fortnite turbo building

Fortnite: Epic Games spiega la modifica al Turbo Building!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

EDIT: Epic Games ha annullato le modifiche al Turbo Building, tornando a 0.05! 

L’aggiornamento 10.20 di Fortnite, rilasciato ieri 27 agosto, potrebbe rientrare tra i peggiori mai visti per quanto riguarda la reazione della community.
Questo perchè gli sviluppatori hanno deciso di modificare una delle funzionalità più desiderate dai giocatori, il Turbo Building!
Per chi non lo sapesse, il Turbo Building è l’intervallo di tempo che occorre tra due piazzamenti di strutture, e prima di questa patch si assestava a 0.05 secondi. Ieri, è stato portato a 0.15 secondi, una modifica leggera ma che ha mandato all’aria tutte le abitudini dei giocatori. 
Ogni volta che la community alza la voce, Epic Games è pronta a motivare le sue scelte, e dunque vi riportiamo il comunicato completo rilasciato sul sito ufficiale:
fortnite turbo building modifiche spiegazione
Il team di Fortnite
Volevamo fornire un contesto per le modifiche al timer Costruzione turbo.
Cos’è cambiato nella v10.20?
Nella v10.20 abbiamo riportato il timer da 0,05 secondi a 0,15 secondi durante il tempo che intercorre tra due piazzamenti con Costruzione Turbo. È il valore utilizzato fino alla v4.30.
Perché cambiare Costruzione Turbo?
Lo abbiamo fatto come primo passo per affrontare diversi problemi:

  • La Costruzione Turbo Rapida favorisce in modo sproporzionato i giocatori con ping ridotto. 
    • Presa dei muri (fare a gara con un altro giocatore per posizionare un muro prima di lui)
    • Temporeggiamento (ricostruire continuamente un muro che ha subito danni)
  • Temporeggiare favorisce in modo sproporzionato il difensore
    • Per esempio, tenere premuto il pulsante del mouse contro una squadra che spara 1×1
  • Precisione del posizionamento dei pezzi da costruzione
    • È facile posizionare accidentalmente più pezzi multipli insieme
  • Costruzione a raffica
    • È facile costruire a raffica
    • Vogliamo che le costruzioni siano un po’ più intenzionali

Ecco su cosa non vogliamo avere un impatto drastico:

  • L’aspetto della costruzione reattiva
  • La possibilità di eseguirle in 90s
    • Guadagnare rapidamente terreno elevato costruendo con una singola unità
  • La possibilità di scendere a cascata
    • Costruire pezzi di muro come supporto durante la caduta

Fasi successive
Stiamo lavorando per implementare le seguenti ulteriori modifiche e vi aggiorneremo sui canali social una volta che saranno attive.

  • Sostituire la costruzione iniziale e il ritardo di Costruzione turbo con la logica della cadenza di tiro
    • Il primo posizionamento è immediato
    • Non c’è modo di costruire più velocemente di un pezzo da costruzione ogni 0,15 secondi
    • Nota: Di per sé questo non influisce i difensori di attendisti / benefici del ping ridotto
  • Rafforzata la cadenza di tiro per i pezzi contestati
    • Se un pezzo da costruzione viene distrutto:
      • Il server aspetta 0,15 secondi prima di permettere di ricostruirlo
      • I giocatori che tentano di ricostruire il pezzo distrutto durante questi 0,15 secondi vengono aggiunti a una lista
      • Stiamo esplorando diversi modi possibili per scegliere il vincitore:
        • Il lancio della moneta tra persone che attualmente non possiedono il pezzo da costruzione
        • Il lancio della moneta tra chiunque cerchi di costruire
        • Favorire la persona che attualmente possiede il pezzo da costruzione
      • Al termine del ritardo, posizionare il pezzo da costruzione
    • Garantisce che la sostituzione dei pezzi da costruzione (“presa dei muri”) non dipenda dal ping
    • Assicura un tempo minimo tra la distruzione e la sostituzione di un muro

E voi community, cosa ne pensate di queste motivazioni? Hanno placato la vostra rabbia?

Grazie per la lettura

ALTRI ARTICOLI FORTNITE:

Marco "Disfact" Scarfone

Sono nel mondo dei videogiochi sin da piccolo e, crescendo, questa passione mi ha portato ad appassionarmi agli eSports. Sono a capo della community di Rocket League in Italia, organizzando tornei e gestendo tutto quanto riguarda il gioco in Italia.