Burning Crusade: espansione in arrivo a Giugno?

Burning Crusade: espansione in arrivo a Giugno?

Profilo di Stak
 WhatsApp

Burning Crusade – Ottime notizie per tutti gli appassionati di World of Warcraft Classic in attesa di scoprire la nuova espansione di TBC!

Gli sviluppatori hanno infatti promosso una nuova tornata di modifiche che questa volta ha riguardato direttamente il PVP, in particolare la questione del matchmaking (l’MMR, ovvero il sistema che va a mettere insieme nelle partite i giocatori dello stesso livello/skill), o a piccoli update come il fatto che con la Season 1 PVP verranno introdotti i Tornato nell’Arena di Nagrand, oltre ovviamente all’assegnazione delle ricompense stagionali per i Team Arena

Queste verranno infatti date ai giocatori che saranno riusciti a raggiungere la percentuale più alta di squadra per il girone della loro regione: al Rank 1 sarà premiato lo 0,1% delle migliori squadre, al Gladiator lo 0,5%, al Duelist il 3%, al Rival il 10% ed infine al Challenger il 35%.

Inoltre, per qualificarci per un premio stagionale, la nostra valutazione personale nell’arena dovrà essere differente di massimo 100 punti dalla valutazione generale della squadra, e dovremo aver partecipato almeno al 20% delle partite del team.

Andiamo a vedere tutti i dettagli:

Player versus Player

To bring about better matchmaking in Burning Crusade Classic, we’re updating the Matchmaking Rating (MMR) system to use a calculation design developed after original Burning Crusade, with an MMR range that will be similar to the range seen in PvP in 2008.

  • Arena Teams will begin at 0 rating. (Teams began at 1500 in original Burning Crusade.)
  • Diminishing returns will have a 15-20 second cooldown window.
  • All PvP gear will have consistent personal rating requirements to purchase and equip.
    • Shoulders = 2200
    • Weapon = 2050
    • Head = 1700
    • Chest = 1600
    • Legs = 1550

A major goal we have in Burning Crusade Classic PvP is to provide consistency as we step forward through each Season and phase of content. We believe this will promote a healthier PvP environment that emphasizes the prestige players can feel when obtaining shoulders and weapons in particular.

  • All Arena point costs for Arena gear will remain consistent for all Burning Crusade Classic Arena seasons.
  • Arena points are awarded during the weekly reset, and are based on the team that earned the most points.
  • To qualify for Arena points, your personal rating must be within 150 of the rating of your team, with at least 10 games played, and you must have participated in 30% of your team’s games the previous week.
  • Season 1 will feature a unique Rank 1 title, the Infernal Gladiator.
    • Originally, Rank 1 titles weren’t introduced until Season 2. This is a good opportunity to introduce one for the first season of Burning Crusade Classic.
  • Seasonal rewards will be delivered to players who reach a top percentage of teams per bracket in their region:
    • Rank 1 = 0.1% of top teams
    • Gladiator = 0.5%
    • Duelist = 3%
    • Rival = 10%
    • Challenger = 35%
  • To qualify for a seasonal reward, your personal arena rating needs to be within 100 points of your team’s rating, and you must have participated in 20% of your team’s games.
  • The Gold/Green Arena flags have been changed to Gold/Purple to improve colorblind accessibility.
  • Tornadoes will randomly spawn in Nagrand Arena in Season 1.
    • We want to recreate the experience of these unique map mechanics as they were originally introduced.
      PvP vendors have been configured to make Season 1 behave more like subsequent seasons than it did in original Burning Crusade.
  • Alliance PvP Vendors
    • Captain Dirgehammer sells level 70 honor armor.
    • Captain O’Neal sells level 70 honor weapons.
    • Master Sergeant Biggins sells Pendants, Medallions, Bands, and gems in Season 1.
    • Lieutenant Karter will now sell Reins of the Black War Elekk starting in Season 1. (Was available in Season 4 of original Burning Crusade.)
    • Master Sergeant Biggins will now sells Star’s Lament and Star’s Tears in Season 1. (Was available in Season 2 of original Burning Crusade.)
  • Horde PvP Vendors
    • Lady Palanseer sells level 70 honor armor in Season 1, at item levels 113/115/123.
    • Sergeant Thunderhorn sells level 70 honor weapons in Season 1, at item level 115.
    • Brave Stonehide sells Pendants, Medallions, Bands, and gems in Season 1.
    • Raider Bork now sells the Swift Warstrider starting in Season 1. (Was available in Season 4 of original Burning Crusade.)
    • Brave Stonehide now sells Star’s Lament and Star’s Tears in Season 1. (Was available in Season 2 of original Burning Crusade.)

 

Quando sarà disponibile TBC?

Grazie alla recente scoperta dell’utente Reddit Nonbread, è stata diffusa la presunta data finale per il rilascio dell’espansione, che dovrebbe avvenire entro e non oltre l’inizio del prossimo mese.

Come mostrato anche nell’immagine sotto, vediamo quindi l’annuncio ufficiale di Blizzard in cui viene chiaramente scritto che le Outland e la versione Burning Crusade di Classic saranno disponibili a partire dal prossimo 1 Giugno.

Cosa ne pensate community?
La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

L’Orda ha la sua TOP100 su Sepulcher! Ancora in “alto mare” l’Alleanza

L’Orda ha la sua TOP100 su Sepulcher! Ancora in “alto mare” l’Alleanza

Profilo di Stak
 WhatsApp

Orda Sepulcher – Durante la scorsa settimana si è finalmente andato a concludere il ranking Top100 delle gilde orda su Sepulcher of the First Ones.

Infatti, grazie alle ultime kill ottenute lo scorso 10 Maggio dagli americani di HC e Unity, e dagli europei di Pure e Экзекьют, si è andata a comporre la Hall of Fame ufficiale per quest’altra incredibile corsa al Progress.

Ricordiamo che la vittoria è andata agli Echo, seguiti dai Method, gli Skyline, gli SK Pieces ed i Liquid, con ben altre 4 gilde cinesi a seguire all’interno della top10.

Decisamente peggiore la situazione dell’Alleanza, con la Hall of Fame che al momento riporta solamente 12 organizzazioni in tutto il mondo. La prima di queste, i cinesi 绝世, sono riusciti ad abbattere la versione mitica del Jailer solamente l’11 di Aprile, a quasi un mese di distanza dalla World First Kill ottenuta sul medesimo boss dagli Echo.

L’aspetto più interessante da notare in questo caso, è che la maggioranza delle gilde Alleanza sono asiatiche, e che solamente una di queste, gli Honolulu di Sylvanas, gioca dall’Europa.

Andiamo a vedere tutti i dettagli con la Hall of Fame completa dell’Orda:

Clicca qui o l’immagine in basso, per accedere al ranking completo con i nomi di tutte e 100 le gilde che hanno concluso Sepulcher of the First Ones.

 

Il punto sul progress italiano

Per quanto riguarda la situazione delle org impegnate su Sepulcher, si segnala che gli Unreal di Nemesis si trovano al momento a 10/11, e da poco hanno iniziato il loro progress sul Jailer mitico.

Questa l’attuale Top10:

# Gilda/Server Progress
1 10/11 M
2 7/11 M
3 7/11 M
4 7/11 M
5 7/11 M
6 7/11 M
7 7/11 M
8 6/11 M
9 6/11 M
10 5/11 M

Cosa ne pensate di questa situazione community? Avreste mai immaginato una tale “emorragia” di gilde Alleanza nella scena occidentale di World of Warcrft?

La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

La World First di Sunwell Plateau ottenuta da una gilda cinese!

La World First di Sunwell Plateau ottenuta da una gilda cinese!

Profilo di Stak
 WhatsApp

World First Sunwell Plateau – Straordinario risultato ottenuto da una gilda di un server cinese su World of Warcraft Classic!

Stiamo parlando degli Old School, gilda cinese dell’Orda che è riuscita in una manciata di minuti a completare il “nuovo” raid di Sunwell Plateau.

Pensate che per l’abbattimento di tutti i boss, compreso Kil’jaeden, è stato ottenuto in poco più di 50 minuti totali!

La run, che potrete trovare su Twitch cliccando qui, ha visto gli Old School avere la meglio su più di 100 gilde, che sono già riuscite ad ottenere il medesimo risultato.

Al momento sono poco meno di 150 le organizzazioni che sono riuscite a superare Kil’jaeden, con gli Avatar, i PROGRESS ed i WELCOME (tutte gilde Alleanza) che hanno concluso Sunwell a pochi minuti di distanza.

Gilde impegnate nella World First: anche i Midwinter salutano la scena! 

Dopo le notizie non positive giunte da casa SK Gaming sembra che anche un’altra storica protagonista delle World First si appresta ad appendere mouse e tastiera al chiodo.

La gilda è quella dei Midwinter, storica realtà nordamericana protagonista di tutti i raid di questi ultimi anni. Detentori di svariate World First come quella su Wrathion, su Maut o su Ursoc, i Midwinter hanno annunciato  con un triste post su Twitter lo scioglimento ufficiale del loro avventura.

Ecco il post:

Cosa ne pensate di questa vicenda community? Quella dei Midwinter è secondo voi una situazione isolata? La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

Attacco DDoS a Blizzard: problemi di connessione nel server americano

Attacco DDoS a Blizzard: problemi di connessione nel server americano

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Una situazione problematica si è verificata questa notte sui server di Blizzard ed ha portato grosse difficoltà a tutti i giocatori del server americano. Si tratta di un attacco DDoS che ha paralizzato i servizi dell’azienda di Irvine nel Nuovo Continente.

Per i meno avvezzi alla terminologia informatica, gli attacchi DDoS (Distributed Denial of Service) sono pratiche informatiche (di hacker) in grado di affollare i server delle aziende con un elevatissimo traffico di dati limitando o paralizzando del tutto i normali servizi.

Potete immaginare come questa pratica abbiamo interrotto il normale afflusso di dati sulla piattaforma Battle.Net. Il problema, però, è stato limitato solamente sul server americano, ma ha comunque provocato una marea di disservizi a migliaia di giocatori.

Molti soffrivano enorme latenza, mentre molti altri sono stati disconnessi senza possibilità di rientrare nei loro giochi preferiti per almeno un’ora, quando Blizzard ha annunciato di aver risolto il problema dell’attacco DDoS ed ha richiesto di riprovare a rientrare in game.

Per almeno un’altra ora, però, i giocatori hanno avuto problemi. Ma pian piano le cose sembrano esser rientrate e tutti i servizi ripartiti con la solita regolarità. Non si conoscono ancora i motivi di questo attacco DDoS, evento che non accade con frequenza elevata

Il tweet ufficiale

Che ne pensate di questa situazione? Avete avuto problemi sul server americano per l’attacco DDoS a Blizzard? Fateci sapere la vostra…

Articoli Correlati: