Kyborg becca un altro streamer cheater su Warzone: Top250 ranked finisce su CHEATBUSTERS

Kyborg becca un altro streamer cheater su Warzone: Top250 ranked finisce su CHEATBUSTERS

Profilo di Stak
 WhatsApp

Il celebre Kyborg ha ulteriormente alzato l’asticella del suo cheatbusters, ed è andato a colpire direttamente un noto streamer della community internazionale di Warzone.

Lo streamer e pro player del team DSYRE ha infatti monitorato da vicino il gameplay ed i vod relativi a DCROATIAN, altro streamer di Warzone noto per essere uno dei giocatori della Top250 ranked.

All’attentissimo Kyborg sono bastati una manciata di minuti per capire che c’era qualcosa che non andava nello stile di gioco di DCROATIAN, ed ha quindi deciso di riportare tutto nella sua più celebre creazione: l’ormai popolarissima cheatbusters.

Forte dell’autorevolezza guadagnata durante i mondiali (quando proprio Ky ha scoperto e sbugiardato in pubblica piazza il cheater Ggunz ed il suo team, ndr), Kyborg ha quindi deciso di elevare ulteriormente il suo format… E di presentarlo in lingua inglese, con il primo episodio dedicato all’utilizzatore di wallhack ed aimbot DCROATIAN.

Kyborg inaugura il primo cheatbusters in lingua inglese

In questo modo, sarà molto più semplice riuscire ad arrivare ad un pubblico maggiore ed internazionale…Con la speranza che il Cheatbusters di Kyborg diventi un programma seguito ed apprezzato nel resto del mondo quanto oggi già lo è in Italia.

Da parte nostra, sosteniamo con forza la scelta di Ky di proporre anche video in lingua inglese… Con un format cosi importante, cosi seguito, e soprattutto cosi utile, siamo sicuri del fatto che la lingua inglese metterà Cheatbusters a disposizione di una platea molto più grande di appassionati.

Vedremo come andrà a finire con DCROATIAN, e che decisioni prenderà Activision sulla questione.

  • Articolo realizzato in collaborazione con la community di riferimento di Warzone d’Italia (Facebook )

Articoli correlati: 

Metaphor rivela un altro shotgun spacca meta: ecco il loadout ideale per dominare con l’Haymaker

Metaphor rivela un altro shotgun spacca meta: ecco il loadout ideale per dominare con l’Haymaker

Profilo di Stak
23/02/2024 20:18 di Marco "Stak" Cresta
 WhatsApp

Shotgun Haymaker – Il celebre Metaphor ha svelato ancora una volta un loadout totalmente “rotto”, che potrebbe presto trasformare gli scontri in close range di Warzone in un vero calvario da proiettili incendiari e combattimenti della durata di mezzo secondo.

Questa volta è l’Haymaker a finire nel mirino dell’esperto, con una versione che non lascia spazio all’immaginazione sul lato della competitività. Fortissimo, rapido e letale, l’Haymaker è certamente destinato a far discutere i giocatori nel corso dei prossimi giorni.

Pur essendo assolutamente forte, l’Haymaker non è però cosi “rotto” da richiedere un nerf, che infatti siamo abbastanza sicuri non arriverà.

Per quanto riguarda il loadout, Metaphor è sicuro che la classe in questione sia eccezionalmente forte grazie al suo KIT di Conversione JAK Maglift. Sempre l’esperto ha spiegato che l’arma in questione è devastante se usata in solo (Metaphor ha esplicitamente parlato di “bestia”, ndr), ed è comunque una contender di tutto rispetto se usata in Squad.

Il loadout dello shotgun Haymaker consigliato da Metaphor per Warzone 

armi long range warzone Haymaker full-auto di Metaphor

Avete già provato la brutalità dell’Haymaker nelle lobby di Warzone? Fateci sapere con un commento sul gruppo cosa ne pensate community… La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

  • Articolo realizzato in collaborazione con la community di riferimento di Warzone d’Italia (Facebook – Instagram)

Articoli correlati: 

Warzone è rotto: problemi ai server, alle armi, al battle pass… Il gioco è “esploso” ed i devs cercano una soluzione

Warzone è rotto: problemi ai server, alle armi, al battle pass… Il gioco è “esploso” ed i devs cercano una soluzione

Profilo di Stak
23/02/2024 19:50 di Marco "Stak" Cresta
 WhatsApp

Warzone & Bug/Rotto – Quella che si appresta a concludersi verrà probabilmente ricordata come la giornata più “infernale” degli ultimi anni di Warzone.

Problemi ai server, che ad un certo punto sono finanche andati offline, e poi problemi con i loadout, armi azzerate al livello 1 (tutte le armi, di tutti i loadout), e poi anche intoppi sul battle pass, sulle sfide settimanali, sui punti SR e chi più ne ha più ne metta…

Non è sbagliato affermare che Warzone oggi sia letteralmente “esploso”, con gli sviluppatori che ora stanno facendo tutto il possibile per ripristinare la situazione ad un “minimo” livello di normalità.

I devs hanno quindi iniziato a “spegnere” progressivamente tutti gli aspetti del gioco che potrebbero essere la causa delle problematicità, ad iniziare dalla Champion’s Quest fino ad arrivare alle ranked.

Activision ammette: problemi su Warzone su molteplici aspetti, sono in arrivo dei fix

La situazione al momento sembra in via di miglioramento, con Activision che ha da poco annunciato (almeno) il totale ripristino dei loadout. Pare siano in via di risoluzione anche i problemi relativi all’accesso su Zombie, ed in generale sono davvero tantissimi gli aspetti ed i contenuti su cui i devs stanno lavorando.

Continueremo a monitorare la situazione, fermo restando che ancora non si ha la minima idea di cosa sia accaduto, e perché.

  • Articolo realizzato in collaborazione con la community di riferimento di Warzone d’Italia (Facebook – Instagram)

Articoli correlati: 

Anche per Jgod gli sniper di Warzone utilizzabili sono solo due: “XRK per le mappe piccole, KATT AMR per Urzikstan”

Anche per Jgod gli sniper di Warzone utilizzabili sono solo due: “XRK per le mappe piccole, KATT AMR per Urzikstan”

Profilo di Stak
22/02/2024 20:10 di Marco "Stak" Cresta
 WhatsApp

Speciale Sniper – L’esperto analyst di Warzone Jgod ha pubblicato una guida assolutamente “definitiva” per comprendere quali sono i migliori fucili da cecchino da usare al momento in gioco…

Come facilmente prevedibile, il meta degli sniper ruota al momento attorno a due armi specifiche… Da un lato l’XRK Stalker, sniper in grandissima forma dopo la recente tornata di potenziamenti che ha pesantemente migliorato i suoi  danni… Dall’altro il KATT AMR, cecchino “puro” in grado di abbattere con un solo e singolo colpo anche un bersaglio a distanze siderali.

Quali sono le principali differenze tra questi due fucili? 

Il rinnovato XRK Stalker è sicuramente il migliore da utilizzare su Ritorno e più in generale sulle mappe più piccole e contenute. Dotato della più elevata velocità dei proiettili, l’XRK Stalker è anche lo sniper più “veloce” a livello di utilizzo (non a caso molti lo paragonano al mai dimenticato KAR98-K).

L’unica pecca dell’XRK è che può eseguire dei colpi one shot solo a determinate distanze… Infatti, se il bersaglio (full piastrato) si troverà a più di 75 metri, dovremo tassativamente colpirlo almeno due volte per mandarlo al tappeto.

Il KATT AMR invece non ha limiti riguardo ai colpi one shot, e si presenta ai player come lo sniper “puro” per eccellenza da usare su Warzone. Quest’arma è però anche più lenta ed ingombrante rispetto allo Stalker, oltre ad avere una velocità dei proiettili decisamente minore rispetto sempre all’XRK.

KATT AMR o XRK Stalker, quale sniper usare su Warzone? 

In linea generale quindi, l’XRK Stalker è sempre lo sniper “più consigliato” da utilizzare al momento sul gioco. Nel caso un giocatore sia però caratterizzato da un gameplay più “stazionario” e da gunfight combattuti a distanze anche superiori agli 80 metri, il KATT AMR sarà certamente il fucile più consigliato. Andiamo a vedere i dettagli di entrambi i loadout.

I loadout consigliati per Katt AMR e XRK Stalker di Warzone 

armi long range warzone XRK Stalker – Best Sniper Warzone – Loadout di JGOD
armi long range warzone KATT AMR – Best Sniper Warzone – Loadout di JGOD

Che ne pensate di queste versioni community? Quale proverete durante la vostra prossima sessione di gioco su Warzone? Fatecelo sapere nei commenti, la discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

  • Articolo realizzato in collaborazione con la community di riferimento di Warzone d’Italia (Facebook – Instagram)

Articoli correlati: