L’inutilità di essere il prescelto: il deludente destino di Jon Snow

L’inutilità di essere il prescelto: il deludente destino di Jon Snow

Profilo di Rios
 WhatsApp

L’ottava stagione de Il Trono di Spade ha chiuso un’epopea ormai decennale. Questa ultima iterazione del racconto fantasy di George R.R. Martin, è stata abbastanza controversa ed ha sollevato un polverone mediatico. Molti dei personaggi che abbiamo amato durante le sette stagioni precedenti sono stati stravolti, diventando l’ombra di ciò che erano. La trasformazione peggiore è stata, in assoluto, quella di Jon Snow.

L’involuzione

Dopo la morte di Ned Stark e di Rob Stark tutti noi abbiamo pensato che, il caro Jon, fosse effettivamente il protagonista della serie (insieme a Daenerys). Persino il titolo dell’opera letteraria da cui è tratta la serie (Le cronache del ghiaccio e del fuoco), faceva pensare a questo tipo di conclusione. Lui doveva essere la soluzione a tutti i conflitti, l’unico capace di portare la pace nei Sette Regni, essendo l’unione delle due storiche casate di Westeros (Targaryen e Stark).

Nel corso delle varie stagioni a cui abbiamo assistito, la “carriera” di Jon è stata una continua scalata: prima semplice guardiano della notte, poi Lord Comandante, poi Re del Nord e poi legittimo pretendente al Trono di Spade (vista la sua doppia discendenza Targaryen/Stark).

Purtroppo, però, nell’ottava stagione il suo personaggio è letteralmente crollato su stesso. In questa ultima serie Jon Snow è stato completamente assente, rimanendo relegato quasi al ruolo di comprimario. Non ha mai preso delle decisioni importanti, ha sempre agito in nome di questo o quel personaggio venendo manovrato come un burattino da chiunque.

Il rifiuto del proprio destino

E’ vero Jon Snow non ha mai voluto essere un re. Non ha mai voluto sedersi sul trono, non hai ma voluto la gloria, i soldi e l’onore eterni. Sin da quando è stato arruolato nei Guardiani della Notte, ha sempre sognato di essere libero, di essere lontano dai giochi e dalle trame delle varie corti. Perciò il suo non voler regnare sui Sette Regni può starci in un certo senso.

Ma ricordiamoci che dopo essere morto nella stagione cinque, lui è tornato in vita con uno scopo: eliminare la piaga degli Estranei, lui era il prescelto di R’llhor (o almeno di questo ci hanno convinto). Non ha fatto nemmeno quello, visto che è stata sua sorella/cugina Arya a dare il ben servito al Re della Notte. Si è dimostrato, ancora una volta, poco utile e succube di ciò che gli stava succedendo intorno.

Ha fatto solo una cosa: uccidere la donna che amava e che gli ha salvato il sedere più e più volte. Molti sostengono che Daenerys fosse impazzita e che Jon abbia agito nel verso giusto, “salvando” i Sette Regni e compiendo quindi la missione per cui era stato scelto da R’llhor.
Mettiamo anche il caso che questa spiegazione sia vera, a quel punto il caro bastardo di casa Stark sarebbe, forse, dovuto morire. Tutti i prescelti del Signore della Luce hanno subito questo destino, ma Jon l’ha scampata. Quindi o gli sceneggiatori hanno sbagliato di grosso, oppure non era questa la missione che doveva compiere.

Il finale di Jon Snow

Alla fine della fiera, Jon è diventato un regicida condannato da Re Bran ad unirsi di nuovo ai Guardiani della Notte (ancora non si capisce a cosa potrebbero servire vista la pace con i Bruti e la sconfitta degli Estranei). Arrivato al Castello Nero, il nostro protagonista, incontra Tordmund che aveva occupato la fortezza ormai abbandonata.

I due non si dicono nemmeno una parola, preparano le loro cose e partono per il vero nord, lasciandosi alle spalle tutte le trame dei vari regni degli uomini “non liberi”. Come si è detto prima, il finale è comprensibile perché la volontà del personaggio è sempre stata questa. Le modalità con cui si è arrivati a questa conclusione, non s’inquadrano con l’evoluzione che Jon Snow ha affrontato.

Indubbiamente è deludente vedere cosa Jon sia diventato alla fine della sua storia, un personaggio fortemente provato che già si pente (o comunque non è sicuro) di ciò che ha fatto. Non ha mai preso una decisione perché voleva prenderla, è stato manovrato prima da Daenerys, poi dalle sorelle/cugine ed infine da Tyrion che l’ha spinto ad uccidere la sua amata.

Infine la sua vera natura è rimasta praticamente celata e non si è fatta la minima menzione durate le scene finali dell’ultimo episodio rispetto a quello che sarebbe dovuto essere il legittimo erede al trono di Westeros.

Dispiace vedere un personaggio così bello, preso e smontato completamente, buttando alle ortiche tutta la coerenza data dalla serie. Sicuramente non è facile mantenere una certa precisione nelle sceneggiature senza i libri, ma non è nemmeno possibile sopportare questo scempio scellerato.

Nei nostri cuori Jon Snow sarà sempre un grande personaggio, con una piccola e sfortunata parentesi nella stagione 8.

Loki 2: Tutto quello che sappiamo finora

Loki 2: Tutto quello che sappiamo finora

Profilo di PizzaAllaDiavola
 WhatsApp

Ecco tutto quello che sappiamo su Loki 2: La seconda stagione della serie MCU con Tom Hiddleston, dal cast, dal trailer, dalla data di uscita e dai dettagli.

La prima stagione di Loki è stata un grande successo su Disney+ che ha aperto l’universo Marvel a nuove e grandi minacce e una seconda stagione, con Hiddleston ancora una volta nei panni del dio dell’inganno, non poteva di certo mancare.

Per prepararci all’arrivo dell’imminente stagione, è bene fare un ripasso.

Data di uscita e trailer

La seconda stagione di Loki arriverà su Disney+ nell’estate del 2023, come confermato da Kevin Feige al San Diego Comic-Con.

Ma prima uscirà il film “Ant-Man and The Wasp: Quantumania”  a febbraio 2023 che introdurrà una variante alternativa di Kang il Conquistatore.

Chi tornerà?

Tom Hiddleston e Owen Wilson torneranno nella seconda stagione, con Gugu Mbatha-Raw nei panni di Ravonna Lexus Renslayer. Anche Sophia Di Martino tornerà come Sylvie ma non ci sono dettagli circa la sua importanza nella nuova stagione.

Anche Miss Minutes tornerà nella serie, dato che la doppiatrice Tara Strong ne ha confermato il ritorno.

Di cosa parlerà?

La storia di Loki ha già preso delle svolte interessanti e gli sceneggiatori non hanno ancora trapelato nulla della seconda stagione.

Col multiverso aperto, Loki potrebbe incontrare ancora una volta Kang ma questo dipende dal finale del film di Ant-Man perché chiunque può presentarsi ora.

Cosa è successo nella prima stagione?

In Avengers: Endgame abbiamo visto Loki della linea temporale del 2012 scappare con il Tesseract, nonostante il Loki originale sia morto per mano di Thanos in Infinity War, quello del 2012 viene catturato dalla Time Variance Authority.

Loki viene costretto a lavorare presso la TVA assicurandosi che il multiverso scorra senza interruzioni o problemi questo lo porta ad incontrare varianti insolite di sé stesso, tra cui Sylvie.

Alla fine Loki e Sylvie incontrano Colui che rimane: Una figura misteriosa che può vedere passato, presente e futuro contemporaneamente. Spezzando il tessuto del tempo e dello spazio, i due Loki lo sconfiggono ma il multiverso viene aperto.

Hai visto Loki? Faccelo sapere nei commenti!

Articoli correlati:

Community: Il cast crede che il film si farà

Community: Il cast crede che il film si farà

Profilo di PizzaAllaDiavola
 WhatsApp

Le attrici di Community Alison Brie e Yvette Nicole Brown hanno annunciato che il tanto atteso film  potrebbe essere finalmente in sviluppo.

Da quando la serie TV è terminata nel 2015, il cast ha raggiunto vette di popolarità, basti pensare a Donald Glover, noto anche come Childish Gambino, che ha riscontrato grande successo nell’ambito musicale.

Nella serie hanno preso parte alla regia anche i fratelli Russo, prima di Avengers Infinity War e Endgame. I fan dello spettacolo erano in grande attesa del film poiché era stato anticipato nel finale.

Ora sembra che il progetto di un film stia finalmente diventando concreto, poiché molti attori del cast hanno voluto esprimersi in merito alla questione.

In una recente intervista al podcast UnWrapped, la Brie ha detto: “Sai una cosa? Lo dirò, c’è qualcosa”.

Continua: “Ci sono conversazioni legittime che stanno accadendo, mi piacerebbe se facessero un film e spero lo facciano”.

A giugno, Joel McHale ha espresso su ComicBook: “Sono più positivo di quanto non lo fossi prima, sicuramente si farà ma vedremo. Non è una bella risposta ma sicuramente migliore di quella di due anni fa”.

Anche Ivette Nicole Brown è intervenuta sul possibile film, in un’ intervista a Collider afferma: “So cosa ha detto Alison l’altro giorno, ci sono stati molti discorsi, non è che manca il desiderio”.

E voi non vedete l’ora di un eventuale film? la discussione è aperta!

Articoli correlati:

 

THE PUNISHER: confermato il RITORNO di Jon Bernthal nel ruolo Marvel – un possibile periodo d’uscita c’è già

THE PUNISHER: confermato il RITORNO di Jon Bernthal nel ruolo Marvel – un possibile periodo d’uscita c’è già

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Marvel The Punisher – Durante il weekend si è tenuto il Chicago Comic & Entertainment Expo, un’importante convention d’oltreoceano che attira ogni anno moltissimi fan ed appassionati da ogni angolo degli Stati Uniti.

Durante lo svolgimento della conferenza abbiamo avuto il piacere di ascoltare diverse voci importanti all’interno del Marvel Cinematic Universe, principale attrazione durante gli eventi di questo tipo.

Ospite a sorpresa della convention è stata l’attrice Rosario Dawson, interprete di Claire Temple nelle produzioni sviluppate da Netflix in collaborazione con Marvel. Rosario è apparsa in The Defenders, Luke Cage ed anche nell’acclamata serie di Daredevil.

Rivelazioni su The Punisher, IL RITORNO di Jon Bernthal nella Marvel?

Durante il panel, non è ancora chiaro se per errore o volontariamente, Rosario ha rivelato che la storia di The Punisher non è realmente finita e che ci sono una serie di importanti progetti in ballo.

”Ho scoperto solo ieri che The Punisher stava per tornare un’altra volta, quindi mi sento come se per me fosse una seconda opportunità, anche perchè era l’unico show in cui non ero presente… e poi amo JON BERNTHAL, quindi dai ragazzi, facciamolo succedere tutti insieme!”

Una frase che sicuramente lascia ben poco spazio ad interpretazioni, ma che lascia un grosso punto interrogativo sulla possibile data di uscita di questo nuovo progetto, vista la sua assenza nel panel di San Diego che ha rivelato tutti i prossimi film e serie in uscita. Nonostante questo, le prime speculazioni parlano di qualcosa che potremo vedere solo a fine 2024.

Che ne pensate community? Come al solito la discussione è aperta!

Articoli Correlati: