pingu gang

Intervista al primo ProTeam italiano di Valorant!

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Pingu Gang intervista – Abbiamo avuto l’onore di intervistare il coach ed un player del primo ProTeam di Valorant tutto all’italiana.

La Pingu Gang, questo il nome del team, ci ha messo a disposizione una mezz’ora per poter chiacchierare con due dei suoi membri, appunto il Coach Joynt ed Hearthbeat, che conoscerete già per le loro recenti performance in Overwatch (troverete a fine articolo tutti i loro canali social per essere sempre aggiornati).

Vediamo allora di andare a scardinare i punti fondamentali della conversazione andando per gradi.

StoryTelling della Pingu Gang

HearthBeat ci racconta che il progetto della creazione del team è stato iniziato da Educoz, già giocatore competitivo che gode di una discreta fama, e Washout, attuale Manager del team. Avrebbero contattato diversi giocatori a livello competitivo al fine di realizzare un team che potesse puntare alla TOP 1 Europea . Coach Joynt si sarebbe unito successivamente a causa del Contenders di Overwatch che era ancora in corso d’opera.

HearthBeat e Joynt collaborano già da circa un anno nel campo di Overwatch, periodo durante il quale dichiarano di aver stretto una buona amicizia che andava anche oltre il lavoro attraverso esperienze condivise, tra cui l’esperienza a Los Angeles, per la world cup durante il BlizzCon. Questa conoscenza, che va ben oltre il solo gaming, è un punto fondamentale per il funzionamento del rapporto Coach-Player. La differenza che fa conoscere la persona, le sue attitudini ed avere un rapporto esterno, dichiarano, è fondamentale per l’approccio di un allenatore.

Il team si trova sicuramente in una fase un po’ embrionale, vista la recente aggiunta del coach alla squadra. Trovare l’equilibrio, sia nella Practice Time, sia in tutto quello che viene dopo, come la Vod Review, secondo Coach Joynt è l’obiettivo attuale del team.

Posto ciò, i ragazzi della Pingu Gang non si stanno certo risparmiando e stanno dando il massimo in Scrim ogni giorno. Oltre questi allenamenti giornalieri la squadra sta cercando di partecipare a più tornei possibile, cosa che differenzia il loro lavoro su Overwatch, dove era più difficile trovare l’occasione di avere delle partite Official. Tutto ciò sta portando la squadra verso un percorso di consapevolezza e sicurezza in delle competizioni più ”vere” e da la possibilità al coach di valutare le prestazioni dei giocatori sotto pressione.

Il competitivo di Valorant

Coach Joynt si dice perplesso riguardo l’immediato futuro del competitivo in Valorant. Spera infatti che Riot non annunci competizioni ufficiali online, in modo da arginare eventuali usi di Cheat e Hacks che rovinerebbero l’esperienza competitiva. Si dice invece speranzoso che i primi tornei in Lan a porte chiuse si possano tenere già da Settembre. ”Ogni anticheat può essere bypassabile”, queste le parole di Joynt ed Hearthbeat riguardo Vanguard, il sistema anticheat di Valorant. Fondamentalmente è una corsa contro il tempo, prima che qualche hacker dedichi tutto il suo tempo a cercare di rompere un muro del quale però Riot si è detta molto fiduciosa.

Il gameplay di Valorant

Quali sono le novità che Valorant ha portato nella scena del gaming secondo due veterani dell’ambito? Presto detto! Secondo Heathbeat quello che Valorant ha portato non è nuovo, ma preso dai punti chiave di altri giochi: Overwatch, un competitivo Fps con abilità e Counter Strike, l’Fps tattico per eccellenza. La cosa interessante secondo il ProPlayer, è che siano riusciti a bilanciare la tatticità di un Fps come Cs:Go con le abilità degli eroi. Come? Facendo in modo che tutti gli agenti, seppur con le più svariate abilità abbiano bisogno di un grosso comparto di Aim, di mira, per essere giocati. Ciò contrapposto ad esempio all’esperienza offerta da Overwatch che, ponendosi più come Moba in prima persona, è molto più basato sulle abilità dei personaggi.

Coach Joynt

Secondo i due intervistati, la mole di persone che si stanno spostando lentamente da altri giochi a Valorant è sintomatico del fatto che c’è una grossa aspettativa per questo gioco e per Riot, che negli ultimi 10 anni è riuscita a far splendere League of Legends e chissà cosa potrà fare con Valorant viste tutte le risorse a loro disposizione. Che sia la nascita del prossimo Fps per eccellenza?

Angolo dei consigli

Quale è il giusto modo di fare una composizione su Valorant?

”Le informazioni sono tutto in questo gioco”, così esordisce coach Joynt nella sua risposta. Avere Cypher o Sova, soprattutto nei livelli più bassi di gioco è fondamentale (nel competitivo spesso si trovano altri escamotage per avere informazioni sulla posizione degli avversari).

Sage è assolutamente un must in ogni composizione visto il suo Kit di abilità. Altro punto chiave è avere una Flash, un agente che possa dare la possibilità di attaccare in spazi ristretti avendo dalla sua il fattore sorpresa dato dall’accecamento del nemico. L’ultimo must è avere delle Smoke, delle cortine fumogene, che possano essere in grado di coprire eventuali Push avversari o di coprire un avanzata in un punto strategico.

Come comprare, quali sono i fattori determinanti?

”Dipende tutto da che agente si sta giocando, dalla posizione (attacco o difesa) e da quale è l’obiettivo del team”. e Hearthbeat continua: ”Per i personaggi basati più sull’utility, come Cypher, Sage, e Brimstone, è fondamentale sempre prediligere l’utility alla capacità di fuoco. Il contrario vale invece per gli agenti tipicamente aggressivi che puntano a creare spazi per la propria squadra. […] L‘economia è fondamentale in Valorant, ma alla fine si deve finire sempre per usare Phantom e Vandal, tutto il resto è di passaggio”.

Hearthbeat con l’Italia ai mondiali

Tenere a mente questo è fondamentale per non rischiare di rimanere mai in una situazione di svantaggio rispetto agli avversari.

Continueremo a seguire in esclusiva per Powned.it le avventure della Pingu Gang, quindi per tutti i prossimi appuntamenti Stay Tuned!

Social Media:

Articoli Correlati:

shroud neon

Shroud dice la sua su Neon, per ora un giudizio molto negativo

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Durante una recente diretta streaming su Twitch, la nota star dello streaming ed ex-professionista di CS:GO Michael ‘shroud’ Grzesiek crede che il nuovo agente sia spazzatura e che con tutta probabilità non sarà mai usata a livello competitivo.

Sebbene infatti la community abbia seguito con attenzione il suo rilascio, non sono pochi i professionisti che si sono detti preoccupati riguardo le conseguenze che l’aggiunta di un personaggio come neon potrebbe avere a lungo termine sul meta degli agenti.

Qualche giorno fa, ad esempio, a dire la sua é stato Patitek degli EXCEL, dichiarando: ”Cambierà il meta un sacco, sono curioso di vedere i vari team come si comporteranno, perché mentre l’ho giocata in ranked ho avuto la sensazione che i muri, la scivolata e tutto fossero veramente OP”.

Sulla questione, come anticipato, é intervenuto anche Shroud, che in live ne ha approfittato per provare le abilità e cercare di delineare un quadro generale sull’ultimo personaggio ad entrare a far parte del roster di Valorant.

”Siete pronti a vedere Neon ragazzi? É un personaggio spazzatura del c***o, ma potrebbe essere divertente da giocare… con la scivolata e tutto il resto potrebbe davvero essere divertente da giocare. L’unica cosa é che non la vedo bene in nessun meta professionistico. Forse qualcuno potrebbe provarla su Haven, ma semplicemente non é un buon personaggio.”

Insomma, nonostante le parole di Shroud abbiamo visto in questi primi giorni una vera e propria corsa al pick nelle partite competitive, ma per vedere gli effetti all’interno del circuito del Valorant Champion bisognerà ancora aspettare un po’. Cosa ne pensate? Come al solito la discussione é aperta!

Articoli Correlati:

joynt valorant

Mondiali Valorant: Joynt, coach italiano, guida i London United alla qualificazione europea

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

A partire da ieri, i ragazzi dei London United guidati da Tommaso ‘Joynt’ Gavioli sono ufficialmente una delle 12 squadre EMEA (zona geografica che oltre al continente europeo raggruppa anche Turchia e Russia) che parteciperanno ai Challengers di Valorant, la prima fase verso il successo.

Per chi si fosse infatti avvicinato da poco al competitivo dello sparatutto Riot games, e non avesse avuto modo di seguire il percorso dei mondiali durante lo scorso anno, possiamo riassumere dicendo che in Valorant vi sono 3 circuiti ufficiali sparsi durante l’anno.

Il primo di questi è il Challenger, delle vere e proprie fasi regionali alle quali si accede attraverso una fase eliminatoria, poi vi sono i Masters, la prima vera fase in cui ci si confronta con realtà extra-regionali ed infine, se si é dimostrato di essere tra i migliori, si accede ai Champions, la sfida definitiva per decretare i campioni del mondo.

Con il colpaccio di ieri sera, siglato tra le altre cose da un maestoso 3-0 ai danni degli Excel, favoriti almeno sulla carta, Joynt é riuscito a portare i London United, formati da quattro professionisti lituani ed un pro polacco, ad accedere alla prima fase verso la gloria eterna.

Joynt non é certo nuovo a successi sia a livello nazionale che internazionale, anche grazie alla sua pregressa esperienza come professionista su Overwatch, ma in questo caso la qualificazione tra i primi migliori 16 d’Europa porta un’importante firma italiana che effettivamente mancava nel panorama competitivo di Valorant.

Ad aspettarli nella prossima fase ci saranno alcune delle formazioni più temibili, tra cui i ben noti Gambit, già finalisti durante il Champions 2021, Team Liquid, Funplus Phoenix e i Natus Vincere. Una vittoria a prescindere sia per la carriera di Joynt che per il nostro panorama italiano.

Cosa ne pensate? Come al solito la discussione é aperta…

Articoli Correlati:

valorant ares

Patch 4.01 Valorant – Nerf all’Ares ed elenchi delle parole ”proibite”

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Ares Nerf – Inizia finalmente il nuovo episodio di Valorant che ci accompagnerà durante tutto il corso del 2022 e con lui anche alcune importanti ed attesissimi aggiornamenti che dovrebbero (ri)bilanciare un po’ la situazione dopo la tornata di nerf e buff che hanno investito il gioco nelle scorse patch.

Di seguito lasciamo direttamente la parola agli sviluppatori che ci andranno a spiegare le recenti modifiche all’Ares, ultimamente divenuta una delle armi più forti del gioco e quelle agli elenchi delle parole ”proibite” che potrà essere personalizzato direttamente da noi giocatori.

AGGIORNAMENTI SOCIAL

Elenco parole silenziate aggiunto alle impostazioni

  • L’Elenco parole silenziate è una nuova sezione delle impostazioni in cui potete scrivere variazioni di parole o espressioni che non volete vedere in partita
    • Dobbiamo riconoscere che spesso alcuni giocatori sono più furbi del nostro sistema di rilevazione automatica delle parole offensive e trovano continuamente modi creativi per scrivere in chat cose inopportune. Per questo, abbiamo deciso di rivolgerci direttamente a voi per migliorare la rilevazione! Aiutateci ad aiutarvi 🙂
    • Per esempio: mettiamo che “Riot” sia una parolaccia (terribile solo a pensarci, lo so). Il nostro sistema di rilevamento può individuare la parola “Riot” come un termine da bloccare e sanzionare, ma ci sono molti modi diversi di scriverla che potrebbero sfuggirci: R!ot, R!0t, Ri0t e altro ancora
    • A scanso di equivoci, ci teniamo a precisare che non potrete far bannare termini come “League of Legends” dalla chat
    • Speriamo di poter sfruttare le vostre liste per rendere la chat meno tossica confrontandole tra le varie regioni e usare i dati raccolti per migliorare la nostra rilevazione delle parole offensive. Grazie in anticipo a tutti quelli che saranno disposti a darci una mano. Rendiamo VALORANT un posto migliore per tutti!

AGGIORNAMENTI ALLE ARMI – Valorant

ARES – Valorant

Le modifiche della patch 4.0 all’Ares hanno reso l’arma notevolmente più forte e siamo stati felici di vederla utilizzata con più frequenza nel gioco. Tuttavia, i vari cambiamenti l’avevano resa troppo facile da controllare e la rimozione dell’aumento progressivo della cadenza di fuoco le aveva tolto parte di ciò che rendeva unica l’arma. Dal momento che abbiamo apprezzato i benefici forniti dalla nuova cadenza di fuoco in termini di utilizzo dell’Ares, abbiamo preferito mantenerli. Ciononostante, abbiamo ritenuto opportuno introdurre le modifiche qui sotto per rendere l’arma più difficile da controllare e ripristinarne parte del carattere includendo una perdita di precisione più accentuata.

  • Aumentato il prezzo: 1550 crediti >>> 1600 crediti
  • Aumentato il rinculo verticale
  • Modificata la dispersione: da 0,8 >>> 0,7 dopo 10 proiettili a 1,0 >>> 0,7 dopo 13 proiettili
  • Ridotti i benefici a dispersione e rinculo forniti dall’accovacciamento: 40% >>> 25%

ARMI DA MISCHIA (stavolta sul serio)

Dal momento che era troppo difficile colpire il bersaglio, l’arma da mischia non risultava molto affidabile. Per questo motivo abbiamo modificato entrambi i tipi di attacchi in mischia per permettere agli agenti di farsi a fette come vorrebbero.

  • Ora le hitbox sono più grandi del 50% quando si utilizza l’attacco secondario. Le hitbox dell’attacco primario sono più grandi rispetto all’attacco secondario e hanno una portata leggermente maggiore
  • I bersagli più vicini al centro dell’attacco con il coltello hanno la precedenza, quindi potrete sempre colpire con precisione all’occorrenza
  • Bonus: ora colpire un muro con il coltello dà un riscontro istantaneo (predizione lato client)

BUG RISOLTI

ARMI

  • Risolto un bug per il quale le animazioni di inattività della serie Origini non venivano riprodotte per alcuni livelli e varianti in modalità spettatore

FUNZIONALITÀ ESPORT

  • Risolto un problema per il quale i comandi dello spettatore cambiavano dopo il cambio di fazione

PRESTAZIONI

  • Risolto un problema per il quale i grafici delle prestazioni che richiedono NVIDIA Reflex apparivano sempre e non potevano essere nascosti
    • Grazie a TowerofShadow per la segnalazione

Cosa ne pensate dell’Ares su Valorant dopo questi nerf? Come al solito non mancate di farci sapere la vostra con un commento qui sotto, oppure in community!

Articoli Correlati: