Activision Blizzard: la SEC avvia delle nuove indagini, anche Bobby Kotick citato in giudizio

Activision Blizzard: la SEC avvia delle nuove indagini, anche Bobby Kotick citato in giudizio

Profilo di Stak
 WhatsApp

Nuovi ed importanti aggiornamenti giungono dagli Stati Uniti riguardo alla questione lawsuit legata ad Activision Blizzard, con un nuovo soggetto protagonista che ha deciso di scendere in campo al fine di fare chiarezza.

Secondo quanto riportato dal noto Wall Street Journal infatti, la US SEC (Securities and Exchange Commission, ovvero l’ente federale statunitense preposto alla vigilanza della borsa valori – in Italia l’istituzione più simile alla SEC è la CONSOB, ndr) avrebbe avviato un’ampia indagine nei confronti del publisher, sempre riguardo allo scandalo abusi/discriminazioni sessuali scoppiato nel corso dell’estate.

L’obiettivo di questa nuova indagine è quello di determinare se Activision Blizzard ed il suo gruppo dirigente hanno correttamente divulgato le accuse di molestie sul posto di lavoro, e se queste informazioni avrebbero dovuto essere condivise in precedenza con gli investitori del gruppo.

Ovviamente l’indagine cercherà di scandagliare ogni minimo dettaglio legato alla vicenda, e pare che la SEC abbia già richiesto l’accesso ai verbali delle riunioni del CDA di Activision Blizzard, i file legati ai dipendenti e finanche le comunicazioni che l’amministratore delegato Bobby Kotick ha condiviso con il resto del gruppo dirigente riguardo a questa terribile vicenda.

Proprio Bobby Kotick, che fino ad oggi era rimasto in qualche modo “estraneo” ai fatti dello scandalo, è tra le figure citate in giudizio dalla SEC (ma vi sono anche molti altri dipendenti ed ex dipendenti di Activision Blizzard), per un’indagine che è stata anche confermata da un portavoce dell’azienda.

Purtroppo al momento non sono chiari ulteriori dettagli, anche se pare che Activision Blizzard stia collaborando nel modo migliore possibile con la SEC al fine di fare luce su tutti gli aspetti ancora “poco chiari” della vicenda.

La vicenda non riguarda più in ogni caso il solo stato della California, considerato che la SEC è un organo governativo federale, e bisognerà vedere che tipo di conseguenze potrebbe avere questa nuova inchiesta sul presente e sul futuro del colosso con sede a Santa Monica.

Per consultare il report di WSJ, troverete il dettaglio cliccando qui.

Sciopero dei lavoratori in Blizzard; il CEO Kotick bacchetta la dirigenza: “risposte francamente insensibili”

Articoli correlati: 

Scump non ha dubbi: “DMZ dovrà salvare Call of Duty”

Scump non ha dubbi: “DMZ dovrà salvare Call of Duty”

Profilo di Stak
 WhatsApp

DMZ Call of Duty – La leggenda degli Optic Seth ‘Scump’ Abner crede che la nuova DMZ dovrebbe e potrebbe “salvare” il franchise di COD, specialmente dopo la deludente era di Vanguard.

Su DMZ ancora non si sa praticamente nulla. Le uniche informazioni di cui disponiamo sono tutte da catalogare come “leak”, e pertanto non si tratta di notizie certe e sicure.

Questo non perchè i dataminer o i leaker non siano affidabili, ma semplicemente perchè i contenuti odierni del nuovo Modern Warfare non è detto che siano gli stessi che poi vedremo una volta che il gioco sarà online.

Sappiamo ad esempio che la nuova mode dovrebbe avere sia una versione PVP (giocatori contro giocatori), sia una PVE (giocatori contro IA). Sappiamo che sarà una lotta alla sopravvivenza simile all’esperienza garantita da Escape From Tarkov, e sappiamo anche che dovrebbe contenere dei veri e propri punti “mercato”, da dove sarà possibile scambiare con gli altri player progetti arma e skin.

Gli sviluppatori di Call of Duty hanno inoltre già anticipato che questa nuova mode è chiamata ad “evolvere” il mondo dei BR. Similarmente a quanto accaduto con i Battle Royale nel 2018/2019/2020, i devs pare stiano tentando una nuova “corsa all’oro” introducendo un titolo sicuramente “originale”.

Lo stesso Scump, tornando al nocciolo di questo speciale, ha recentemente affermato che “un titolo di COD che si ispira a Tarkov, con le skin” può rappresentare la grande chance del franchise di tornare al vertice di tutte le classifiche.

In merito, il campione degli Optic ha affermato nel podcast di H3CZ: “Se DMZ sarà un gioco tipo Escape From Tarkov, allora sicuramente creerà “dipendenza”!

Cercare di sopravvivere, abbattendo le minacce nemiche rubandogli le scorte, è sicuramente una bella sensazione. Quando riesci a sopraffare un team con un bottino/equipaggiamento superiore poi è un tale brivido… Divertentissimo“.

Ricordiamo che dovremmo assistere alle primissime immagini di DMZ già durante l’inizio di Giugno, quando verrà svelato il primo trailer del nuovo Modern Warfare 2.

“DMZ sarà una modalità sensazionale, e sarà sia PVP che PVE”: tutte le ultime sul nuovo Modern Warfare 2

Cosa ne pensate community? Fino ad oggi cosa vi ha maggiormente colpito riguardo al nuovo titolo? La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati sull’argomento: 

Un bug mette al riparo l’operatore Snoop Dogg dagli headshot

Un bug mette al riparo l’operatore Snoop Dogg dagli headshot

Profilo di Stak
 WhatsApp

Sembra che un nuovo fastidiosissimo bug sia piombato su Caldera e Rebirth, e riguarderebbe direttamente tutte le skin dell’operatore Snoop Dogg.

Snoop Dogg è da poco entrato a far parte delle skin disponibili di Call of Duty, con tantissimi giocatori che lo hanno scelto per le loro sessioni di gioco in BR. Oggi però veniamo a conoscenza di un problema estremamente grave, che speriamo possa essere presto risolto da Activision.

In particolare, stiamo parlando di un bug che rende invisibile la testa di Snoop, di fatto rendendo impossibile l’esecuzione di headshot di qualsiasi tipo.

Al momento sembra che per attivare questo glitch basta semplicemente giocare due armi in akimbo. Non è noto se vi saranno delle punizioni per i giocatori segnalati per l’abuso di questo “glitch”.

Sicuri del fatto che i devs troveranno presto una soluzione, continueremo a monitorare il Trello per eventuali aggiornamenti.

Operazione Monarch: il “benvenuto” di Kong ad un player alla sua prima avventura

Pur non trattandosi di un esplicito bug, su Reddit è stato da poco mostrato che tipo di effetti possono avere i salti di Kong. Senza alcun tipo di avviso, un giocatore ancora in volo sul suo paracadute è stato letteralmente “investito” dal volo di Kong… Venendo miseramente ucciso…

Fate attenzione la prossima volta che vi trattenete troppo in volo su Peak

Articoli correlati: 

Warzone 2/Modern Warfare 2, svelate altre novità questa mattina: Loadout disponibili solo con delle sfide!

Warzone 2/Modern Warfare 2, svelate altre novità questa mattina: Loadout disponibili solo con delle sfide!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Nel corso delle ultime ore hanno generato molto trambusto le dichiarazioni del leaker NerosCinema per quel che riguarda il prossimo futuro di COD, e del suo nuovo titolo “Modern Warfare 2“.

NerosCinema ha infatti rilasciato un’ingente quantità di notizie “inside”, tutte probabilmente vere, che hanno però generato un po’ di caos nella community. Andiamo a vedere i dettagli delle sue considerazioni, per poi valutare/analizzare la loro attendibilità.

Il leaker NerosCinema ha spiegato che da quel che una sua fonte “ha visto” su “Warzone 2” vi saranno almeno queste novità:

  • I loadout ci saranno ancora, ma le casse d’equipaggiamento si potranno ottenere in modi diversi rispetto ad oggi
  • Ogni operatore avrà a sua disposizione delle “borse”, all’interno delle quali potrà trasportare molti più equipaggiamenti di oggi
  • Cambierà il sistema delle corazze

Partendo dal primo, il punto sui loadout, sembra quindi che nel prossimo titolo di COD gli equipaggiamenti si potranno ottenere risolvendo delle sfide. In alternativa, superando dei bot controllati dall’intelligenza artificiale. Tutti i loadout saranno inoltre ottenibili solo in determinati punti della mappa, chiamati “Strongholds“.

Modern Warfare 2 – Modifiche anche per corazze e “borse”

Sulla questione delle borse, questa è certamente una feature che è sempre mancata in Call of Duty, e che potrebbe cambiare in modo trasversale il modo di giocare dei player.

Infine, sulla questione corazze, sembra che a differenza di quanto accade oggi, nel nuovo Warzone 2 inizieremo la partita senza piastre, e queste saranno accumulabili solo se avremo a disposizione una sacca di piastre.

Tutte queste informazioni sono rivoluzionarie, perché andrebbero a modificare radicalmente alcuni passaggi del gameplay di Warzone.

Il leaker TomHenderson, una delle personalità più informate sul futuro di COD, molte di queste informazioni sono vere, anche se quasi certamente non si riferiscono a Warzone 2. Secondo TomHenderson infatti (ma è dello stesso avviso anche il celebre Hope, di cui abbiamo parlato solamente ieri) queste dovrebbero essere tutte info legate a DMZ, e non a Warzone 2.

Ricordiamo che DMZ è la nuova “terza modalità” di Modern Warfare 2, che sbarcherà con il nuovo titolo insieme al multiplayer ed alla campagna in singolo.

Hope sgancia la bomba: “su Warzone 2/MW2 skin scambiabili e non solo”

Cosa ne pensate community? Vi piacerebbero queste modifiche su Warzone 2? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: