WoW, dopo 3 anni e mezzo di ricerche un player trova l’ascia Pendulum of Doom di Uldaman!

WoW, dopo 3 anni e mezzo di ricerche un player trova l’ascia Pendulum of Doom di Uldaman!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Pendulum of Doom – Finalmente una grande soddisfazione per il giocatore Porowl, che dopo anni ed anni di tentativi è finalmente riuscito a mettere le mani su uno degli oggetti in assoluto più rari di tutta Azeroth.

Porowl è infatti riuscito ad ottenere un la celebre ascia Pendulum of Doom, arma a due mani di tipo raro che questo giocatore stava ardentemente desiderando da moltissimo tempo, al punto che Porowl si è recato ad Uldaman alla ricerca dell’oggetto ogni volta che ha potuto, per tutti gli ultimi 3 anni e mezzo.

Pensate che l’oggetto ha una droprate cosi bassa da essere uscito, secondo i dati pubblicati da WoW Head, solamente 5 volte a fronte delle 54,245 kill che gli sono state inflitte. Porowl per riuscire nell’impresa ha dovuto prima completare ben 2000 run nella versione retail di Uldaman e ben 292 in quella di WoW Classic.

La cosa “simpatica” è che nella medesima run il player ha ottenuto un altro oggetto estremamente raro…ovvero il pezzo d’armatura in cloth Papal Fez. Ecco il video della “fortunata” corsa:

Per i grandi collezionisti di Azeroth che avranno trovato interessante la run di Porowl, segnaliamo poi che è stata da poco pubblicata l’anteprima della nuova statua del Lich King, realizzata da Blizzard in serie limitatissima per celebrare i 30 (spettacolari) anni di vita che questa importante azienda statunitense è riuscita ad avere fino ad oggi.

Ecco l’anteprima, con il collegamento al sito ufficiale:

As Blizzard celebrates an epic 30 years, we will be releasing limited-series goodies each remaining month of 2021. In April, we are celebrating the Lich King. Check the Blizzard Gear Store every second Thursday of the month—you never know who (or what) we will be celebrating next!

Release 1 of 8 – the Lich King Collection

arthas statue.pngarthas sketch.jpg

Lich King Arthas 26” Premium Statue
Prince Arthas Concept Art Print 8×10 – Limited Release
Arthas Helm (Legacy Product)

Few have fallen into darkness as completely as the former prince of Lordaeron, Arthas Menethil. From noble beginnings, Arthas’ calculated decisions led him to corruption and despair. He slaughtered those he loved, and many curse his name to this day. As the Lich King, he ruled over a land as bleak as his heart, and his story is a warning to those seeking revenge at any cost.

If Arthas is your jam, head on over to the Blizzard Gear Store, and we’ll see you next month when we will reveal what we’re pulling from the vault next.

 

Cosa ne pensate community?
La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

L’Orda ha la sua TOP100 su Sepulcher! Ancora in “alto mare” l’Alleanza

L’Orda ha la sua TOP100 su Sepulcher! Ancora in “alto mare” l’Alleanza

Profilo di Stak
 WhatsApp

Orda Sepulcher – Durante la scorsa settimana si è finalmente andato a concludere il ranking Top100 delle gilde orda su Sepulcher of the First Ones.

Infatti, grazie alle ultime kill ottenute lo scorso 10 Maggio dagli americani di HC e Unity, e dagli europei di Pure e Экзекьют, si è andata a comporre la Hall of Fame ufficiale per quest’altra incredibile corsa al Progress.

Ricordiamo che la vittoria è andata agli Echo, seguiti dai Method, gli Skyline, gli SK Pieces ed i Liquid, con ben altre 4 gilde cinesi a seguire all’interno della top10.

Decisamente peggiore la situazione dell’Alleanza, con la Hall of Fame che al momento riporta solamente 12 organizzazioni in tutto il mondo. La prima di queste, i cinesi 绝世, sono riusciti ad abbattere la versione mitica del Jailer solamente l’11 di Aprile, a quasi un mese di distanza dalla World First Kill ottenuta sul medesimo boss dagli Echo.

L’aspetto più interessante da notare in questo caso, è che la maggioranza delle gilde Alleanza sono asiatiche, e che solamente una di queste, gli Honolulu di Sylvanas, gioca dall’Europa.

Andiamo a vedere tutti i dettagli con la Hall of Fame completa dell’Orda:

Clicca qui o l’immagine in basso, per accedere al ranking completo con i nomi di tutte e 100 le gilde che hanno concluso Sepulcher of the First Ones.

 

Il punto sul progress italiano

Per quanto riguarda la situazione delle org impegnate su Sepulcher, si segnala che gli Unreal di Nemesis si trovano al momento a 10/11, e da poco hanno iniziato il loro progress sul Jailer mitico.

Questa l’attuale Top10:

# Gilda/Server Progress
1 10/11 M
2 7/11 M
3 7/11 M
4 7/11 M
5 7/11 M
6 7/11 M
7 7/11 M
8 6/11 M
9 6/11 M
10 5/11 M

Cosa ne pensate di questa situazione community? Avreste mai immaginato una tale “emorragia” di gilde Alleanza nella scena occidentale di World of Warcrft?

La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

La World First di Sunwell Plateau ottenuta da una gilda cinese!

La World First di Sunwell Plateau ottenuta da una gilda cinese!

Profilo di Stak
 WhatsApp

World First Sunwell Plateau – Straordinario risultato ottenuto da una gilda di un server cinese su World of Warcraft Classic!

Stiamo parlando degli Old School, gilda cinese dell’Orda che è riuscita in una manciata di minuti a completare il “nuovo” raid di Sunwell Plateau.

Pensate che per l’abbattimento di tutti i boss, compreso Kil’jaeden, è stato ottenuto in poco più di 50 minuti totali!

La run, che potrete trovare su Twitch cliccando qui, ha visto gli Old School avere la meglio su più di 100 gilde, che sono già riuscite ad ottenere il medesimo risultato.

Al momento sono poco meno di 150 le organizzazioni che sono riuscite a superare Kil’jaeden, con gli Avatar, i PROGRESS ed i WELCOME (tutte gilde Alleanza) che hanno concluso Sunwell a pochi minuti di distanza.

Gilde impegnate nella World First: anche i Midwinter salutano la scena! 

Dopo le notizie non positive giunte da casa SK Gaming sembra che anche un’altra storica protagonista delle World First si appresta ad appendere mouse e tastiera al chiodo.

La gilda è quella dei Midwinter, storica realtà nordamericana protagonista di tutti i raid di questi ultimi anni. Detentori di svariate World First come quella su Wrathion, su Maut o su Ursoc, i Midwinter hanno annunciato  con un triste post su Twitter lo scioglimento ufficiale del loro avventura.

Ecco il post:

Cosa ne pensate di questa vicenda community? Quella dei Midwinter è secondo voi una situazione isolata? La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

Attacco DDoS a Blizzard: problemi di connessione nel server americano

Attacco DDoS a Blizzard: problemi di connessione nel server americano

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Una situazione problematica si è verificata questa notte sui server di Blizzard ed ha portato grosse difficoltà a tutti i giocatori del server americano. Si tratta di un attacco DDoS che ha paralizzato i servizi dell’azienda di Irvine nel Nuovo Continente.

Per i meno avvezzi alla terminologia informatica, gli attacchi DDoS (Distributed Denial of Service) sono pratiche informatiche (di hacker) in grado di affollare i server delle aziende con un elevatissimo traffico di dati limitando o paralizzando del tutto i normali servizi.

Potete immaginare come questa pratica abbiamo interrotto il normale afflusso di dati sulla piattaforma Battle.Net. Il problema, però, è stato limitato solamente sul server americano, ma ha comunque provocato una marea di disservizi a migliaia di giocatori.

Molti soffrivano enorme latenza, mentre molti altri sono stati disconnessi senza possibilità di rientrare nei loro giochi preferiti per almeno un’ora, quando Blizzard ha annunciato di aver risolto il problema dell’attacco DDoS ed ha richiesto di riprovare a rientrare in game.

Per almeno un’altra ora, però, i giocatori hanno avuto problemi. Ma pian piano le cose sembrano esser rientrate e tutti i servizi ripartiti con la solita regolarità. Non si conoscono ancora i motivi di questo attacco DDoS, evento che non accade con frequenza elevata

Il tweet ufficiale

Che ne pensate di questa situazione? Avete avuto problemi sul server americano per l’attacco DDoS a Blizzard? Fateci sapere la vostra…

Articoli Correlati: