Perchè MuTeX è stato accusato di essere un cheater? La vicenda, ed il punto di vista del pro canadese

Perchè MuTeX è stato accusato di essere un cheater? La vicenda, ed il punto di vista del pro canadese

Profilo di Stak
 WhatsApp

Il formidabile Charlie “MuTeX” Saouma, giocatore professionista canadese classe 1994, è certamente uno dei player più seguiti di tutta la scena internazionale di Call of Duty Warzone.

Attivo da tanti anni all’interno della scena competitiva di COD, MuTeX è recentemente diventato un vero e proprio punto di riferimento per quel che riguarda il mondo di Warzone, mettendosi in mostra con la conquista di numerosi record di kill, e con la pubblicazione di tantissimi preziosi video in cui consiglia stili di gioco e classi migliori per le armi.

MuTeX è per questo stato sempre considerato come un personaggio assolutamente positivo all’interno della scena, una fonte affidabile e sempre molto aggiornata rispetto a tutti quelli che sono i principali aspetti legati al gameplay di Warzone (di poche ore fa l’ultimo articolo in cui abbiamo parlato proprio di MuTeX, e della sua recente straordinaria performance in lobby con più di 40 kill con il suo Fara83altri dettagli qui).

Metaphor spiazza tutti con il PP19 Bizon (buffato), mentre MuTeX (con 41 kill) ammette: “il Fara è ancora il Re degli AR”

Di recente però, MuTeX si è ritrovato addosso una pericolosissima ondata di accuse da parte di alcuni utenti, secondo i quali il pro farebbe uso del Cronus durante le sue partite ufficiali. Per chi non lo ricordasse, abbiamo largamente discusso sul Cronus e sul perchè da molti viene giudicato come un vero e proprio “cheat” anche in un precedente articolo, che potrete trovare cliccando qui.

Alcuni di questi utenti hanno infatti trovato l’icona del programma Cronus Max sul desktop dello stesso MuTeX mentre questo faceva un cambio di schermata nel corso di una sua diretta streaming. Questi giocatori hanno immediatamente accusato MuTeX di essere un baro, e la prova sarebbe stata la presenza nel suo computer proprio dell’app Cronus Max.

MuTeX non si è però assolutamente fatto problemi a rispondere prontamente alle accuse, prima spiegando che “il programma Cronus Max era sul mio PC fin dai tempi dei tornei in lan di World at War, perchè all’epoca era prassi comune che ai giocatori venisse richiesto di utilizzare un dispositivo cronus per evitare le interferenze bluetooth, e da allora non l’ho mai eliminato“, e poi pubblicando un video in cui mostrava il suo task manager prima dell’avvio di una diretta, in cui era evidente che non vi fossero altri programmi “malevoli” attivi in background.

 

La risposta su Twitter

Le prove svelate su Twitch

Dal nostro punto di vista, le motivazioni, e le prove, fornite da MuTeX su Twitter e nel video sono assolutamente credibili (è vero che il Cronus, se usato in un determinato modo, ed in lan – quindi sotto gli occhi di tutti – non può essere in alcun modo dannoso), e tantissimi giocatori della community non hanno impiegato troppo tempo prima di manifestare tutta la loro solidarietà nei confronti del campione per le false accuse.

Operatori felicissimi per “BR Ritorno Quartetti”: e per molti, è già la migliore modalità di Warzone!

Voi cosa ne pensate community?

La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

Anche le STIM rotte ai mondiali di Warzone: un Entervene “immortale” fa fuori Booya, il video è virale

Anche le STIM rotte ai mondiali di Warzone: un Entervene “immortale” fa fuori Booya, il video è virale

Profilo di Stak
 WhatsApp

Non solo VPN e giocatori “collusi” per guadagnare più kill… Ai mondiali di Warzone abbiamo purtroppo visto anche un glitch relativo alle Stim che rischia di minare l’integrità competitiva dell’intero torneo.

Come noto, le siringhe tattiche Stim causano un malfunzionamento per il quale la vita non va mai sotto lo zero. Questo glitch era stato precedentemente risolto, anche se si è nuovamente manifestato durante il recente qualifier per la regione nordamericana dei mondiali, andando a colpire uno degli streamer più seguiti del mondo.

La “vittima” in questo caso è infatti il celebre Booya, che pur colpendo ripetutamente il suo avversario Entervene non è riuscito a portare a casa la fight, venendo sconfitto.

Come potrete vedere voi stessi dal video allegato qui in basso, per ogni proiettile di Booya che va a bersaglio, la Stim rigenera tutta la vita a velocità sorprendente.

Di fatto la vita di Entervene viene ripristinata tra un proiettile di Booya e l’altro… Rendendo la kill impossibile allo streamer del FaZe Clan…  La cosa ha chiaramente scatenato le ire dei giocatori, con il video in questione che ha ottenuto decine di migliaia di views in poche ore.

Resta ora da capire se i devs riusciranno a fixare questo fastidiosissimo glitch, che rischia di compromettere il già delicatissimo equilibrio che contraddistingue gli eventi competitivi di Warzone.

Segnalato un bug per i Lanciatori

Sempre riguardo a bug e glitch, si segnala un nuovo malfunzionamento ai lanciatori come l’RPG.

Sembra infatti che alcuni proiettili non vengano correttamente registrati sul bersaglio (pur essendo giusta la mira). Al momento il bug non è stato condiviso sul Trello ufficiale, ma non appena disponibili provvederemo a pubblicare nuovi ed eventuali aggiornamenti.

Cosa ne pensate community? La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

Jgod si sbilancia e definisce l’SVT-40 “Overpowered”! Anche il TUNDRA tra i migliori fucili sniper di Warzone

Jgod si sbilancia e definisce l’SVT-40 “Overpowered”! Anche il TUNDRA tra i migliori fucili sniper di Warzone

Profilo di Stak
 WhatsApp

Speciale Fucili Sniper Warzone – Con una serie di nuovi video, due importanti esperti della scena globale di Call of Duty Warzone hanno svelato altrettante versioni per dei fucili da sniper assolutamente performanti.

I protagonisti di questo update sono JGOD e Metaphor, certamente due tra i più seguiti player del BR Activision. Partendo dal primo, Jgod si è voluto concentrare su di una particolare versione dell’STV-40, fucile tattico di Vanguard che pare provvisto di un TTK assolutamente sorprendente.

Jgod è assolutamente rimasto di sasso di fronte alla competitività garantita da questo fucile, anche perchè l’SVT è uno dei meno usati in tutto il gioco. Pensate che secondo i dati di WzRanked, al momento l’SVT viene scelto solo nello 0,03% dei casi… Sarebbe anche sbagliato parlare di “minoranza” visto che, numeri alla mano, l’SVT al momento non esiste proprio nella scena.

Vista la performance garantita, vale la pena provare l’esatta versione suggerita da Jgod che troverete allegata qui in basso.

La seconda arma di questo speciale è poi l’LW3 Tundra usato da Metaphor. In questo caso osserviamo una versione estremamente forte (one shot) sui tiri a distanza superiore ai 40/50 metri.

Loadout suggeriti per fucili SVT-40 e Tundra – Warzone

Sia il Tundra che l’SVT non sono certo famosi per essere dei fucili “rapidi” o comodi per gli scontri ravvicinati… Proprio per questo, in entrambe le classi troverete anche una versione di SMG che vi permetterà di affrontare al meglio le sfide in close range. Andiamo a vedere i dettagli:

Cosa ne pensate di queste versioni community? Quale di queste proverete alla vostra prima occasione disponibile?

La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

Leak svela la data d’uscita di Warzone 2!

Leak svela la data d’uscita di Warzone 2!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Warzone 2 & Data d’uscita – Un nuovo clamoroso leak svela la notizia forse più attesa tra quelle legate all’ormai prossimo Warzone 2.

Come noto infatti, con il nuovo titolo “Modern Warfare 2” gli sviluppatori di Activision rilanceranno da zero anche il loro popolarissimo Battle Royale. Invece di aggiornare la versione attuale, i devs hanno preferito optare per una scelta molto più radicale, proponendo un gioco nuovo di zecca.

Su di questo nuovo BR si è già parlato tantissimo, e non sono mancate le prime informazioni in anteprima esclusiva (altri leak, ndr).

Oggi però veniamo a conoscenza di quella che dovrebbe essere la sua data d’uscita definitiva, forse l’informazione più attesa tra quelle legate al nuovo BR.

Secondo le ultime indiscrezioni, il gioco dovrebbe uscire ufficialmente il prossimo 16 di Novembre, a quasi un mese dall’inizio della nuova epoca di Modern Warfare 2. Il leak consiste in un presunto file ufficiale sopra il quale sarebbero riportate tutte le principali uscite dei giochi Activision Blizzard (FONTE: Imgur).

Warzone 2, probabile data d’uscita: 16 Novembre alle 19.00 (ora italiana)

Sempre leggendo il file del leak, si può vedere che l’orario scelto per il lancio coincide con le 10 del mattino Pacific Time, quindi alle 19 (ora italiana) del prossimo Mercoledì 16 Novembre.

Cosa ne pensate di questa importante leak sulla data d’uscita del nuovo Warzone 2 community? Siete pronti per un Natale a base di Modern Warfare/Warzone 2 in un nuovo rinnovatissimo Call of Duty?

La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: