Warzone Mobile: ecco quali sono le mappe e le modalità disponibili

Warzone Mobile: ecco quali sono le mappe e le modalità disponibili

Profilo di Stak
 WhatsApp

Mappe e Modalità – Disponibile solamente da una manciata di ore, il nuovo Warzone Mobile riporta nelle sessioni di gioco le due amatissime mappe di Rebirth Island e di Verdansk!

Oltre a queste, sul nuovo titolo godremo di una playlist che ripropone alcune delle modalità più amate ed apprezzate di sempre dai giocatori, tra cui anche Kill Confirmed e Team Deathmatch. Andiamo a vedere tutti i dettagli dei contenuti disponibili già da oggi, ed anche quelli relativi ai  contenuti in arrivo prossimamente.

Mappe e modalità BR/Ritorno disponibili su Warzone Mobile: 

  • Verdansk (120 giocatori BR)
  • Rebirth Island (48 giocatori Ritorno)

Mappe multiplayer disponibili su Warzone Mobile: 

  • Scrapyard
  • El Asilo
  • Hotel
  • Shoot House
  • Shipment
  • Rust (verrà aggiunta il 3 Aprile)

Modalità Multiplayer presenti su Warzone Mobile: 

  • Mosh Pit
    • Team Deathmatch
    • Domination
    • Hardpoint
    • Kill Confirmed
  • Shoot the Ship
  • Hardcore (verrà aggiunta prossimamente)

Un vero e proprio tuffo nel passato, che sarà sicuramente apprezzato dai giocatori più nostalgici della prima era di Warzone.

Voi cosa ne pensate community? Fatecelo sapere con un commento sul gruppo ufficiale: la discussione, come sempre, è aperta!

  • Articolo realizzato in collaborazione con la community di riferimento di Warzone d’Italia (Facebook)

Articoli correlati: 

Lobby di Warzone Mobile piene di BOT, i player si lamentano: “rovinano il gioco”

Lobby di Warzone Mobile piene di BOT, i player si lamentano: “rovinano il gioco”

Profilo di Stak
08/04/2024 16:02 di Marco "Stak" Cresta
 WhatsApp

Dilagano i BOT su Warzone Mobile – Negli ultimi giorni Reddit ha iniziato a popolarsi di molteplici post inerenti sempre la stessa questione, che sembra ormai preoccupare una cospicua fetta di player di Warzone Mobile

Stiamo parlando della presenza dei bot nelle lobby BR e multiplayer di Warzone Mobile, che sarebbe evidentemente “sfuggita di mano” dal rilascio della nuova patch di Aprile. Secondo alcuni giocatori, sarebbe ormai praticamente “fissa” la presenza di almeno 2/3 bot a partita sul multiplayer, quando non addirittura di più.

Un altro player ha ad esempio mostrato uno screen di una partita MP nella quale, probabilmente, i giocatori reali totali erano forse 2, al massimo 3.

Ricordiamo che la presenza dei bot su Warzone Mobile è stata certificata dagli stessi sviluppatori di Activision

I devs di Warzone Mobile avevano parlato dei bot come di una presenza “marginale”

WTF IS THIS BOTS!!😡
byu/LittlePeepkin inWarzoneMobile

Lo scorso 22 Marzo hanno infatti pubblicamente spiegato che i bot servivano per “velocizzare” le code lobby, e far giocare un numero maggiore di partite ai player. Da “presenza marginale” per riempire i buchi, la sensazione è che al momento i bot stiano servendo più allo scopo di “popolare” le lobby.

Nonostante le numerose critiche, e le lamentele sui forum e sui social, non sembra tuttavia che la presenza dei bot si andrà ad attenuare su Warzone Mobile… Almeno allo stato attuale delle cose, visto che gli stessi devs non hanno in alcun modo risposto alle numerose lamentele espresse durante la prima settimana di Aprile.

Voi cosa ne pensate community? Ricordiamo che con l’update di Aprile, si è parlato per la prima volta esplicitamente anche di bot su Warzone, anche se questi dovrebbero essere aggiunti unicamente su delle lobby create appositamente per i nuovi giocatori… Una sorta di “modalità di allenamento” per permettere ai novizi di prendere le misure con il BR di Call of Duty.

  • Articolo realizzato in collaborazione con la community di riferimento di Warzone d’Italia (Facebook)

Articoli correlati: 

Top streamer spacca in diretta l’iPad, ed i devs di Warzone Mobile lo trollano sui social

Top streamer spacca in diretta l’iPad, ed i devs di Warzone Mobile lo trollano sui social

Profilo di Stak
04/04/2024 19:56 di Marco "Stak" Cresta
 WhatsApp

iPad (rotti) & Warzone Mobile – Il celebre streamer e content creator Ferg ha recentemente fatto parlare di se per alcuni comportamenti tossici avuti durante una live…

Impegnato in una serie di partite sul nuovissimo Warzone Mobile, Ferg si ritrovava faccia a faccia con un avversario nel gulag. La sfida 1 contro 1 non è andato come previsto nei piani di Ferg, che è stato brutalmente sconfitto ed eliminato dalla partita.

La reazione di Ferg è stata virulenta, con lo streamer che si è scagliato contro il suo iPad, colpendolo svariate volte prima di gettarlo con forza sulla scrivania, ed andarsene…

Telegrafica ma eccezionale la risposta dei devs di Warzone Mobile all’accaduto, che al video hanno commentato con “skill issue” (problemi di skill, ndr) taggando direttamente Ferg… Ecco tutto l’accaduto:

Ferg tilta contro il suo iPad e riceve il troll dei devs di Warzone Mobile: 

Fortuna che il buon Ferg l’abbia presa a ridere, ammettendo che anche a lui sembra assurdo che il gioco lo stia “roastando” sul web.

  • Articolo realizzato in collaborazione con la community di riferimento di Warzone d’Italia (Facebook)

Articoli correlati:

Su Warzone Mobile ci sono anche i BOT: “ma solo per velocizzare le code lobby”

Su Warzone Mobile ci sono anche i BOT: “ma solo per velocizzare le code lobby”

Profilo di Stak
22/03/2024 17:15 di Marco "Stak" Cresta
 WhatsApp

Una delle feature più discusse e chiacchierate di sempre torna prepotentemente alla ribalta su Warzone Mobile, generando ancora una volta non poche polemiche.

Stiamo parlando dell’esistenza dei BOT, ovvero dei personaggi controllati dall’intelligenza artificiale, all’interno delle lobby di gioco. Ricorderete sicuramente che per un periodo i BOT vennero aggiunti su Warzone, tra migliaia e migliaia di proteste dei giocatori.

La funzione venne poi disabilitata (almeno questo è quello che venne dichiarato all’epoca), e tutta la questione venne sostanzialmente “archiviata”. Oggi, per ammissione stessa degli sviluppatori, si torna a parlare di BOT, anche se questa volta il titolo protagonista è Warzone Mobile.

Seppur “raro”, gli sviluppatori hanno infatti ammesso che in alcune circostanze il sistema di Warzone Mobile può ricorrere al riempimento delle lobby con personaggi controllati dal computer. Non si tratta quindi di NPC a difesa di un fortino, ma proprio di giocatori “finti” in grado di eseguire kill o di essere killati, andando anche ad aumentare il conteggio delle uccisioni a fine partita.

“Ci potrebbero essere alcuni BOT nelle lobby BR di Warzone Mobile per questioni di tempi d’attesa”

Ad esplicita domanda dei giocatori, i devs hanno risposto che: “Ci possono essere fino a 120 giocatori dal vivo in una singola partita con 0 bot“, ma anche che “Alcuni bot potrebbero esistere per garantire tempi di matchmaking ottimali“… In ogni caso, sempre i devs chiariscono che “Le partite avranno la priorità di essere riempite con giocatori reali“.

Al netto della priorità per gli umani quindi, è vero ed incontrovertibile che il sistema utilizza ed utilizzerà giocatori “finti” per arrivare più velocemente ai 120 necessari per startare una lobby. Una cosa decisamente “brutta”, di cui non riusciamo assolutamente a capacitarci…

Anche qualora fosse assolutamente vero che l’utilizzo dei BOT è assolutamente limitato, ci chiediamo per quale ragione una lobby con 116 giocatori + 4 bot dovrebbe essere “migliore” di una lobby con 116 giocatori e basta. Tutta la faccenda dovrebbe comunque riguardare unicamente le lobby BR di Verdansk e non quelle decisamente più “piccole” di Rebirth Island.

Continueremo a monitorare ed investigare sulla situazione, per capire con la massima precisione quanto realmente “pesano” i bot nelle lobby BR, e quanto in realtà vengano utilizzati dal sistema di matchmaking.

Restate sintonizzati con noi per non perdere neanche un aggiornamento sul nuovo titolo di Activision. E fateci sapere sul gruppo cosa ne pensate: la discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

  • Articolo realizzato in collaborazione con la community di riferimento di Warzone d’Italia (Facebook)

Articoli correlati: