garantire a Nickmercs quasi 1.400.000 ore visualizzate su Twitch.

Pensate che nonostante le sole “59 ore di stream”, quello di Nickmercs è il risultato migliore del 2022 per uno streamer di Warzone.

Dietro di lui il francese Chowh1, che riesce nell’impresa di accumulare più ore visualizzate di Swagg, terzo seppur con quasi la metà delle dirette di Chowh1.

Nei dati pubblicati da SullyGnome compare anche l’italiano Moonryde, saldamente in Top10 davanti a Jukeyz. Il dato più positivo per il cecchino di San Cesareo è che rispetto ai suoi diretti “concorrenti”, Fifakill e Jukeyz, ha molte meno ore di stream ed un peak di viewers secondo solamente ai primissimi della classifica. 

Top streamer Warzone – Luglio 2022

Streamer Ore visualizzate
NICKMERCS 1,399,243
Chowh1 947,076
Swagg 892,987
HusKerrs 683,588
Aydan 640,746
Symfuhny 635,714
TeePee 613,374
Fifakill 529,372
Moonryde 526,926
Jukeyz 458,883

Cosa ne pensate di questi numeri community? Fatecelo sapere nei commenti in community! La discussione, come sempre, è aperta!

 

 

Articoli correlati: 

Symfuhny controcorrente su Verdansk: “mappa sopravvalutata”

Symfuhny controcorrente su Verdansk: “mappa sopravvalutata”

Profilo di Stak
 WhatsApp

Con un interessante intervento sul suo canale ufficiale, il celebre streamer Symfuhny ha proposto una chiave di lettura molto diversa rispetto “al solito” su Verdansk. A differenza di una fetta molto importante di giocatori e content creator infatti, Symfuhny ritiene che Verdansk non sia poi questa grande mappa.

Symfuhny ha anche paragonato Caldera a Verdansk, affermando che non gli è poi cosi semplice stabilire quali delle due è la “best mappa BR” di Warzone. Lo streamer ha spiegato: “secondo me Verdansk cattura cosi tanto la nostalgia dei player perché quando la giocammo c’era il lockdown“…

Sulla questione Symfunhy ha quindi proseguito: “Verdansk è stata la perfetta evasione in un momento in cui non potevamo uscire di casa, in cui eravamo eravamo obbligati a stare lontani gli uni dagli altri, e penso che sia questo il motivo per il quale viene ricordata con cosi tanto affetto“.

Secondo Sym quindi il successo di Verdansk non andrebbe ricercato nel suo gameplay o nella sua struttura, ma semplicemente nella data del suo rilascio. Verdansk è stata per molti player un “luogo” in cui “recarsi” per “staccare” dalla pesante quotidianità che ha contraddistinto quei giorni per tutti noi. Da qui la “nostalgia” di cui parla Symfunhy.

“Verdansk è sopravvalutata, Fortune è invece divertentissima!”

In ogni caso, Symfuhny ha anche espresso grande apprezzamento per la nuova Fortune’s Keep, mappa che ritiene “divertentissima”. Non sarebbe quindi affatto favorevole ad un ripristino di Verdansk per la quinta stagione (cosa invece sperata da molteplici giocatori e streamer di Warzone)… E si è solo augurato che la mappa di Warzone 2 nasca sotto una stella diversa.

In merito alla questione ha infatti concluso: “Se parliamo di divertimento puro, pensiamo che Verdansk sia cosi migliore rispetto a Caldera? No. Non voglio scegliere tra le due, penso che siano entrambe un po’ “meh”. Spero invece che la nuova mappa di Warzone 2 sia infuocata”.

Cosa ne pensate di questo punto di vista community? Pensate anche voi che quella per Verdansk sia solamente “nostalgia”? La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

Le Armi close range migliori di Warzone secondo JGOD

Le Armi close range migliori di Warzone secondo JGOD

Profilo di Stak
 WhatsApp

Con un nuovo speciale su You Tube, il celebre Jgod ha svelato quello che è, dal suo punto di vista, l’attuale meta delle armi di Warzone.

In particolare, Jgod ha preferito dedicarsi alle armi close range ed alle piccole pistole mitragliatrici da usare a distanza ravvicinata, spiegando quali sono al momento quelle preferibili da usare sia in BR che su Ritorno.

Tutto questo considerando ovviamente il fatto che la Blixen, una delle indiscusse protagoniste del meta, ieri sera è stata nuovamente nerfata sia nei suoi danni che nella sua velocità di movimento. Probabilmente l’arma è ancora ottima a livello di performance, ma molti giocatori hanno comunque preferito provare qualcosa di diverso.

Le alternative sono moltissime, e sono tutte assolutamente valide. Purtroppo non c’è più il VLK Rogue tra queste, visto che lo shotgun è stato “brutalizzato” e nerfato al punto da essere sostanzialmente inutile da usare. Nel caso voleste comunque lanciarvi in azione con un fucile a pompa, potreste provare il Canna Liscia da Battaglia, ne abbiamo parlato qui.

Tornando alle piccole SMG, per JGOD quelle che meritano attenzione sono: Armaguerra, Sten, Marco 5, Type 100, Volk (da usare in modalità close range), MP5AS44, PPSH ed AUG, l’ultimo dei quali con la sua versione Modern Warfare.

Ognuna di queste armi è assolutamente da considerare valida e competitiva, in ordine d’importanza dall’Armaguerra sino all’AUG.

Andiamo a vedere le versioni delle armi proposte da JGOD per Warzone: 

Cosa ne pensate di queste versioni community? Quale proverete alla vostra prossima sessione di gioco su Warzone? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: