Il Presidente del CONI Malagò: “la parola esports va sostituita con Virtual Sport”; “anche Fiona May nel comitato promotore”

Il Presidente del CONI Malagò: “la parola esports va sostituita con Virtual Sport”; “anche Fiona May nel comitato promotore”

Profilo di Stak
 WhatsApp

Malagò Esports – Questa mattina è stata scritta a Roma un’altra importantissima pagina della storia degli esports nella nostra nazione.

Nel Salone d’onore del CONI si è infatti svolto un convegno interamente dedicato alla scena esportiva italiana che ha visto la partecipazioni di diverse importanti personalità del mondo politico italiano, tra cui anche la Ministra per le Politiche Giovanili Fabiana Dadone, ed il da poco rieletto Presidente del Coni Giovanni Malagò; ma anche il presidente del Comitato Promotore E-Sports Italia, Michele Barbone, accompagnato dai vicepresidenti Gianfranco Ravà e Daniele Di Lorenzo.

Nel corso dell’incontro sono stati tantissimi gli spunti positivi presentati da chi è intervenuto, ma certamente la curiosità maggiore risiedeva nel poter ascoltare le ultime dichiarazioni sull’argomento di Malagò da un lato, che rappresenta in assoluto la massima istituzione del mondo sportivo italiano, e dall’altro la Ministra Dadone, che in questa sede ha invece rappresentato il governo ed il mondo della politica (e noi ne siamo davvero contenti, perché gli esports italiani hanno avuto la fortuna di trovare nella Dadone il migliore interlocutore possibile).

Iniziando proprio dalla Dadone, la Ministra ha molto ben spiegato quanto lo sviluppo tecnologico in atto ed al contempo anche la crescita di un forte settore esportivo in Italia rappresentino due sfide tanto importanti quanto fondamentali.

Sempre la Dadone, ha anche specificato con estrema chiarezza che gli esports non sono “nemici” o “avversari” di nessuno, ma che sono invece una strada che bisogna avere il coraggio di intraprendere, cosi che questi (gli esports) siano assolutamente positivi per i giocatori, e mai una fonte di energia sprecata.

Per la prima volta abbiamo finalmente udito un politico italiano che non guarda più alle svariate ore passate davanti al computer come ad un qualcosa di dannoso, ma che invece si preoccupa che questo tempo possa essere “ben speso” e realmente produttivo per i giocatori, con uno stato che metta i suoi giovani talenti nelle condizioni migliori per poter esprimere al meglio tutto il loro potenziale.

La Ministra si è poi detta anche fermamente convinta che gli esports vadano supportati e diretti, ma mai “limitati”. Pur non essendo del tutto chiaro, vi è forse il timore della Dadone che non tutti in questo momento abbiano perfettamente colto il giusto approccio alla tematica Esports (e la Dadone ha sicuramente e perfettamente inteso quello che secondo gli addetti ai lavori deve essere il “giusto approccio”), e che si potrebbe incappare in luoghi comuni o errori, che non farebbero altro che rallentare e “limitare” per l’appunto, il normale sviluppo della scena esportiva.

“Coinvolgiamo tutti gli attori, cosi da evitare di irrigidire troppo la situazione, e di rimanere ancorati a schemi tradizionali andando a perdere tutte le potenzialità che potrebbero avere questo nuovo tipo di professioni” – Ministro per le Politiche Giovanili Fabiana Dadone

L’intervento introduttivo del Presidente del CONI Malagò

Anche il da poco rieletto Presidente del CONI Giovanni Malagò è intervenuto con un ampio approfondimento sulla tematica, andando a fornire svariati punti di riflessione che certamente verranno poi approfonditi nel corso della settimana, sfruttando anche conoscenze ed esperienze di alcuni dei volti più noti della scena.

Tra queste Malagò ha ad esempio affermato che il percorso che ci porterà fino alla creazione della Federazione Italiana degli Esports (anche se proprio il nome dell’attività a questo punto si chiamerebbe “Virtual Sport” e non più esports…ora andremo a vedere il perché) è ormai abbondantemente in atto, e che nel Comitato Promotore guidato da Michele Barbone vi saranno anche le due star del mondo olimpionico italiano Fiona Mey e Alessandra Sensini.

In merito proprio alla concezione di Esports, il Presidente Malagò ha poi precisato che l’utilizzo della parola “esports” è dal suo punto di vista ormai sbagliato, perchè sarebbe invece più corretto parlare di Virtual Sport, tracciando una netta linea di demarcazione tra tutti quelli che possono semplicemente essere definiti “sport virtuali”, con quelli che invece di “sportivo” non hanno in apparenza assolutamente nulla.

Il problema qui non è l’uso della parola, ma il merito del perché venga scelta l’una o l’altra. La parola esports non smetterà mai di esistere, anche se da oggi si andrà a delineare sempre di più una netta contrapposizione tra sport virtuali e tutti gli altri videogiochi che non siano delle riproduzioni digitali di discipline olimpiche.

La deputata Ocasio-Cortez su Twitch: “l’Elo Hell mi è servito per il Congresso”

In pratica i “Virtual Sport” andranno a rappresentare forse un giocatore ogni 10 giocatori appassionati di esports, una cosa che ci preoccupa, soprattutto perché a livello globale la parola esports è associata a LOL, a Call of Duty, ma anche alle run in mitico su World of Warcraft, a CS:Go e Dota, solo per citarne alcuni, e non ai titoli scelti dal CIO per le Virtual Series.

Visto che a questo punto appare evidente che la nuova Federazione, come tra l’altro più volte ribadito (anche qui su Powned, in numerose interviste) anche dal Direttore Tecnico del Comitato Promotore Maurizio Miazga, andrà ad occuparsi solamente dei titoli sportivi, resta ancora da capire quello che accadrà per gli “altri” titoli legati alla scena esports, esclusi da quelli “presentabili” perchè ritenuti “violenti” e contro i principi del Comitato Olimpico.

Che si concretizzi una volta per tutte lo scenario per il quale gli esports avranno delle Olimpiadi tutte loro?
Non ci resta che attendere nuove e più aggiornate informazioni.

La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

Ottenere la Licenza Windows 10 PRO a 5 Euro: i consigli per te

Ottenere la Licenza Windows 10 PRO a 5 Euro: i consigli per te

Profilo di Stak
 WhatsApp

Il sistema operativo Windows e Microsoft Office sono fondamentalmente due software essenziali per un computer.

Il sistema operativo Windows garantisce il funzionamento sicuro ed efficiente del sistema informatico e Office 2021 può aiutarti a migliorare la produttività del tuo lavoro! Comprarli costa però un sacco di soldi. La buona notizia è che Godeal24 sta aumentando la sua offerta di sconti! Potrai acquistare chiavi OEM per Windows e Office al miglior prezzo! Le licenze vendute da Godeal24 sono licenze senza scadenza. Ciò significa che il loro utilizzo non è limitato nel tempo: dopo aver acquistato una licenza e averla attivata, puoi utilizzarla a tempo indeterminato!

Cominciamo con il Windows più utilizzato, ora il più classico Windows 10 e l’ultima versione di Windows 11 sono scontati del 50%! Windows 10 Pro a partire da 6,06€ per PC! Un’ampia varietà di categorie di software tra cui scegliere, Windows 10 Home, Windows 11 Pro e altro ancora!

50% sconto su Windows OS! (coupon code “ EGD50″)

La suite Microsoft Office offerta da Godeal24 include il trio Word-Excel-PowerPoint, così come altri software come Outlook o OneNote solo per citarne alcuni. Sono disponibili anche questi a tempo illimitato, non è necessario un abbonamento mensile a pagamento e l’ultimo Office 2021 Pro costa solo 12,99 €/PC! Non è uno scherzo, è un’offerta su misura per te! Ci sono più combinazioni tra cui scegliere per soddisfare ogni tua esigenza!

Fino al 62% di sconto! su Microsoft Office! (codice coupon “EGD62”)

Se desideri aggiornare Windows e Office contemporaneamente, il bubdle potrebbe essere l’offerta migliore! Usa il codice coupon “EGD62” per ottenere con uno sconto del 62%!

 

 

Molti utenti sono entusiasti del prezzo basso offerto da Godeal24, ma si chiedono perché il prezzo è così basso? Ancora più importante, è vero? Puoi stare certo che questo è un vero affare perché le licenze vendute da Godeal24 sono licenze OEM.

Si tratta di licenze che vengono solitamente vendute ai produttori di computer in modo che possano acquistare Windows a un prezzo inferiore da installare sui loro computer prodotti in serie. Lo svantaggio di una licenza OEM è che di solito è legata alla scheda madre, quindi una volta attivata, è difficile trasferire la licenza su un altro PC.

Per fortuna, Godeal24 vende le sue licenze OEM così a buon mercato che se sposti il ​​tuo PC o hai bisogno di un’altra licenza, puoi semplicemente acquistarne un’altra copia ed è ancora più economico rispetto al prezzo al dettaglio.

Informazioni su Godeal24.com

Godeal24 non solo fornisce buoni prodotti, ma è attivo anche il servizio post-vendita. Godeal24 ha un team di assistenza clienti professionale, che fornisce supporto tecnico 24 ore su 24, 7 giorni su 7, e finché acquisti prodotti su Godeal24, puoi anche goderti un servizio post-vendita a vita!

È ora di effettuare l’aggiornamento da Windows 7 a Windows 10 o Windows 11. Attualmente, Microsoft aggiornerà Windows 10 e Windows 11 per garantire la migliore esperienza utente. In termini di prestazioni di sicurezza, la nuova versione del sistema è sempre migliore della vecchia versione. Molto più forte! Ora è il momento perfetto per aggiornare il tuo computer con grandi sconti da Godeal24!

Se sei preoccupato di incontrare problemi durante l’installazione e l’uso, puoi sempre contattare il team di supporto tecnico di Godeal24 24 ore su 24, 7 giorni su 7, risolverà i tuoi problemi in tempo! E Godeal24 offre un servizio post-vendita a vita! (Contatta Godeal24: [email protected] )

Torna Beyond PG: tutte le novità della nuova stagione

Torna Beyond PG: tutte le novità della nuova stagione

Profilo di Stak
 WhatsApp

Riceviamo e pubblichiamoLa summer season dell’apprezzato format si prepara a rinfrescare le calde giornate estive con una buona dose di intrattenimento firmato PG Esports. Tantissime le novità per un palinsesto ricchissimo che ricomincia oggi su Twitch

L’estate è definitivamente arrivata, ma a sfidare il caldo ci pensa PG Esports, tournament organizer leader in Italia, che rinnova ancora una volta il fitto programma di  Beyond PG, il canale Twitch dedicato all’entertainment a 360°.

Le rubriche quotidiane del canale si arricchiscono, portando una ventata d’aria fresca che darà il via a una stagione coi fiocchi. Le novità si potranno notare già a partire da oggi, lunedì 23 maggio, alle ore 10.00 con il primo episodio di un rinnovato Bar dell’Esports, dove Francesco “Deugemo” Lombardo accompagnerà gli spettatori a scoprire tutte le novità del gaming competitivo in un’unica trasmissione.

Per tutto quello che bisogna sapere sul mondo dell’esport, approfondimenti e ospiti speciali, basterà sintonizzarsi qui.

Il mondo del gaming manterrà il suo ruolo da protagonista anche il martedì. Il canale Twitch si animerà a partire dalle 15.00 con Gamer Room, il format che svela i dietro le quinte legati allo sviluppo e alla progettazione dei titoli più amati dai fan in compagnia di Gianluca “Ualone” Loggia, storica penna dell’editoria videoludica italiana, il noto game designer Diego Ricchiuti e Simone “Akira” Trimarchi, tra i volti più noti dell’esport italiano.

A seguire, alle 17.00, il noto streamer Gianluca “Pingu16” Piscedda trasporterà il pubblico indietro nel tempo con Time Machine!, un tuffo nel passato tra le principali serie videoludiche, sia quelle che hanno avuto successo sia quelle, più sfortunate, scomparse dai radar.

La giornata si conclude con una chiacchierata tra amici, alle 21.00: durante #GXCHATTING, Sim e i ragazzi di Game-eXperience commenteranno insieme agli spettatori tutte le ultime novità del mondo videoludico. Sarà un appuntamento davvero imperdibile per gli appassionati, grazie alla vena irriverente e ironica che contraddistingue la trasmissione.

Il palinsesto continua mercoledì alle 11.00 con una completa novità per il canale. Comincia !DigiTalk, in compagnia di Alessandro “MingusTV” Carrozzo e di guest star speciali per ogni episodio: un talk show che invita il pubblico a scoprire tutti i segreti del mondo del digitale e della comunicazione, per entrare in contatto con la nuova generazione per cui social, streaming e creatività sono pane quotidiano. Alle 15.30 sbarca su Beyond PG un altro format: N3RDZONE, con il giornalista Lorenzo Fantoni e tutto il team di N3rdcore.it.

L’anima nerd del canale qui prenderà il sopravvento, con uno spazio dedicato alla cultura pop in tutte le sue forme, tra cinema, gadget, serie TV, collezionismo e tutto ciò che ruota attorno alla pura e semplice passione.

La giornata non può che terminare nel migliore dei modi, alle 20.00, con un focus dedicato a una delle discipline più antiche e amate: gli scacchi. Con Scacchi sul pezzo, in compagnia di Romualdo “Chess Society” Vitale e Franco di Mare, i fanatici del mondo scacchistico troveranno un piccolo angolo di paradiso, dove scoprire ogni casella della scacchiera nei dettagli e migliorare le proprie tecniche settimana dopo settimana.

Gamer Room torna on-air anche giovedì alle 15.00, seguito però dal Cosplay Lounge, alle 21.00, uno spazio pensato per gli appassionati del cosplay a 360°. Accompagnati dalla guida esperta di Federica “IconStitch” Di Paolo, i fan potranno partecipare a veri e propri contest e non mancheranno salotti dove discutere di temi scottanti di questa nicchia dell’intrattenimento, insieme a guest star d’eccezione.

L’ultimo giorno della settimana si alterneranno due format già conosciuti sul canale: Raffaele “IlSolitoMute” Bottone, inviterà i fan a passare il venerdì in sua compagnia partecipando al Quiz show che non andrà mai in TV, con domande e curiosità di tutti i tipi, ovviamente a tema cultura pop, mentre Giulia “Juniper” Migliore permetterà al pubblico di mettersi nei panni di qualcun altro con In My Shoes.

Già collaudata alle fiere di settore, la trasmissione si rivelerà un luogo sicuro dove potersi esprimere liberamente sui temi dell’inclusione, in una costante lotta ai pregiudizi.

E non finisce qui: una volta al mese tornerà Brainstream, il talk show con il dott. Mauro “Mauropsycho” Lucchetta, che ogni volta affronterà un’ospite diverso con la sua “Psico-intervista”. Insomma, non mancano certo le novità su Beyond PG, che si conferma ancora una volta un progetto in grado di coinvolgere e intrattenere tutti, dal videogiocatore incallito al semplice appassionato di cultura pop, ma con tutte le capacità per far riflettere e portare avanti gli importanti temi dell’inclusione.

La conversazione avviata con i fan nelle scorse stagioni continua e si fa sempre più profonda, creando al contempo una community affezionata. Il primo appuntamento da segnalare in agenda è proprio oggi, alle 10.00, con il Bar dell’Esports, ma PG Esports è pronto ad accompagnare la community fino alla fine dell’estate con il suo rinfrescante palinsesto: stay tuned!

Studio USA rivela: “I videogame migliorano il quoziente intellettivo dei bambini”

Studio USA rivela: “I videogame migliorano il quoziente intellettivo dei bambini”

Profilo di Stak
 WhatsApp

Videogame & Bambini – Una nuovo importante studio pubblicato su Nature svela in modo inequivocabile quali sono gli effetti dei videogiochi sulle menti dei più piccoli: un miglioramento, seppur contenuto, del quoziente intellettivo.

Lo studio, dal titolo “The impact of digital media on children’s intelligence while controlling for genetic differences in cognition and socioeconomic background“, aveva proprio il fine di comprendere che tipo di impatto hanno i media digitali sulla psiche dei bambini.

Il tutto è stato condotto da un team internazionale coordinato dal Professor Torkel Klingberg, docente di neuroscienze cognitive presso l’istituto Karolinska di Stoccolma. Lo studio ha coinvolto quasi 10 mila bambini/e (9.855 per la precisione), tutti compresi tra i 9 ed i 10 anni, e residenti negli Stati Uniti.

Ogni bambino ha sostenuto vari test psicoattitudinali, compilando al contempo (ed insieme ai genitori) dei questionari utili per determinare la situazione socioeconomica del nucleo familiare. Dalle prime risposte date dai bambini, è emerso che in media questi trascorrevano:

  • due ore e trenta minuti al giorno guardando la TV o video online
  • un’ora giocando ai videogame
  • mezz’ora sui social

I videogame favoriscono il miglioramento del QI dei bambini

Dopo due anni, circa la metà dei bambini intervistati è stata sottoposta nuovamente ai test attitudinali, per verificare delle eventuali discrepanze/differenze.

Secondo quanto emerso da questa nuova tornata di test, i bambini che hanno giocato ai videogame per un tempo maggiore rispetto alla media (che era, lo dicevamo poco sopra, di un’ora), hanno goduto di un miglioramento del loro quoziente intellettivo.

In media, è stata calcolata una crescita di 2.5 punti di QI per i bambini che hanno giocato più tempo della media ai videogame.

Questo dato dovrebbe, forse finalmente, estirpare quel pregiudizio secondo il quale i videogiochi “bruciano il cervello”. Non è cosi, anzi semmai è l’esatto contrario (seppur, lo ripetiamo, in modo del tutto contenuto).

Su questa stessa linea le parole del Professor Klingberg, che nel comunicato stampa ufficiale relativo allo studio ha infatti dichiarato: “I nostri risultati supportano l’affermazione che […] giocare ai videogiochi può effettivamente aiutare a rafforzare l’intelligenza“.

Chissà cosa ne penserà il Ministro dello Sviluppo Economico Giorgetti, che meno di una settimana fa parlava di “giovani cervelli bruciati” a causa degli esports…

Esports, per il Ministro dello Sviluppo Economico Giorgetti “rovinano il cervello”

Articoli correlati sull’argomento: