Su Warzone i cheater offrono un servizio di boosting con BOT Lobby nelle ranked

Su Warzone i cheater offrono un servizio di boosting con BOT Lobby nelle ranked

Profilo di Stak
 WhatsApp

Ranked & Boosting Lobby Bot – Dopo anni ed anni di notizie ed aggiornamenti “clamorosi”, abbiamo purtroppo capito che non si può dare nulla per scontato quando si parla di cheater su Warzone

Le ultime e drammatiche novità che riguardano i cheater provengono direttamente dalla Cina, dove pare sia disponibile un servizio di boosting per le ranked che può velocemente spingere qualsiasi “tavolone” fino alla Top 250 assoluta del gioco.

Come? Facendo finire il giocatore che lo richiede (e che paga profumatamente per il servizio) in una lobby di bot, nella quale potrà comodamente firmare decine e decine di kill per centinaia di punti ranking a partita. Partiamo ovviamente da un presupposto: non abbiamo la minima idea di come possano i cheater alterare a tal punto le lobby, finanche le ranked, “scegliendo” a monte chi dovrà prendere parte alla partita.

Diversi video però testimonierebbero che la cosa è possibile, e pertanto vogliamo sperare che chi di dovere nel team Ricochet se ne stia già occupando.

Warzone Ranked: scandalo boosting in lobby bot, il video

Dopo aver visto i cheater entrare direttamente nei computer dei PRO per attivare i cheat, vediamo quindi le “ammucchiate” di bot pronti a farsi sparare dal “cliente” di turno, che cosi può comodamente farmare punti SR in una manciata di partite.

Tutto questo scandalo ha portato anche alla scoperta il fatto che quasi la metà dei giocatori della Top 250 è quindi composta da cheater e giocatori boostati. Uno scempio, che abbiamo deciso di trattare in uno speciale dedicato.

Restiamo in attesa di aggiornamenti sulla questione da parte di Activision, sperando che questi arrivino in modo quanto mai celere e “duro”.

  • Articolo realizzato in collaborazione con la community di riferimento di Warzone d’Italia (Facebook)

Articoli correlati: 

Aydan quasi 100 kill in 2 game su Warzone con lo SVA 545

Aydan quasi 100 kill in 2 game su Warzone con lo SVA 545

Profilo di Stak
23/04/2024 19:49 di Marco "Stak" Cresta
 WhatsApp

Speciale SVA 545 – Il noto Aydan ha letteralmente frullato due lobby Urzikstan su Warzone, riuscendo a concluderle entrambe con più di 40 kill (ed una vittoria finale).

Nella prima, Aydan si è fermato a quota 43 nonostante un tutto sommato deludente 13° posto, mentre nella seconda sfida conferma le 43 kill (per un totale di 53 di team) riuscendo anche a vincere la lobby Battle Royale.

Le due sfide avevano in comune il loadout scelto dal campione dei Subliners, che per la sua classe ha voluto optare per HRM-9 e, questa la novità, SVA 545 per i tiri a lunga distanza. Se la scelta dell’HRM-9 non ci sorprende affatto, lo stesso non si può di certo dire dello SVA 545.

Il fatto che nelle ultime ore si stia parlando tanto dello SVA 545, è da ricondurre allo straordinario controllo che caratterizza l’arma in modalità di fuoco semi automatica. Di fatto è come se l’arma fosse totalmente no recoil, un dato questo che aumenta in modo vertiginoso le potenzialità di utilizzo dello SVA 545… Specialmente se usato in funzione di arma da lunga distanza (20+ metri).

Warzone – Il loadout dello SVA 545 di Aydan: 

Nel loadout proposto da Aydan, lo SVA ricorda il celebre AN-94, uno degli AR più popolari di sempre su Call of Duty. Il fucile può essere giocato con il mirino di vostra scelta, ed infatti nel loadout si trova una doppia opzione. Andiamo a vedere i dettagli della classe…

armi close range warzone SVA 545 + HRM-9 di Aydan

Cosa ne pensate di questo loadout relativo allo SVA 545 community? Fatecelo sapere con un commento sul gruppo ufficiale: la discussione, come sempre, è aperta!

  • Articolo realizzato in collaborazione con la community di riferimento di Warzone d’Italia (Facebook)

Articoli correlati: 

HRM e RAM rimosse dalle ranked di MW3: ecco i dettagli della nuova patch

HRM e RAM rimosse dalle ranked di MW3: ecco i dettagli della nuova patch

Profilo di Stak
23/04/2024 18:59 di Marco "Stak" Cresta
 WhatsApp

Speciale MW3 – Da pochi minuti è disponibile su Warzone e Modern Warfare 3 una nuova patch, che introduce alcune piccole ma sostanziali novità per entrambi i titoli.

Iniziando proprio da Warzone, gli sviluppatori hanno pubblicato 3 specifici hotfix utili a risolvere altrettanti bug del gioco.

Oltre ad aver risolto un problema relativo alla collisione di Rebirth Island (i giocatori non dovrebbero più riuscire ad exploitare alcuni “bordi” per sparare senza farsi vedere, ndr), vengono fixati anche i seguenti bug:

  • Fixato il bug che impediva la riproduzione dell’animazione della maschera antigas, facendola funzionare in modo improprio
  • Risolto il problema che impediva ai giocatori seduti sul sedile del passeggero di utilizzare gli UAV

Le modifiche della nuova patch anche per MW3 e le ranked

Per quel che riguarda il multiplayer di Modern Warfare 3 invece, si segnala che sono state aggiunte delle nuove armi al pool di quelle “inutilizzabili” nelle partite ranked (o classificate).

Queste saranno le tre pistole mitragliatrici WSP Swarm, HRM-9 e RAM-9, ed i 3 AR BP50, Holger 556 e MTZ-556.

Sempre per quel che concerne il multiplayer, si segnala anche la risoluzione di un imprevisto bonus garantito da alcune impugnature posteriori delle pistole (o handgun, ndr).

Nelle note della nuova patch di MW3 di legge:

Risolto un problema relativo alle impugnature posteriori delle pistole che consentiva ai giocatori di ottenere un vantaggio ingiusto

Troverete tutti i dettagli relativi alle note della patch cliccando qui.

  • Articolo realizzato in collaborazione con la community di riferimento di Warzone d’Italia (Facebook)

Articoli correlati: 

TTK velocissimo per alcune armi di MW2 su Warzone: i loadout migliori

TTK velocissimo per alcune armi di MW2 su Warzone: i loadout migliori

Profilo di Stak
23/04/2024 17:58 di Marco "Stak" Cresta
 WhatsApp

Speciale Loadout MW2 – Secondo quanto segnalato dall’esperto WhosImmortal, sarebbero almeno 3 le armi di Modern Warfare 2 a giocarsi un posto al vertice del meta di Warzone.

Il loro TTK eccezionalmente basso, ed il loro facilissimo utilizzo, renderebbero di diritto armi come Vaznev 9K ed STB 556 delle protagoniste indiscusse del meta di gioco, rispettivamente del meta close e del meta long range.

Ma non è tutto, perché WhosImmortal ha celebrato il RAPP-H come l’indiscusso “TOP 1” del momento per quel che concerne le potenzialità offensive.

Questo parere non ha trovato riscontro anche negli approfondimenti di altri esperti, ma WhosImmortal si è spesso contraddistinto per aver “anticipato” il meta, e riteniamo quindi che le armi ed i loadout da lui consigliati meritino almeno una prova dedicata.

Warzone – I loadout migliori da usare per le armi di MW2: 

Di seguito troverete i dettagli per i vari loadout, tutti assolutamente eccellenti per Rebirth Island e per la modalità Ritorno.

Poco dopo il nome dell’arma, è indicato anche per quale tipo di combattimento è consigliabile, e quindi per la distanza ravvicinata (close), per la media distanza (midrange) o per le distanze più lunghe (long range).

armi close range warzone Holger 556 – Top Loadout Midrange di EyeQew
armi close range warzone RAPP-H – Top Loadout Long Range di WhosImmortal
armi close range warzone TR-76 Geist – Top Loadout Long Range di WhosImmortal
armi close range warzone STB 556 – Top Loadout Mid/Long Range di WhosImmortal
armi close range warzone FR Avancer – Top Loadout MidRange di WhosImmortal
armi close range warzone Vaznev 9K – Top Loadout Close Range di WhosImmortal

Cosa ne pensate di queste versioni assolutamente eccezionali community? Quale proverete durante la vostra prossima sessione di gioco su Warzone? Fatecelo sapere nei commenti, la discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

  • Articolo realizzato in collaborazione con la community di riferimento di Warzone d’Italia (Facebook)

Fonte immagine copertina: Youtube WhosImmortal 

Articoli correlati: