Deadpool 3, NUOVO TRAILER: TUTTI i Cameo e gli Easter Egg!

Deadpool 3, NUOVO TRAILER: TUTTI i Cameo e gli Easter Egg!

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Nella serata di ieri Marvel Italia ha finalmente rilasciato il trailer finora più completo e coinvolgente riguardante Deadpool 3, grazie al quale abbiamo potuto “ficcanasare” un po’ nel film in uscita a Luglio 2024.

L’assassino più esilarante dell’universo supereroistico tornerà accompagnato da una misteriosa versione alternativa di Wolverine, apparentemente proveniente da una timeline dove ha fallito nel proteggere i suoi compagni ed in cerca di redenzione.

Come da tradizione il trailer è stato riempito di citazioni, cameo ed easter egg tutti da scoprire: in questa guida vedremo i principali, che potrebbero interessare tutti i fan del Marvel Cinematic Universe.

Un Professor X Malvagio

Una delle scoperte più interessanti e discusse del nuovo trailer è stata la rivelazione di Emma Corrin nel ruolo di Cassandra Nova, anche conosciuta come la “versione malvagia” del noto Professor X.

Cassandra è in realtà una forma di vita parassitaria nata senza corpo che, dopo essere stata intrappolata da Charles Xavier usando la telepatia, ha usato il DNA del caro professore per creare un corpo da usare, il che la rende in un certo senso la sorella gemella di Charles.

Sebbene sia uguale a Charles in potere e DNA, nei fumetti Cassandra viene mostrata come il suo esatto opposto in quanto a moralità. Nei fumetti, tra le menti dietro lo sterminio dei mutanti messo in atto dalle Sentinelle c’era anche lei, quindi non ci resta che da scoprire cosa avrà in serbo per questo film.

Ant-Man è morto

Quando nel trailer viene mostrato il nascondiglio di Cassandra, in molti avranno notato che si tratta di un casco gigante di Ant-Man. Nella serie a fumetti “Old Man Logan”, Hank Pym (all’epoca Ant-Man) fu ucciso dal Teschio Rosso in quello che viene ricordato come “Olocausto del supereroe” e il suo corpo fu lasciato per strada.

Che si tratti proprio dei resti del caro Hank? Non ci resta che attendere per scoprirlo.

Nel trailer, all’interno del nascondiglio, è possibile notare anche una serie di personaggi già visti in passato, forse in combutta con Cassandra per il compimento dei suoi piani. In particolare, è chiara la presenza di Lady Deathstrike (X2), Toad (X-Men: Giorni di un futuro passato), Callisto (X-Men: Conflitto finale), Azazel (X-Men: L’inizio ), Colosso (X-Men) e Pyro (X-2).

Addio alla Fox

Durante una scena di combattimento, è possibile vedere sullo sfondo una gigantesca insegna della 20TH Century Fox in rovina, ricoperto da un fitto manto nevoso. Un simbolo inequivocabile della volontà degli sceneggiatori di distanziarsi il più possibile dal passato del franchise “X-Men”, verso un nuovo universo cinematografico.

Deadpool versione cane?

In uno spezzone del trailer avrete sicuramente notato Deadpool alle prese con le “feste” di un piccolo cagnolino vestito proprio come il supereroe. Molti di voi già sapranno che Deadpool è conosciuto per il suo incredibile numero di varianti e questa è proprio una di quelle:

Wilson il cane era un soggetto di test sugli animali per il Mascara X, un mascara particolare che si rigenerava continuamente, anche dopo una sola applicazione.

Tuttavia, quando il mascara finì per dare al cane la capacità di guarire da qualsiasi ferita, fu scartato dal laboratorio e lavorò per alcuni anni in un circo come “Il Mastino che Sconfigge la Morte”, questo finché Deadpool dalla Terra-616 non si presentò e lo reclutò nei Deadpool Corps.

Arriva anche Dottor Strange?

Di particolare interesse è la parte finale del trailer, in cui è possibile vedere Wade e Logan che saltano all’interno di un portale molto familiare ai fan dell’MCU. Dottor Strange in persona, Wong, o qualcun altro di Kamar’Taj giungerà in loro soccorso? L’interrogativo rimane ed il mistero è sempre più fitto.

Che ne pensate? Come al solito la discussione è assolutamente aperta!

Articoli correlati

Marvel SNAP: chi è Yondu? La storia del personaggio

Marvel SNAP: chi è Yondu? La storia del personaggio

Profilo di maretta72
20/05/2024 18:00 di  "maretta72"
 WhatsApp

Storia Yondu –  Continua la rubrica riguardante la storia dei personaggi, più o meno conosciuti dell’universo Marvel! Oggi la puntata è dedicata a Yondu.

Creato nel gennaio 1969 da Arnold Drake e Gene Colan, appare per la prima volta in ‘Marvel Super-Heroes’ volume 1 numero 18.

YONDU: la storia dietro la carta di Marvel Snap

Yondu Udonta è un membro della tribù Zatoan, esseri primitivi nativi di Centauri IV, che lavorava come cacciatore. Il suo pianeta di origine era il primo pianeta colonizzato da esseri umani che erano fuori dal sistema solare della Terra.

Nel 3006, Vance Astro, sbarca sul pianeta di Yondu con una nave a propulsione antiquata. Vance incontra Yondu quando era un adolescente. Il giovane collaborò con Vance quando i Badoon, una razza aliena, attaccarono il pianeta in quel periodo. Si ritiene che tutti gli altri centauriani siano stati uccisi, rendendo Yondu l’unico rimasto del suo popolo.

Il duo provò a scappare, ma venne portato sulla Terra una volta che questa venne conquistata nel 3007. Successivamente riescono a scappare, incontrando altri due sopravvissuti dalle colonie di Giove e di Plutone, con i quali andranno a formare i Guardiani della Galassia per combattere i Badoon.

Negli anni successivi, i Guardiani attaccarono gli avamposti dei Badoon nel sistema solare. Nel 3014 A.D., la squadra dei Guardiani ha combattuto al fianco di La Cosa e Captain America per difendere New York dalle forze dei Badoon.

Yondu insieme ai suoi colleghi Guardiani aiuta anche i Vendicatori contro Korvac. Durante questo scontro, la mano destra di Yondu viene  distrutta e sostituita da Martinex con un’appendice bionica. Yondu in seguito lascia la squadra quando si scopre che una piccola enclave del suo popolo è sopravvissuta su Centauri IV. Questi Kikaahe (“abitanti delle grotte”) sfuggirono alla morte per mano dei Badoon perché le pareti della caverna dove vivevano contenevano il minerale trillite (“yaka”) che bloccava le onde radio, proteggendoli quindi dai sensori. Dal momento che la sua nuova gente non accetterà la sua mano bionica, Yondu acconsentirà ai Guardiani di utilizzare la loro tecnologia medica avanzata per ripristinare la mano originale, potendosi così riconciliare con ciò che rimase del suo popolo.

Poteri e capacità

Yondu possiede una forza leggermente sovrumana (può sollevare circa 400 kg). Ha anche velocità, resistenza, agilità e riflessi uguali a quelli di un atleta umano. I suoi sensi fisici sono più acuti di quelli di un essere umano, in particolare il suo senso dell’olfatto e dell’udito. Quest’ultimo gli consente di rilevare suoni molto più alti di quelli che possono rilevare gli umani.

Utilizza come arma un arco a curva singola lungo 1,5 metri e una faretra di frecce composta da yaka, uno speciale metallo sensibile al suono che si trova solo su Centauri IV. Una freccia yaka può effettivamente cambiare direzione (ma non velocità) in risposta a certi fischi che alcuni Centauriani possono produrre. Yondu è così abile nel controllare le sue frecce che può farle ritornare nella sua mano o farsi strada tra una folla di persone senza toccarle.

Detto questo, spero che questo racconto sulle origini di Yondu vi sia piaciuto… Ricordandovi che nei prossimi giorni la rubrica si arricchirà con tante nuove storie sui protagonisti del meta di Marvel Snap.

Articoli correlati: 

Marvel SNAP: chi è Mobius M.Mobius? La storia del personaggio

Marvel SNAP: chi è Mobius M.Mobius? La storia del personaggio

Profilo di maretta72
18/05/2024 17:46 di  "maretta72"
 WhatsApp

Storia Mobius –  Continua la rubrica riguardante la storia dei personaggi, più o meno conosciuti dell’universo Marvel! Oggi la puntata è dedicata a Mobius M.Mobius.

Creato nel giugno 1991 da Walter Simonson, appare per la prima volta in ‘Fantastic Four’ numero 353.

MOBIUS M.MOBIUS: la storia dietro la carta di Marvel Snap

L’onorevole Mr. Mobius M. Mobius era un membro della direzione junior della Time Variance Authority.

Incontrò ben presto per la prima volta i Fantastici Quattro perseguendoli per “uso illegale del tempo”, “furto di continuità” e altre varie accuse, ma questi riuscirono a sfuggirgli.

A causa della perdita di alcuni file durante questo scontro, Mobius rischiò di essere retrocesso, dunque si ostinò nel perseguire la catturare del gruppo di eroi. Una volta raggiunti però, questi invece di combatterlo lo aiutarono a dimostrare il suo valore alla TVA, riuscendo perfino a trovargli un lavoro presso la Dinastia Kang a Chronopolis. Questo, unito alla meticolosa attenzione per i dettagli, contribuì a dare grande lustro a Mobius che venne pertanto promosso dalla TVA fino alla posizione di “burocrate senior“.

Mobius fu anche uno dei giudici (e l’unico a sopravvivere) presente al processo a She-Hulk, colpevole di aver alterato il flusso temporale avvertendo Occhio di Falco della sua imminente morte.

Attualmente si occupa del controllo sulle violazioni delle leggi della TVA.

Poteri e abilità

Mobius non ha super poteri ma è un grande leader, dotato di forte carisma e di un’autorità di livello molto alto all’interno della TVA dove viene rispettato e stimato da tutti.

Detto questo, spero che questo racconto sulle origini di Mobius M.Mobius vi sia piaciuto… Ricordandovi che nei prossimi giorni la rubrica si arricchirà con tante nuove storie sui protagonisti del meta di Marvel Snap.

Articoli correlati: 

Marvel SNAP: chi è Ravonna? La storia del personaggio

Marvel SNAP: chi è Ravonna? La storia del personaggio

Profilo di maretta72
16/05/2024 20:21 di  "maretta72"
 WhatsApp

Storia Ravonna-  Continua la rubrica riguardante la storia dei personaggi, più o meno conosciuti dell’universo Marvel! Oggi la puntata è dedicata a Ravonna.

Creata nel Dicembre 1965 da Stan Lee e Don Heck, appare per la prima volta in ‘Avengers’ numero 23. 

RAVONNA: la storia dietro la carta di Marvel Snap

Ravonna è figlia del re Carelius, sovrano di un regno non identificato del 40º secolo supervisionato da Kang il Conquistatore. Incontrò per la prima volta Kang quando quest’ultimo cercò di inglobare la sua era nel suo impero, ma il criminale si innamorò di lei. Kang lasciò correre il rischio di una ribellione nella speranza di ottenere la mano della principessa ma, quando il popolo insorse, decise di rispondere e sottometterlo in definitiva.

Essendo sul punto di vincere, condusse i Vendicatori in una linea temporale per far assistere loro al suo trionfo, pensando di sconfiggerli e poi di sposare Ravonna. Durante l’attacco finale, Kang si rifiutò di giustiziare la principessa, portando quindi uno dei suoi generali, Baltag, a rivoltarsi contro di lui.

Kang fu quindi costretto a chiedere l’aiuto degli eroi e della popolazione per sottomettere i suoi stessi uomini, salvando Ravonna dalla sua prigionia e rivelando il sincero amore che provava per lei. In seguito, mentre Kang stava rimandando i Vendicatori al loro tempo, Baltag tentò di sparare al criminale a tradimento, venendo salvato da Ravonna che si rese conto di amare a sua volta Kang, quindi lo protesse facendogli da scudo e cadde in un coma simile alla morte, mentre il generale fu giustiziato.

LA RAVONNA DI UN’ALTRA LINEA TEMPORALE

Successivamente viene rivelato che una Ravonna proveniente da un’altra linea temporale era effettivamente divenuta la consorte di Kang, con questa che venne quindi usata da Immortus nel suo piano per distruggere Kang e tutte le sue controparti.

Kang salvò questa Ravonna quando venne gettata nel Limbo e questo creò una realtà alternativa in cui proprio Kang era morto.Kang cominciò così a distruggere le varie controparti di se stesso, senza mai rendersi conto che faceva tutto parte del piano di Immortus e Ravonna.

Si scoprirà in seguito che la Ravonna originale venne rianimata dal Gran Maestro, e venuta a sapere della verità, giurò vendetta su Kang per non averla salvata pur avendone la possibilità.

Poteri e abilità

Ravonna non ha particolari poteri sovrumani, a parte l’incredibile resistenza fisica. È dotata di un grande intelletto, è una formidabile combattente corpo a corpo e padroneggia varie armi esotiche. Sa anche maneggiare varie tecnologie futuristiche e ha ricevuto un’avanzata educazione relativa ad arti e scienze del 41º secolo.

Detto questo, spero che questo racconto sulle origini di Ravonna vi sia piaciuto… Ricordandovi che nei prossimi giorni la rubrica si arricchirà con tante nuove storie sui protagonisti del meta di Marvel Snap.

Articoli correlati: