blizzard

Activision Blizzard: licenziati 20 dipendenti per la questione “abusi sessuali”

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Secondo quanto riferito dal The Financial Times, Activision Blizzard avrebbe allontanato dall’azienda un ingente numero di dipendenti per via dei loro comportamenti non conformi a quelle che sono le regole della società.

La notizia è relativa a questo Martedì, giorno in cui Blizzard ha fatto sapere di aver licenziato 20 dipendenti per questioni legate alla causa lawsuit ed in generale alla questione degli abusi sessuali consumati in azienda, con altri 20 che sono finiti nella lente d’ingrandimento della dirigenza e subiranno varie azioni disciplinari per il loro comportamento.

Pur non essendo noti i nomi di questi  dipendenti estromessi dall’azienda, al Financial Times la chief compliance officer Frances Townsend ha affermato che alcuni di questi erano devs dei loro titoli, mentre altri erano addirittura lavoratori che ricoprivano dei ruoli di supervisione all’interno di svariati team.

Nella lettera interna ai dipendenti in cui sono stati notificati i 20 licenziamenti, la dirigenza di Activision Blizzard ha nuovamente confermato il suo impegno nel voler rendere l’azienda un posto di lavoro migliore annunciando l’imminente aggiunta di 19 lavoratori “full-time”, due di questi specifici per l’Europa e l’Asia Pacifica, che dovranno monitorare ed investigare riguardo al clima presente in ogni succursale di Blizzard sparse in varie nazioni del mondo.

Sempre nella lettera interna, viene poi riproposta l’idea della “tolleranza zero” nei confronti dei dipendenti che si macchiano di qualsiasi tipo di abuso, assicurando quindi a tutti gli altri lavoratori che “licenzieranno o puniranno” i membri nocivi del team.

Ricordiamo che Blizzard si trova oggi nel bel mezzo di una tempesta tra EEOC e DFEH, in quella che è a tutti gli effetti una “guerra” di giurisdizione tra varie realtà statali e federali statunitensi (troverete qui altri  dettagli), sempre per via dello scandalo abusi sessuali scoppiato all’inizio della scorsa estate.

Cosa ne pensate community? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

Fonte: The Reuters


Activision Blizzard: licenziati 20 dipendenti per la questione “abusi sessuali”
Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701