Prime avvisaglie su Warzone dei silent aim hacks: ed anche il semplice mirare diventa un optional

Prime avvisaglie su Warzone dei silent aim hacks: ed anche il semplice mirare diventa un optional

Profilo di Stak
 WhatsApp

Silent Aim Warzone – Sui social ci si è recentemente potuti imbattere in un nuovo particolarissimo hack che andrebbe ad annullare anche l’ultimo rimasuglio di “Call of Duty giocato” degli account dei cheater.

Per “cheat” siamo sempre stati abituati a pensare al wall hack, o all’aiuto alla mira, ovvero programmi illegali che effettivamente aiutano il giocatore nello scoprire la posizione esatta degli avversari, o che lo aiutano a mirare sempre alla testa dei nemici.

Questi software esistono da sempre nel mondo degli sparatutto, ma probabilmente non sono nulla se paragonati all’ultimo programma che alcuni imbroglioni stanno usando…in grado di annullare anche l’ultimo residuo di “FPS” presente in Warzone con i giocatori che sostanzialmente non devono più nemmeno mirare per mandare i colpi a segno.

Stiamo parlando in particolare del Silent AIM Hack, programma che permetterebbe ai giocatori di sparare del tutto a caso, sicuri del fatto che i colpi andranno a bersaglio.
Vista l’invasività di questo software, non sono pochi gli esperti ad aver detto di essere estremamente preoccupati perché a differenza del solito sembra che questo hack vada proprio ad intercettare e modificare i pacchetti del server, generando una situazione che, sinceramente, non pensavamo auspicabile fino a qualche giorno fa.

Seppur fortemente sbagliato, ingiusto e scorretto, un hack per gli headshot non ha comunque l’impatto devastante che si è invece registrato con questo nuovo software. Il mondo al contrario direte voi, ed a ragion veduta, considerato che dopo più di un anno siamo qui addirittura a parlare di “cheat negativi, e cheat ancor più negativi”, ed il problema sembra ancora distante dall’essere risolto.

Questo ultimo cheat dimostra in modo ormai indiscutibile come alcuni giocatori (tutti quelli che utilizzano programmi del genere) siano del tutto privi del concetto basilare di “gioco” e “sfida ad armi pari”, e contro questi soggetti si può intervenire in un solo modo: l’espulsione definitiva dai server.

Activision ha in più occasioni rilasciato imponenti tornate di ban, ma come spesso ribadito, eliminare un account in un gioco che prevede la possibilità di rifarsi gratuitamente un account non è poi troppo incisiva come strategia offensiva.

Il nuovo Silent Aim Hack

Lo stesso cheater che vediamo nel video sopra, si chiama IHave900Accounts (io ho 900 account, ndr), un evidente segno di schernimento nei confronti di Activision e di tutti i giocatori onesti di Warzone.

Ancora una volta ribadiamo con forza la necessità che Activision intervenga, e che lo faccia con una strategia che sia diversa rispetto a quanto visto fino ad oggi. Alcuni consigliano di aggiornare gli account (tutti) collegandoli ad un nome/cognome (e relativo documento d’identità) ben specifico, mentre altri di inserire nei nuovi account una fase iniziale obbligatoria che possa fungere da “deterrente” per evitare che i giocatori si aprano infiniti account.

I cheaters ci sono sempre stati nel mondo dei gaming (cosi come da sempre, nel mondo dello sport, ci sono gli atleti incapaci che hanno bisogno di macchiarsi di azioni criminali per poter raggiungere un obiettivo), e purtroppo siamo abbastanza sicuri che continueranno ad esistere.

In un gioco come Warzone incontrare un cheater può avere però effetti davvero devastanti, che possono portare un giocatore ad abbandonare rapidamente Verdansk (nel multiplayer, seppur sempre frustrante, è sicuramente meno drammatica sulla partita la presenza di un imbroglione), ed è bene che Acti comprenda questo punto, anche a costo di sacrificare (di più o di meno non sta a noi dirlo) parte di quella “mobilità” intrinseca in un gioco gratuito e completamente accessibile, fin da subito, come Warzone.

Cosa ne pensate community?
La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

Dal PlayStation Store: “sul prossimo Modern Warfare 2 si parla di visore VR”

Dal PlayStation Store: “sul prossimo Modern Warfare 2 si parla di visore VR”

Profilo di Stak
 WhatsApp

Modern Warfare VR – Una notizia clamorosa quella giunta pochi minuti fa direttamente dallo store di PlayStation.

Dai file trovati dai dataminer è infatti comparso un avviso di sicurezza relativo ai visori per la realtà virtuale. Si tratta ovviamente di un “leak”, di una informazione che non è ancora ufficiale o in alcun modo confermata.

La cosa interessante però, è che controllando gli altri titoli presenti sul PlayStation Store, è stato notato che nessuno di questi ha la voce sulla sicurezza con questa tipologia di dispositivi.

Questo ha portato gli esperti a convincersi della reale concretezza della questione “Modern Warfare 2 e VR“.

La voce relativa ai dispositivi VR è rintracciabile nella sezione  “Health / Ratings / Privacy / Terms”, dove un avviso raccomanda di utilizzare il VR (su COD, anche se non è esplicitato) in modo “sicuro”.

Quale motivo ci sarebbe di inserire questa voce, se non fosse assodata la possibilità di utilizzo del VR sul nuovo COD? Nessuno secondo il nostro punto di vista.

Questo vuol dire che avremo il VR sul prossimo Call of Duty? 

E’ a questo punto molto probabile, considerando anche la precedente esperienza maturata da Call of Duty con i dispositivi VR.

Come molti di voi ricorderanno, nel 2016 era disponibile su Infinite Warfare l’esperienza Jackal Assault, di cui potrete avere un assaggio cliccando qui.

Non ci resta che attendere eventuali novità nei prossimi giorni, ricordandovi che tra l’8 ed il 9 di Giugno dovremmo scoprire una notevole quantità di informazioni sul nuovo MW2.

Restate sintonizzati con noi per non perdervi neanche un aggiornamento!

Articoli correlati: 

L’AX 50 non è più un segreto su Warzone: è oggettivamente lo sniper migliore del gioco!

L’AX 50 non è più un segreto su Warzone: è oggettivamente lo sniper migliore del gioco!

Profilo di Stak
 WhatsApp

AX 50 WarzoneA neanche 24 ore dal primo annuncio di Jgod relativo all’AX50, ci ritroviamo in una situazione che non vedevamo da tempo, con un’arma che è totalmente “sovrana” di un’intera categoria.

In questo momento infatti, qualsiasi altra arma cecchino non sembra assolutamente reggere il controllo con questo “cannone”. La principale peculiarità di quest’arma, oltre al fatto che esegue uccisioni in one shot anche a 4/500 o più metri di distanza, è che è una hitscan pura al 100%.

Quando parliamo di “hitscan“, ci riferiamo alla capacità dell’arma di far arrivare il proiettile a bersaglio solo pochi millesimi di secondo dopo lo “sparo”.

Stiamo parlando di una frazione di centesimo di secondo, cosi insignificante da far pensare che sia del tutto assente il “tempo di viaggio” che il proiettile impiega a percorrere dal fucile fino al bersaglio.

La cosa più interessante di tutto questo, è che i devs hanno effettivamente “nerfato” la velocità dei proiettili del fucile, e lo hanno fatto lo scorso 25 Maggio. Si erano quindi accorti che “qualcosa” non quadrava, ed hanno deciso di optare per un lievissimo nerf del 4% alla velocità dei colpi.

Il nerf all’AX 50 c’ già stato, ma l’arma è ancora hitscan

Questo però ci porta a pensare che i devs sono ben consapevoli del funzionamento di quest’arma, e che questo comportamento “hitscan” è del tutto “voluto”.

Al momento l’AX50 ha visto raddoppiare il numero di pick nelle partite. Questo significa che chi sta riprovando l’arma, ne resta colpito e continua a giocarla. Non possiamo che consigliarla ancora una volta, questa volta vedendo le versioni proposte da altri due mostri sacri della scena.

Di seguito le versioni preferite al momento da Zlaner (giocatore PAD) e Metaphor (giocatore mouse e tastiera):

Loadout consigliati per AX50 – Warzone

Loadout consigliato da Zlaner per AX50
Loadout consigliato da Metaphor per AX50

Cosa ne pensate community? Avete già provato la vostra versione di AX 50 per le sessioni di Warzone?

La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

Il nerf alla STIM è già online su Warzone! Nella notte importanti buff per le LMG Whitley e Type 11!

Il nerf alla STIM è già online su Warzone! Nella notte importanti buff per le LMG Whitley e Type 11!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Nerf Stim – Durante le ore a cavallo tra il 26 ed il 27 Maggio sono state pubblicate delle nuove note della patch dagli sviluppatori di Warzone.

Questi hanno infatti confermato il nerf alla STIM, spiegandone tutti i dettagli, ma hanno anche reso noti i bilanciamenti relativi a due note mitragliatrici leggere.

Iniziamo dalla Stim, equipaggiamento tattico di cui sapevamo sarebbe arrivato un importante nerf. Molti pensavano che ci sarebbero voluti più giorni per il rilascio, e invece l’update è andato online a meno di 24 ore dal rilascio della midseason patch.

Con questo update le Stim ricevono le seguenti modifiche:

  • L’effetto rigenerante della STIM ora viene rimosso quando si subiscono danni dagli attacchi con le armi
  • Velocità in scivolata ridotta del 40%
  • Tempo massimo della scivolata ridotto da 1,9 a 1,3 secondi

Non solo il Nerf alla Stim…Ecco i potenziamenti per Whitley e Type 11

La patch rilasciata nella notte ha introdotto delle modifiche anche per alcune armi. In realtà questi cambiamenti erano stati attivati già lo scorso 25 Maggio con la midseason patch, ma le modifiche non erano state correttamente riportate nelle note.

Le due armi in questione sono le LMG Whitley e Type 11. Per la prima sono stati alzati i danni minimi, il raggio dei danni massimi, ed i moltiplicatori dei danni alla testa ed al collo. Inoltre, ricevono dei corposi buff i colpi British 45 e BMG 150, ma anche il calcio CGC R4.

Anche la Type 11 vede aumentare i suoi danni massimi, con dei buff anche per le canne Sakura 261mm e 487mm, e per la canna Warubachi 352mm.

Dettagli ufficiali bilanciamento Whitley e Type 11 – Warzone

  • Whitley (VG)
    • Min Damage increased to 32, up from 31
    • Max Damage Range increased to 38.1 meters, up from 33 meters
    • Headshot Damage Multiplier increased to 1.7, up from 1.5
    • Neck Damage Multiplier increased to 1.3, up from 1.24
    • .303 British 45 Round Mags
      • Firerate Scaler to decreased 5%, down from 18%
      • Damage Penalty removed
      • Bullet Velocity increased to -8%, up from -12%
    • .50 BMG 150 Round Boxes
      • ADS Time Scaler increased to 0.93, up from 0.88
      • Bullet Velocity increased to 25%, up from 10%
      • Damage Range increased to 30%, up from 20%
    • CGC R4 Stock
      • ADS Time Scaler increased to 0.97, up from 0.96
      • Horizontal Recoil Control Increased by 3%
  • Type 11 (VG)
    • Max Damage increased to 26, up from 24
    • Sakura 261mm 
      • Velocity Penalty removed
    • Sakura 487mm Shrouded
      • Bullet Velocity increased to 50%, up from 40%
    • Warubachi 352mm
      • Damage Range now increased by 10%
      • Bullet Velocity now increased by 20%

Cosa ne pensate di queste modifiche community? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: