robert brooks

Anche il celebre Robert Brooks lascia Blizzard

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Robert Brooks – Un’altra, storica figura di Blizzard ha da poco comunicato il suo divorzio con l’azienda, lasciando senza parole molti dei più appassionati fan di World of Warcraft e della storia che c’è dietro al giocatissimo MMORPG ambientato su Azeroth.

Dallo scorso Venerdì non fa più parte di Blizzard lo scrittore Robert Brooks, creatore delle Chronicle series e di una grande moltitudine di storie e di romanzi interamente incentrati sui personaggi e sul mondo di World of Warcraft.

Pensate che il lavoro di Brooks ha prodotto le storie di Lords of War: Part One – Kargath e Anduin: Son of the Wolf, ma anche The Tomb of Sargeras, A Thousand Years of War, Warbringers: Jaina, Warbringers: Azshara, Afterlives: Ardenweald, e poi anche i racconti brevi come Cavalcheremo Insieme (sui 4 “cavalieri dell’apocalisse del Re dei Lich), “Una buona guerra” e tanti, tantissimi altri scritti/storie pubblicate nel corso degli anni.

Nei post Twitter relativi all’annuncio, Brooks non ha chiarito il perchè di questa sua decisione, ma ha invece parlato di quello che spera possa diventare il futuro di Activision Blizzard. Brooks ha infatti esordito descrivendo gli ultimi due mesi a lavoro come un periodo davvero difficile e doloroso.

Questo periodo finale della sua avventura in Blizzard arriva dopo una collaborazione durata più di 10 anni, nel corso dei quali Brooks ha affermato di aver incontrato alcuni tra i professionisti più straordinari e talentuosi del mondo dei videogiochi.

Lo scrittore è ovviamente solidale con tutti i lavoratori dell’azienda che hanno subito abusi e discriminazioni, e si è detto molto critico di come questa situazione sia stata evidentemente tollerata con troppa leggerezza, e per davvero troppo tempo, dai “piani alti” di Blizzard.

In ogni caso, Brooks ha però voluto sottolineare il fatto che è sicuro che l’azienda riuscirà a trovare un modo, una strada, per uscire da questo brutto periodo, e che alcuni dei suoi membri sono talmente unici e talentuosi da poter garantire a Blizzard un periodo straordinario nei prossimi anni, probabilmente i migliori che l’azienda abbia mai avuto.

Cosa ne pensate community? Un altro “pezzo grosso” di Blizzard lascia cosi la nave, ultimo di una lista lunghissima che ha iniziato a mostrare le prime “defezioni” nell’ormai lontanissimo 2018…

La discussione, come sempre, è aperta!

Il post di Robert Brooks

Articoli correlati: 


Anche il celebre Robert Brooks lascia Blizzard
Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701