LEC: Nelson fa chiarezza sulle difficoltà dei G2 Esports

LEC: Nelson fa chiarezza sulle difficoltà dei G2 Esports

Profilo di Rios
 WhatsApp

In un recente intervista, rilasciata ad HotspawnNelson ha parlato delle difficoltà dei suoi G2 Esports in questo inizio split della LEC. La squadra, per quanto abbia guadagnato quattro vittorie, ha mostrato delle grosse lacune nel gioco di squadra. Il coach ha confermato questa cosa, e sta lavorando per riportare il team in alto.

Le difficoltà dei G2 Esports in LEC

Livello di gioco non soddisfacente

Nonostante i G2 abbiano vinto l’ultimo match giocato contro i Rogue, coach Nelson continua a non essere soddisfatto dal livello di gioco espresso dai suoi ragazzi. I risultati postivi sono una marcia in più, certo, ma bisogna ancora migliorare.

ENG

“I mean, I don’t think we are playing very well.  I think we are not even close to where I think G2 should be, at least while we are playing in the LEC.”

“But of course, I’m happy to get the two wins this week. So, overall, I’m fine with the results, but I’m not very happy with the play that we’ve had in the five games so far.”

ITA

“Voglio dire, non credo che stiamo giocando bene. Penso che non siamo nemmeno vicini al livello dove dove dovrebbero essere i G2, ma almeno stiamo giocando in LEC.”

“Certo, sono contento per le due vittorie ottenute in questa settimana. Quindi, nonostante tutto, vanno bene i risultati, ma non sono molto contento del livello di gioco che abbiamo avuto nelle cinque partite che abbiamo giocato fino ad ora.”

Manca di gioco di squadra

Uno dei punti deboli dei G2 Esports, che si portano dietro da anni, è la mancanza generale di gioco di squadra. Nelson ha voluto fare chiarezza in merito, svelando degli aspetti molto interessanti.

ENG

“I mean, I don’t want to leak any strategies, right? But basically, G2 was not playing as a team. Even last year. Even in 2020, with Perkz, they were not playing as a team, which is why they could not beat the very best teams and why they were not consistent enough. They weren’t playing together as a team.”

“I wouldn’t say that they didn’t know, but they didn’t think about how the top lane might affect the bottom side jungle, or how the top lane affects the bot lane. Stuff like that. It’s just that every member of the team has to be on the same page, but most of them weren’t on the same page for the entirety of 2020 and in Spring 2021.”

ITA

“Non voglio rivelare troppe strategie, ok? Ma semplicemente, i G2 non stanno giocando come un team. Anche durante lo scorso anno. Anche nel 2020, con Perkz, non stavano giocando come un team, ed è per questo che non sono riusciti a battere le squadre migliori ed è per questo che non sono stati abbastanza consistenti. Non stavano giocando insieme come un team.”

“Non voglio dire che non sapessero come fare, ma non pensavano a come la corsia superiore possa influenzare la parte inferiore della jungle, o come la corsia superiore potesse influenzare la corsia inferiore. Cose del genere. Il fatto è che ogni membro del team deve essere sulla stessa pagina, ma la maggior parte di loro non erano sulla stessa pagina per tutto il 2020 ed anche nello spring split del 2021.”

Basse aspettative

Il livello di gioco espresso e tutte le problematiche legate ai G2 Esports, hanno abbassato le aspettative di coach Nelson, che al momento è abbastanza pessimista sulle possibilità della squadra.

ENG

“I don’t have any crazy expectations. For me, our priority is to qualify for Worlds and do our best to win the LEC. Anything else is not realistic to talk about, I think. Right now, even if we improve by 20%, 30%, we are still not gonna get out of Worlds groups. We’ll be in third place or fourth place.”

“It’s about the scrims, right? In scrims, when teams are playing properly, you are able to hear what the players are thinking about. How specific they think about certain things and how well they plan the game in their mind. After hearing voice comms from the play in G2, it’s just not as good as what I have heard before when I coached Playoffs teams in China.”

ITA

“Non ho delle aspettative altissime. Per me, la nostra priorità è qualificarsi ai Worlds e fare del nostro meglio per vincere la LEC. E’ irrealistico parlare di qualiasiasi altra cosa, credo. Al momento, se miglioriamo del 20-30%, saremo comunque eliminati ai gruppi dei Worlds. Saremo in terza o quarta posizione.”

“Tutto ruota attorno alle scrim, no? Durante le scrim, quando le squadre giocano nella maniera migliore, puoi sentire cosa ne pensano i giocatori. Cosa pensano nello specifico in merito ad alcune cose e come pianificano per bene la partita nella loro testa. Dopo aver sentito le comunicazioni in partita dei G2, ho capito che non sono buone rispetto a quello che ho sentito quando ho allenato i team che arrivavano ai playoff in Cina.”

Per leggere l’intervista integrale di Nelson (molto lunga ed interessante), visitate il sito di Hotspawn.

LEC: Sjokz prende in giro Amouranth ed Indiefoxx dopo il ban


Torneo League of Legends By ReadyCheck 02/09: ISCRIZIONI ANCORA APERTE!

Torneo League of Legends By ReadyCheck 02/09: ISCRIZIONI ANCORA APERTE!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Torneo League of Legends – Attraverso questo speciale, vogliamo ricordare a tutte le nostre lettrici ed ai nostri lettori interessati a League of Legends di un nuovo torneo a cui siete tutti invitati!

Stiamo parlando del nuovo 5v5 Summoner’s Brawl organizzato da ReadyCheck, nuova piattaforma tornei che ospita tanti eventi dedicati alla scena esports. Il 5v5 Summoner’s Brawl andrà in scena Venerdì 2 Settembre alle ore 19, e vedrà i partecipanti fronteggiarsi in un 5Vs5 nella Summoner’s Rift.

In palio ben 2000 RCP (del valore di 200 Euro, ndr), che verranno distribuiti interamente al team vincitore.

Entrare nella lista dei partecipanti è semplicissimo, vi basterà cliccare sul seguente link (CLICCA QUI), loggare su ReadyCheck, ed iscrivervi per il torneo di League of Legends.

Dovrete aggiungere anche i nomi dei vostri compagni di squadra in fase di iscrizione a questo torneo visto che la struttura del 5v5 Summoner’s Brawl è a team.

L’iscrizione, sia alla piattaforma che al torneo, sarà totalmente gratuita! Vi ricordiamo inoltre che la fase di check-in dovrà essere completata SOLAMENTE dal capitano che avrà iscritto la squadra, e non da tutti i suoi membri.

Cosa farete community? Vi iscriverete e vi metterete alla prova? Per info e altro, ecco il link ufficiale alla pagina del torneo: clicca qui!

Sapete che sui profili social di ReadyCheck si sta tenendo un giveaway? In palio due controller NACON: clicca qui per scoprire maggiori informazioni, la partecipazione è gratuita!


LEC: i MAD Lions monopolizzano l’All-Pro Team

LEC: i MAD Lions monopolizzano l’All-Pro Team

Profilo di Rios
 WhatsApp

L’estate dei MAD Lions è stata un vero e proprio successo, facendo rinascere la squadra dopo uno spring split piuttosto sottotono. La selezione dell’All-Pro Team della LEC ha certificato ulteriormente la forza degli ex campioni, visto il monopolio imposto dal roster spagnolo.

Quattro ruoli su cinque sono finiti in mano ai Leoni madrileni, e soltanto la toplane è rimasta in mano ad un altro team. Un risultato assolutamente meritato per questi ragazzi, capaci di sfiorare la prima posizione in stagione regolare per poi mancarla di un soffio.

Andiamo quindi a vedere tutte le selezione della giuria degli esperti, dando uno sguardo anche alle seconde e terze linee.

L’All-Pro Team della LEC

Il primo posto

Come detto in precedenza, l’All-Pro Team è stato quasi interamente monopolizzato dal roster dei MAD LionsElyoyaNisqyUNFORGIVENKaiser hanno sbaragliato la concorrenza, grazie ad una stagione giocata a ritmi altissimi.

Questo risultato certifica l’ottimo lavoro svolto dalla squadra, che riesce a portare a casa anche questo trofeo oltre a quello già vinto per il miglior coaching staff della stagione.

L’unico giocatore capace di soffiare un posto ai MAD Lions è stato BrokenBlade, toplaner dei G2 Esports. Il tedesco ha avuto una stagione davvero molto convincente, di un altro livello rispetto ai suoi compagni, e sempre capace di esprimere una costanza che spesso non è appartenuta ai G2.

Il secondo posto

Il secondo posto dell’All-Pro Team della LEC ci offre un quadro molto più vario, anche se tre posizioni su cinque sono occupati dai giocatori dei G2. In corsia superiore troviamo Alphari dei Vitality, unico giocatore costante e solido del roster francese.

Subito dopo abbiamo il duo Jankos e Caps, colonna portante dei G2 Esports. I due hanno avuto delle prestazioni altalenanti nel corso della stagione, anche se nelle ultime settimane sono riusciti a raddrizzare le loro performance individuali ed essere un fattore decisivo nelle vittorie del loro team.

A chiudere il cerchio in corsia inferiore ci sono Comp dei RogueTargamas sempre dei G2. Una coppia di giocatori spettacolare, che ha mostrato ottime cose in questa stagione regolare.

Il terzo posto

  • Odoamne (Rogue)
  • Markoon (Excel)
  • Vetheo (Misfits Gaming)
  • Neon (Misfits Gaming)
  • Trymbi (Rogue)

LEC: l’ingresso dei Karmine Corp nella lega sembra più vicino

LEC: l’ingresso dei Karmine Corp nella lega sembra più vicino

Profilo di Rios
 WhatsApp

Pochi giorni fa vi avevamo parlato di un possibile addio degli Astralis, che stavano considerando le offerte di altre organizzazioni per la vendita del loro slot in LEC. Da allora le voci si sono fatte sempre più insistenti e gli indizi sui social hanno iniziato a proliferare.

Nelle scorse ore, infatti, alcuni rappresentati degli Astralis e dei Karmine Corp hanno voluto far impazzire i fan, mostrandosi in una sorta di tavolo delle trattative. Un gioco molto intelligente, che crea tantissimo hype nella community francese e non solo.

Chiaramente ancora non c’è nulla di ufficiale in campo, ma qualche fondo di verità potrebbe davvero esserci in questa assurda storia.

I Karmine Corp arrivano in LEC?

I social esplodono

Come detto in precedenza, nei giorni scorsi LEC Wooloo ha lanciato una vera e propria bomba su Upcomer: gli Astralis potrebbero vendere il loro slot all’interno del campionato europeo di League Of Legends. Una notizia che ha subito fatto il giro del mondo, ed ha fatto impazzire tutti i fan della LEC.

In molti si sono letteralmente scervellati per cercare di capire quali potessero essere i pretendenti dello slot, nonostante Wooloo avesse dato una rosa di nomi papabili. Tra questi c’era quello dei Karmine Corp, ambiziosa organizzazione francese che già da tempo punta ad entrare in LEC dopo aver conquistato ben 3 titoli consecutivi dell’EU Masters.

Ebbene, sembra che l’ipotesi della vendita ai KC sia quella più attendibile. Infatti, nelle scorse ore, i dirigenti di entrambi i team hanno fatto esplodere i social con alcuni post condivisi su Twitter. I rappresentati delle squadre si sono fatti ritrarre in una sorta di tavolo delle trattative, cosa che darebbe ancora più credibilità alle ipotesi formulate in questi giorni.

Al momento non c’è ancora nulla di ufficiale, ma tutto sembra ormai sempre più reale. Ma c’è anche un’altra squadra che, a luci spente, potrebbe mettere i bastoni tra la ruote ai sogni dei Karmine Corp. Infatti, in quel post, uno dei dirigenti degli Astralis ha anche mostrato di aver ricevuto una telefonata da Lee Trink, il CEO del FaZe Clan. I motivi di questa chiamata potrebbero essere molteplici, visto che Astralis non compete solo su League Of Legends, ma comunque mette un po’ di pepe su una trattativa che sta infiammando questi ultimi scampoli d’estate.