One Piece Film: Red, arriva finalmente nei cinema italiani

One Piece Film: Red, arriva finalmente nei cinema italiani

Profilo di PizzaAllaDiavola
14 Settembre 2022 9:44 di Antonio "PizzaAllaDiavola" Catino
 WhatsApp

One Piece Red in Giappone è stato un gran successo, la pellicola ha incassato circa 10 miliardi di yen, diventando il film di One Piece più redditizio di sempre e rivelandosi come il film anime che ha incassato di più nel 2022, avvicinandosi a Demon Slayer: Il Treno Mugen che è il film anime che ha incassato di più nel Sol Levante.

La Toei ha distribuito il film anche negli altri Paesi dove continua a registrare ottimi risultati al botteghino, mentre in Italia non c’era ancora una data di uscita, fino ad ora.

Infatti, recentemente il canale Youtube di Anime Factory ha pubblicato il primo trailer in italiano che rivela finalmente la data di uscita: l’1° dicembre.

Il film vedrà il ritorno di uno dei personaggi più misteriosi ed interessanti dell’opera: Shanks il Rosso, uno dei quattro imperatori e colui che ha spinto Rufy a voler diventare Re dei pirati.

Il lungometraggio introdurrà anche un nuovo personaggio: Uta, la figlia di Shanks, il cui potere sembra essere legato alla sua voce che, come afferma la sinossi del film, viene definita “ultraterrena”.

In occasione del Lucca Comics 2022, One Piece Film: Red potrà essere visionato in anteprima alla fiera il 7 e l’8 di novembre in versione sottotitolata in italiano, grazie ad un evento dedicato ad esso.

Andrete a vedere il film al cinema? La discussione è aperta!

Articoli correlati:

Deadpool 3: Hugh Jackman confermato nei panni di Wolverine

Deadpool 3: Hugh Jackman confermato nei panni di Wolverine

Profilo di PizzaAllaDiavola
28 Settembre 2022 10:26 di Antonio "PizzaAllaDiavola" Catino
 WhatsApp

L’attesa è finalmente giunta al termine, i fan hanno atteso notizie riguardanti Deadpool si dalla sua acquisizione da parte della Disney per essere inserito nel MCU.

Buone notizie sono all’orizzonte: Deadpool sta tornando, Ryan Reynolds è pronto per vestire i panni del mercenario chiacchierone e il film sarà vietato ai minori come da prassi.

Ma c’è una novità: Hugh Jackman tornerà ufficialmente nei panni di Wolverine in Deadpool 3 che finalmente ha una data di uscita.

Deadpool e Wolverine

Ryan Reynolds, tramite un video postato sul suo account Twitter (che troverete allegato in basso), ha rivelato che Deadpool 3 uscirà il 6 settembre 2024, confermando il ritorno di Jackman nel mutante degli X-Men.

Nel video Reynolds afferma: “Stiamo lavorando sul film da molto tempo, la sua prima apparizione nel MCU deve essere speciale”. Verso la fine del video, afferma scherzosamente: E io… non ho niente… completamente vuoto… ma abbiamo un’idea. Hey Hugh, vuoi interpretare Wolverine ancora una volta?”… Jackman passa e poi risponde: “Certo Ryan”.

Si sente I Will Always Love You di Whitney Houston e l’artiglio di Wolverine squarcia il logo di Deadpool, che finalmente rivela la data di uscita.

L’ultima volta che Jackman ha interpretato Wolverine è stato nel 2017 in Logan. Si presume che questa sarà la sua ultima apparizione nei panni del supereroe.

Sei contento del ritorno di Jackman nei panni di Wolverine? Faccelo sapere nei commenti!

Articoli correlati:

Alan Rickman, RIVELAZIONE nel suo diario: provò ad ABBANDONARE il ruolo di Severus Piton in Harry Potter

Alan Rickman, RIVELAZIONE nel suo diario: provò ad ABBANDONARE il ruolo di Severus Piton in Harry Potter

Profilo di Gosoap
27 Settembre 2022 12:31 di Amin "Gosoap" Bey El Hadj
 WhatsApp

Un nuovo libro contenente, tra le altre cose, anche alcune pagine direttamente dal diario personale di Alan Rickman, ha rivelato al fandom Potterhead che l’attore era inizialmente intenzionato ad abbandonare il franchise di Harry Potter ed il suo ruolo come Severus Piton.

Quando si pensa ai personaggi più iconici della saga di Harry Potter risulta molto difficile non pensare a Piton ed alla magistrale interpretazione di Alan Rickman (nella versione italiana in parte sostituita con la voce di Francesco Vairano).

L’attore, che purtroppo ci ha lasciati nel 2016 a causa di un terribile cancro, aveva tuttavia lasciato una lunga serie di scritti che ci aiutano a ricostruire i suoi passi all’interno del mondo di Harry Potter – non senza qualche sorpresa.

Alan Rickman – rivelazione dopo la morte sul suo ruolo come Piton in Harry Potter

Il libro in uscita tra Ottobre e Novembre sarà intitolato in originale “Madly, Deeply: The Diaries of Alan Rickman” e come anticipato includerà 25 anni di pensieri scritti lasciati dall’attore prima della scomparsa.

In un articolo pubblicato dai colleghi del Guardian, tuttavia, abbiamo ricevuto una piccola anteprima di quello che vedremo all’interno dell’opera, compreso un passaggio che ha incuriosito tutti, datato 4 Dicembre 2002, appena un anno dopo la pubblicazione del primo film in tutto il mondo.

“Ho parlato con [l’agente n.d.r.] Paul Lyon-Maris dell’uscita da Harry Potter, cosa che secondo lui accadrà. Ma eccoci di nuovo nel punto di scontro con il progetto. Abbiamo ribadito niente più Harry Potter. Non ne vogliono sapere”.

Leggendo altri stralci del diario è possibile vedere immediatamente il rapporto estreamamente complicato tra Alan Rickman ed il suo ruolo come Piton in Harry Potter. A volte descriveva i film come orribili, altre volte li elogiava come dei capolavori. Una mente sicuramente molto contorta, ma che proprio grazie alla sua complessità ci ha regalato uno dei personaggi più iconici del piccolo e grande schermo.

Che ne pensate? Come al solito la discussione è aperta sui nostri canali social!

Articoli Correlati:

Gli Anelli del Potere: chi è Adar?

Gli Anelli del Potere: chi è Adar?

Profilo di Rios
26 Settembre 2022 13:50 di Mario "Rios" Cristofalo
 WhatsApp

La figura di Adar, introdotta nel terzo episodio e sviluppato nei successivi, è sicuramente una delle più affascinanti tra quelle viste finora ne Gli Anelli del Potere. Un personaggio molto carismatico, misterioso, che sembra potare con sé un passato traumatico e molto difficile.

In tanti si sono chiesti chi si nasconda realmente dietro questo elfo Noldor brutalmente sfigurato, e le teorie sono diventate innumerevoli. Oggi proveremo a fare un po’ di chiarezza, facendo anche affidamento a ciò che è scritto nel Silmarillion benché la serie non si basi su quest’ultimo (Amazon non ha i diritti n.d.r.)

Chiaramente non sarà facile navigare in questo caos, ma procederemo per step valutando anche quali siano le opzioni più e meno probabili.

P.S. Se non avete visto gli episodi quattro e cinque della serie, non procedete oltre per evitare possibili spoiler.

Le teorie su Adar ed il suo ruolo ne Gli Anelli del Potere

Sauron – La teoria meno probabile

Sin da quando Adar è stato introdotto nell’episodio tre, in molti hanno subito pensato che dietro la sua figura si celasse lo spirito di Sauron. Questo perché gli orchi mostravano una riverenza incredibile verso il personaggio, tanto da venerarlo e spostarsi al suo passaggio quasi come se fosse un dio sceso in terra.

Inoltre Adar ha una certa assonanza con Annatar, identità con cui Sauron ingannò gli elfi Noldor ed ai quali insegnò l’arte di fabbricare Gli Anelli del Potere con l’unico scopo di sottometterli dopo aver creato l’Unico Anello.

Ma gli atteggiamenti di rispetto e commozione che Adar ha nei confronti degli orchi non riflette molto il modus operandi di Sauron che, per quanto diverso nello stile rispetto a Morgoth, rappresenta il male incarnato e certi sentimenti di compassione non gli appartengono.

Sarebbe sciocco, da parte degli sceneggiatori, nascondere Sauron dietro un personaggio così diverso e così incoerente con il carattere del Nemico.

Il padre degli orchi – La teoria più probabile

Secondo quanto riportato nel Silmarillion, gli orchi non sono delle creature nate dall’amore di Eru Ilùvatar come Uomini ed Elfi, bensì sono stati creati da Morgoth. Egli, infatti, voleva a tutti i costi creare e dare la vita, cosa che non gli era concessa come a nessuno degli altri Valar.

Allora decise di dare comunque vita a delle creature, solo che in modo diverso. Proprio in questo contesto nascono gli orchi, esseri frutto della corruzione degli elfi messa in atto da Morgoth stesso. Ma perché ve ne stiamo parlando? Ebbene, secondo molti, Adar dovrebbe essere il primo elfo rapito da Morgoth, una sorta di paziente zero che ha fatto da cavia gli esperimenti di questo Oscuro Signore.

Le cicatrici ed i segni presenti sul suo volto sarebbero indicative in questo senso, in quanto testimonierebbero i tentativi di trasformazioni messi in atto. Inoltre Adar significa padre nella lingua elfica (in sindarian per la precisione), cosa che andrebbe a legittimare ancora di più il rispetto e la riverenza che gli orchi hanno nei confronti di questo elfo.

Tutto questo renderebbe Adar un personaggio originale a tutti gli effetti, inventato dagli sceneggiatori ed inserito nella serie. Negli scritto di Tolkien non si fa menzione alla figura di Adar, né tantomeno ad un padre degli orchi. Quindi potrebbe essere uno degli scagnozzi di Sauron, oppure un “cattivo d’intermezzo” che sarà utile ad introdurre l’ascesa del Nemico.

Feanor ed i suoi figli – Premessa

Tra tutte le stirpi degli elfi, quella dei Noldor è sicuramente tra le più importanti. Una stirpe che ha delle peculiarità fisiche e caratteriali molto accentuate e che hanno radici profonde nella mitologia tolkeniana. Infatti i Noldor sono stati la seconda stirpe ad intraprendere il viaggio verso Aman (la terra dei Valar), guidati da Finwe.

Si misero subito al servizio del Vala Aule, che riuscì a plasmarli in un popolo di abilissimi fabbri ed artigiani. Questa loro caratteristica permise a Feanor di creare i Silmaril, delle gemme ricche di potere e di luce e bramate anche dallo stesso Morgoth.

Il Nemico voleva a tutti i costi tenere per sé quelle creazioni straordinarie, e riuscì anche a rubarle e portarle con nella Terra di Mezzo. Questo creò un enorme divisione tra i Noldor, in quanto Feanor ed i suoi figli decisero di seguire Morgoth per cercare di riprendersi le gemme.

Il ruolo di Adar – La teoria più interessante

In questo contesto s’inserisce benissimo il background, l’aspetto e l’estetica generale che gli sceneggiatori de Gli Anelli del Potere hanno dato ad Adar. Egli infatti incarna perfettamente le caratteristiche dei Noldor (pelle bianca e capelli lunghi neri) ed ha la stessa stella distintiva che porta Galadriel sulla sua armatura.

Inoltre i suoi racconti parlano espressamente delle terre del Beleriand, terra in cui s’insediarono Feanor ed i suoi figli. Tutte queste informazioni hanno fatto pensare agli spettatori che Adar possa essere uno degli figli di Feanor, o addirittura Feanor stesso.

Inserire uno dei figli di Feanor all’interno de Gli Anelli del Potere sarebbe, però, molto difficile. Infatti questi fanno parte del Silmarillion, opera su cui Amazon non ha i diritti. Discorso diverso per Feanor che, benché sia morto prima degli eventi narrati nella serie, è uno dei personaggi più importanti della mitologia tolkeniana.

La serie ha più volte dimostrato di non rispettare la canonicità, quindi pensare di avere Feanor come protagonista di eventi successivi alla sua morte descritta nelle opere di Tolkien. Inoltre, il fatto che il personaggio sia già stato apertamente citato fa ben sperare sulla “questione diritti”, dando così ancora più importanza alle speculazioni sulla possibile presenza del creatore dei Silmaril.