cronus zen

Il Cronus Zen è come usare cheat: vediamo il perchè

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

I giocatori di Call of Duty Warzone avranno certamente sentito parlare, nella community piuttosto che in partita con i propri compagni di squadra, del celebre cronus zen (spesso chiamato semplicemente cronus) come di uno strumento fortemente negativo, ed a ragion veduta.

Il cronus è uno strumento che viene collegato alla console o al computer che serve a rendere molto più semplice il gioco di chi utilizza il joystick. A differenza dei soliti cheat che sono molto ben visibili dalle killcam avversarie, gli “aiuti” che ci fornisce il cronus sono molto più invisibili e camuffabili, e spesso infatti non vengono riconosciuti per quel che sono: cheat al 101%.

Il cronus interviene aiutando il giocatore applicando delle correzioni alla sua mira attraverso degli script, che di fatto agiscono infrangendo il codice EULA di gioco andando ad amplificare l’aim assist (l’assistenza alla mira, di cui godono il 99% dei giocatori con joystick), rendendo i colpi del cheater sempre precisi e letali.

Per molti giocatori le armi di Modern Warfare sono ormai inutili, e qualcuno chiede anche dei buff al C58

Come funziona un Cronus Zen? 

Per essere assolutamente chiari quindi: giocare con un cronus è sostanzialmente uguale al giocare sfruttando dei cheat o di programmi malevoli per l’esperienza di gioco, e la “pena” per il suo utilizzo è il ban permanente del proprio account dai server di Activision.

Nel caso qualcuno vi dovesse consigliare di provare questa periferica, rassicurandovi che sia completamente sicuro ed indolore, andreste ad infrangere una chiara regola di Call of Duty, esponendovi al rischio di finire in una delle tante (purtroppo, forse ancora insufficienti, ma questo è un altro discorso) ondate di ban per i cheaters.

Warzone si prepara ad ospitare aerei, carri armati, ed anche una corazzata giapponese nella nuova mappa!

Cosa ne pensate community?
La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 


Il Cronus Zen è come usare cheat: vediamo il perchè
Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701