Fortnite teaming

Fortnite: Accuse di teaming, alcuni player offrono soluzioni ad Epic Games

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Nel recente torneo Solo Cash Cup nuove accuse di cheating sono balzate all’occhio della community, rispolverando il vecchio ma sempre problematico tema del teaming.

Il player in questione è Sway, sotto contratto con FaZe, accusato di teaming inseme a Wistles, tramite il video che vi riportiamo qui di seguito:

Epic Games non ha ancora commentato sulla questione, e di conseguenza non sono stati presi provvedimenti, ma la community ha subito alzato la voce sull’argomento. In particolare una grossa figura di spicco come Ninja ha voluto dire la sua, consigliando ad Epic Games alcuni trucchi per mitigare questo problema.

Il suo consiglio è quello di cambiare la skin del proprio giocatore agli occhi altrui, unito alla possibilità di rendere diversi da giocatore a giocatore gli orari del giorno ed altri piccoli accorgimenti.

La risposta della community è stata positiva, ammettendo che queste leggere modifiche potrebbero rendere più difficile il teaming durante una partita. Segue a ruota un’altra figura importante della scena, la giocatrice sorda Ewok, secondo cui mappa e numero di giocatori sono l’unica cosa da sapere in una partita. Rafforza la dose non appoggiando l’idea di Ninja, poichè non aiuterebbe abbastanza.

Ad ogni modo, il neo streamer di Mixer ha voluto approfondire la questione con un video su Twitter. “La recente accusa di teaming deve far ragionare Epic Games. Vuol dire che c’è molto lavoro da fare se ancora oggi due pro player possono vagamente parlare di teaming ed accordarsi così facilmente“.

Una questione che di certo Epic Games deve affrontare e risolvere, magari rilasciando una comunicazione ufficiale come di consueto nel loro modo di operare. E voi, cosa ne pensate di questa storia? Avete qualche idea da proporre per risolvere il problema?

Grazie per la lettura

ALTRI ARTICOLI FORTNITE:

Marco "Disfact" Scarfone

Sono nel mondo dei videogiochi sin da piccolo e, crescendo, questa passione mi ha portato ad appassionarmi agli eSports. Sono a capo della community di Rocket League in Italia, organizzando tornei e gestendo tutto quanto riguarda il gioco in Italia.