malevento overwatch

Anteprima di Malevento, nuova mappa deathmatch di Overwatch

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Malevento – Nel corso della notte è stata introdotta una nuova mappa su Overwatch, che a molti membri della community italiana sembrerà assolutamente familiare.

Gli sviluppatori di Blizzard hanno infatti presentato la nuova Malevento, una riproduzione su Overwatch dei celebri scenari che si possono incontrare nella campagna toscana, con i devs che hanno citato le due cittadine di Montepulciano e Pitigliano tra quelle che gli sono servite per ispirarsi per questo nuovo contenuto.

Riguardo alla mappa (che ospiterà partite del tipo Deathmatch, ndr), il progettista senior di Blizzard Thomas Teixeira ha parlato di Malevento come di “un’idilliaca cittadina collinare immersa nella tranquilla campagna italiana“, che trae anche ispirazione dalle “cittadine medievali” .

Le pittoresche cittadine toscane” ha poi proseguito il dev, “come Montepulciano e Pitigliano, rinomate per i loro paesaggi lussureggianti e strade labirintiche con la sensazione di potercisi nascondere, hanno ispirato artisti e progettisti, che hanno cercato di catturare la stessa atmosfera pittoresca con Malevento“.

Andiamo a leggere di seguito il post ufficiale sull’argomento, augurandovi una buona consultazione ed un buon divertimento a tutti:

Malevento – Post ufficiale

Stanco di oziare a casa? Bazzicare nei soliti posti è diventato noioso? Vorresti andare in un posto nuovo, dove non dover litigare per fare una foto panoramica e dove i tavoli dei ristoranti sono pieni di turisti col marsupio? Non cercare oltre: Malevento è la destinazione delle tue prossime vacanze.

Durante la tua visita a Malevento, potrai goderti un pranzo accompagnato da un fresco bicchiere di vino bianco su un patio con vista su colline verdeggianti, potrai guardare le mongolfiere che volano sopra la campagna, passeggiare per le strade acciottolate tra file di edifici ricoperti di edera e molto altro ancora. La città vanta una ricca storia (e ancor più ricchi benefattori che ne hanno finanziato la recente ricostruzione): Malavento ha il posto giusto per tutti i gusti, che si tratti di fiancheggiatori veloci, tank che colpiscono duro o esperti dell’ambiente che preferiscono giocare al limite.

Thomas, progettista di livelli senior del team di Overwatch, discute con noi della nuovissima mappa Deathmatch: Malevento.

La storia della progettazione di Malevento inizia a Rialto, la prima mappa Trasporto presentata ai giocatori durante la missione Ritorsione dell’evento Archivi. Il team inizialmente ha pensato a Malevento come a un’estensione della mappa esistente, allontanandosi poi dal proposito quando è comparsa una nuova idea: un’idilliaca cittadina collinare immersa nella tranquilla campagna italiana. “Abbiamo tratto ispirazione dalle cittadine medievali” ha detto Thomas. Le pittoresche cittadine toscane, come Montepulciano e Pitigliano, rinomate per i loro paesaggi lussureggianti e strade labirintiche con la sensazione di potercisi nascondere, hanno ispirato artisti e progettisti, che hanno cercato di catturare la stessa atmosfera pittoresca con Malevento.

Come tutte le mappe precedenti, Malevento è un’esperienza ricca di piccoli dettagli e riferimenti nascosti, in particolare per i giocatori in attesa di Overwatch 2. “Cos’è che ha portato Talon fin qui? Di chi è la misteriosa statua nel cortile?” ci ha stuzzicati Thomas. La base di Talon, nascosta all’interno di una villa costruita da una squadra di muratori poi misteriosamente scomparsi, minaccia Malevento come un cattivo auspicio, con i suoi piani sconosciuti per la città.

Dal punto di vista del gioco, Malevento offre esperienze uniche per i giocatori in cerca di nuove emozioni nei Deathmatch. La verticalità del luogo in cui si trova la città, in bilico su una rustica collina italiana, consente agli eroi volanti come Pharah e agli scalatori di pareti come Hanzo e Genji di sfruttare il vantaggio dell’altezza sui nemici, mentre i vicoli tortuosi e gli interni degli edifici forniscono agli eroi fiancheggiatori una copertura sufficiente per avvicinarsi di soppiatto ai bersagli. “La collina presenta anche opzioni per uccisioni ambientali” ha spiegato Thomas, “e le aree più grandi e aperte sono luoghi ideali in cui combattere e cercare di tenere sotto controllo la zona.”

Uno degli obiettivi principali, durante i lavori sul progetto di Malevento, è stato mantenere la mappa centralizzata e contenuta, in modo che i combattimenti fossero più veloci e ricchi di azione, nonché piena di aree amate da quei giocatori che prima sparano, poi chiedono. Per quanto diverse parti della mappa favoriscano determinati eroi, l’obiettivo generale, ha affermato Thomas, “è stato cercare di creare un equilibrio in stile sasso-carta-forbici tra eroi volanti, hitscan e fiancheggiatori”. Tutto ciò costringe i giocatori a chiedersi se i rischi valgono la candela: l’utilizzo di un percorso laterale vicino a un baratro vale la potenziale Scarica Esplosiva che potrebbe mandarti all’altro mondo? Conviene prendere il volo in un’area che fornisce una buona visuale, per abbattere i nemici, ma che dà anche a loro la possibilità di spararti?

Essendo la seconda mappa di Overwatch creata interamente da sviluppatori che lavorano da remoto, Malevento è anche una lettera d’amore al sogno dei viaggi post-pandemia fatti da molti membri del team, un modo per trasportare i giocatori in quelle fantasie toscane estive insieme a loro. Che si tratti di sgattaiolare attraverso la cattedrale della città in fase di ristrutturazione, cercando di raccogliere nuovi frammenti di storia tra le cianfrusaglie nella base isolata di Talon o di scandagliare la zona in cerca del baratro perfetto in cui spingere i nemici, c’è qualcosa di nuovo per il piacere di ogni tipo di giocatore (tra attacchi e risse al fulmicotone, ovviamente) a Malevento.

Malevento è disponibile! Salta a bordo, mettiti in coda e sperimenta tutto quello che la nuovissima mappa Deathmatch di Overwatch ha da offrirti.

 

Cosa ne pensate di questa importante novità? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 


Anteprima di Malevento, nuova mappa deathmatch di Overwatch
Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701