Cambiamenti ai Tiratori: Critico o non-Critico?

Condividi su WhatsApp  WhatsApp
Con queste modifiche, Riot Games cerca di offrire più scelte per i tiratori. Ma forse non è sufficiente.

Dopo i cambiamenti della scorsa patch che hanno interessato la giungla, questa volta gli sviluppatori di League of Legends si sono concentrati sulla corsia inferiore. Come già accennato in precedenza, infatti, sono in arrivo pesanti modifiche agli oggetti destinati ai tiratori, in particolare per quelli basati sui colpi critici.

Protagonisti di numerose modifiche sul PBE nell’ultimo mese, questi nuovi equipaggiamenti sono finalmente pronti a fare il loro debutto sui server live.

Nelle piani iniziali dei game designer, questi cambiamenti avrebbero dovuto disincentivare le build da critico in favore di nuovi percorsi. Sfortunatamente, almeno sulla carta, i nuovi oggetti sembrano avere l’effetto contrario. Vediamo insieme il perché.

FRAMMENTO D’INFINITO (Infinity Edge): danni puri sul colpo critico

Cominciamo dall’oggetto da critico per eccellenza: il Frammento d’Infinito. Quest’arma non aumenterà più il danno dei colpi critici, né aumenterà la probabilità di critico. Conferirà invece 10 Attacco Fisico in più rispetto a prima e due nuove abilità passive.

La prima, simile alla passiva di Yasuo (Intento), raddoppierà la probabilità di critico conferita da altre fonti. La seconda, convertirà il 15% del danni inflitto dai colpi critici in danno puro, ovvero un danno che ignora ogni resistenza nemica.

La costruzione dell’oggetto viene quindi ritardata, costringendo il giocatore a comprare altri oggetti da critico prima di optare per quest’arma. Tuttavia, la combinazione delle due nuove passive è estremamente potente e probabilmente spingerà molti tiratori verso una build da critico, invece di provare nuove strade. Porterà inoltre i giocatori a scegliere campioni che possano beneficiare maggiormente da queste build, limitando i tiratori effettivamente viabili in partita.

Come se non bastasse, questo oggetto sembra combinarsi perfettamente con il prossimo che andremo ad analizzare: il Rasoio della Tempesta.

RASOIO DELLA TEMPESTA (Stormrazor): critici assicurati

Questo nuovo oggetto, costruibile a partire dall’M.C. Spada, ha una passiva che rende il primo colpo messo a segno in combattimento un critico garantito. Aumenta inoltre per 2 secondi la velocità di movimento, perfetto per tornare in una posizione sicura dopo aver inflitto danni.

Anche le statistiche di base sono molto appetibili: 70 AD e 30% Velocità d’Attacco.

A vederlo così, potrebbe sembrare un ottimo oggetto per disincentivare una build basata sul critico. Se il primo colpo ogni 3 secondi è comunque un critico assicurato, non ha senso comprare oggetti che aumentano la possibilità di crittare, giusto?

In realtà, la situazione è più complessa. Il critico garantito non infligge infatti il 200% del danno, come di norma, ma solo il 160%. Questo danno scala progressivamente con la probabilità di critico ottenuta dal giocatore attraverso l’acquisto di altri oggetti basati su questa statistica.

Anche questo accessorio, quindi, spinge il giocatore verso un percorso basato sui critici, specialmente se consideriamo l’ottima sinergia con il sopracitato Frammento d’Infinito. Raddoppiare la probabilità di critico aumenta velocemente il danno del primo colpo, trasformare poi parte di quel danno in danno puro risulta devastante.

PREDATORE D’ESSENZA (Essence Reaver): burst con le proprie abilità

Il nuovo Predatore d’Essenza sembra effettivamente essere un ottimo oggetto per i campioni non basati sul colpo critico, ma sulle abilità. Con il suo costo ridotto (200 gold in meno rispetto a prima) e le sue interessanti statistiche, questo accessorio si dimostra decisamente appetibile per campioni come Lucian ed Ezreal.

70 Attacco Fisico, 20% Riduzione Ricarica e 300 di mana fanno senza dubbio comodo a questi tiratori.

Anche le passive si rivelano utili. Ogni colpo (non più solo i critici) ripristinerà l’1% del mana mancante. Inoltre, dopo aver usato la propria suprema, conferisce un 30% Velocità d’Attacco aggiuntiva per 8 secondi e un nuovo tipo di potenziamento: Essence Flare. Mentre questo buff è attivo, ogni autoattacco ripristinerà il 20% della ricarica di tutte le abilità NON-supreme. Ottimo per continuare a infliggere danno burst con le proprie spell.

Un oggetto del genere potrebbe inserirsi in una build composta da Virtù della Triade e Muramana, offrendo una valida alternativa di costruzione ai campioni che ne beneficiano.

NUOVA RUNA: PIOGGIA DI LAME (Hail of Blades)

Non solo nuovi oggetti, ma anche nuove rune. Pioggia di Lame è la nuova runa chiave del percorso Dominazione.

Questo potenziamento garantisce un grande buff alla velocità d’attacco per i primi colpi in un combattimento. E’ possibile inoltre superare il normale limite di 2.5 attacchi al secondo, perfetto per mettere a segno enormi raffiche di danno in poco tempo.

La runa è ottima su campioni basati sul danno esplosivo, come Lucian e Draven. Anche Jhin, che converte la velocità d’attacco in danno grezzo, può beneficiare da questa runa.

Purtroppo è sorprendentemente efficace anche su tutti i campioni basati sui critici. Soprattutto nelle fasi avanzate di partita, quando questi campioni raggiungono il 100% di probabilità di crittare, prendersi 3 critici in faccia in rapida successione lascia davvero poco spazio al counterplay. Come se non bastasse, parte del danno sarà puro, grazie alla nuova passiva del Frammento d’Infinito.

CONSIDERAZIONI FINALI

Nonostante gli intenti iniziali degli sviluppatori di League of Legends, queste modifiche non sembrano essere sufficienti per soppiantare il meta del critico nella corsia inferiore.

Anche se il nuovo Predatore d’Essenza si rivela essere un oggetto interessante e accessibile precocemente in partita, una build basata sul critico sembra decisamente più appetibile nelle fasi finali.

In pratica è una scommessa. I tiratori basati sul burst dovranno fare di tutto per chiudere la partita il prima possibile, impedendo a quelli basati sul critico di ottenere i loro costosissimi oggetti.

Da domani, con la patch 8.11, vedremo molte build diverse in corsia inferiore ma, col tempo, la situazione si normalizzerà, decretando quale delle due strade convenga di più. Difficilmente vedremo più varietà, solo un percorso che sovrasta l’altro.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701