ULTIMI MAZZI

Guarda tutti i mazzi
Hearthstone: quali carte mancheranno di più al Core Set?

Hearthstone: quali carte mancheranno di più al Core Set?

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Hearthstone Core Set- Ormai siamo molto prossimi all’arrivo dell’Anno del Grifone e della rotazione di molti Set, soprattutto della sostituzione di Set Base e Classico con il Set Principale. Ma, effettivamente, quali sono le carte top che “scompariranno” con la rotazione?

Sono tantissime le carte classiche o base che hanno fatto la storia di Hearthstone e sarà duro, per molti, di noi abituarci ad un meta senza queste carte. Dividendole per classe, vediamo insieme quali sono le carte più usate che non potremo usare in Standard quest’anno (ricordiamo che insieme ai due set sopracitati, ruoterà anche il Set Apprendista Cacciatore di Demoni).

Cacciatore di Demoni

Per quanto molte delle carte del Demon Hunter hanno fatto sporadiche apparizioni o apparizioni importanti con il vecchio Aggro Demon Hunter, sono due le carte che sono tutt’ora quasi un must per ogni archetipo di Illidan: Fendenti Gemelli e Altruis il Ripudiato. Due carte che son state nerfate, ma che comunque nonostante ciò riescono a creare lethal impensabili o a fare giocate tempo assurde.

Druido

Nel nuovo Set, sicuramente, mancherà l’estrema aggressività del Druido. Non per mancanza di Token, quelli intoccabili, ma per la mancanza assoluta di Ruggito Selvaggio. Come agirà ora l’Aggro Druid? Per il momento l’unico supporto è Potenziamento Corteccia. Per non parlare dell’uscita di Spazzata: certo difficilmente ci sarebbero stati altri Malygos Druid, ma la versatilità di questa magia non è in discussione.

Cacciatore

Per quanto il Core Set sia proiettato verso la direzione Beast per Rexaar, alcune assenze importanti si faranno sentire. Su tutte, sicuramente Famiglio Animale, Ordine di Morte e Sguinzaglia i Segugi. Abbiamo capito che ormai Carica, per la Blizzard, è kaputt…o quasi.

Mago

Per il Mago ci sarebbero molte carte su cui dire qualcosa, ma tra quelle che più feriscono la povera Jaina è sicuramente Novizia Occultista. Mancheranno (o forse no) i suoi sconti. Per non parlare poi di alcune magie fondamentali in vari archetipi: Tormenta, Dardo di Gelo e Metamorfosi.

Paladino

Be’ possiamo dire che Uther sia stato fortunato: nessuna delle sue carte principali andrà in WILD, solo qualche piccola magia a 1 mana, ma comunque situazionali e dipendenti dal meta. Poi certo, potrebbero esserci gli amanti di Occhio per Occhio

Sacerdote

Anche Anduin non è stato colpito moltissimo, anche se, a differenza del Paladino, ha qualche carta in più che sarebbe potuta tornare utile al Priest. Per esempio i vari silenzini (per quanto ci sia il nuovo) o magari Parola d’Ombra: Dolore e la buon vecchia Cabalista dell’Ombra.

Ladro

Per quanto siano poche le carte che davvero ci mancheranno del Ladro, tra queste ci sono alcune delle carte più usate di sempre (e che hanno per anni determinato i deck di Valeera). Scompariranno carte come Tramortimento, il recentemente colpito Edwin VanCleef e Sventramento. Grazie ad una statistica di HS Replay, sappiamo che proprio quest’ultima è la carta più usata tra quelle in rotazione (nella Top 5, oltre a 3 carte di “espansione” troviamo anche Dardo di Gelo).

Sciamano

Lo Sciamano avendo ricevuto una sorta di buff generale alla meccanica Sovraccarico, le carte più importante le ha ri-avute, anche se qualcuna non ha trovato spazio (Getto di Lava). Anche il lato aggressivo ha subìto qualche perdita: ricordiamo Totem del Fuoco ed la sempiterno Brama di Sangue.

Stregone

Sono poche le carte dello Stregone, molto forti, che usciranno dallo Standard. Parliamo perlopiù di carte aggro: due su tutte, sicuramente il burst Fuoco dell’Anima e il sempiterno scudo Ombra del Vuoto. Mancheranno così tanto?

Guerriero

Anche al Guerriero mancheranno alcune carte importanti, queste divisibili anche per categoria. Alcune carte utili per la meccanica Rabbia (o comunque usate in un deck del genere) andranno via: parliamo soprattutto di Rabbia Interiore e Élite Kor’kron, rimosso sicuramente per la sua Carica. Poi, colpo più importante è subìto a causa della scomparsa dei suoi peschini: Scudo Saldo e Furia Battagliera. Come risolverà ora Garrosh (al momento la più forte è solo Lezioni di Taglio)?

Generiche

Per le Generiche, come era facile immaginare, sono state molte le carte forti a scomparire dal nuovo Set (e mi limito solamente a quelle davvero forti, altrimenti la lista sarebbe immensa). Non le citerò tutte, ma inserirò tutte le miniature in allegato. Mi basterà ricordarvi che ruoteranno i vecchi Aspetti dei Draghi (2 su 6 sono sempre stati un must per alcuni deck), Lanciatore di Coltelli, Condottiero Murloc e Gigante di Mare per gli aggro ed il micidiale Vate della Rovina per i Control (THE END IS COMING).

Che ne pensate, alla fine, di queste uscite celeberrime? Avreste inserito altre carte o alcune di queste non erano affatto importanti? Fateci sapere la vostra…

Articoli correlati: 

Migliori mazzi post-patch di Hearthstone? Paladin in netta crescita

Migliori mazzi post-patch di Hearthstone? Paladin in netta crescita

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Mazzi Hearthstone – Il nuovo aggiornamento é arrivato relativamente da poco, ma molta agitazione nel meta di Hearthstone si inizia già a vedere.

Nerf e buff hanno portato tanta creatività e voglia di riscatto per molte classi che hanno sofferto in questo ultimo mese. Dimenticatevi del meta di qualche giorno fa, perché sono altri i mazzi “del giorno”.

Approfittando di una delle ultime statistiche dei colleghi di HS Replay, vedremo i migliori mazzi del momento, piú usati e vincenti ovviamente.

Quello che sembra aver approfittato di piú della situazione é il Paladin che già con ottime basi ha premuto sull’acceleratore ed ha voglia di prendersi la testa del meta.

Soprattutto l’Handbuff Paladin, ma anche il Mech Paladin, ha trovato finalmente spazio per poter comandare su tutti, grazie alla solidità della sua board.

Chi ha ribaltato il proprio destino é il Thief Rogue che con i molti buff ha trovato molta piú consistenza.

Non é ben chiaro se sia solo un fuoco di paglia o se sia destinato a durare. Vedremo…

Chiudiamo la Top 5 di questa “classifica” con il Beast Hunter di cui vi abbiamo già parlato in questi giorni e del ritorno dell’inaspettato Quest Warrior.

Le liste

Quest Warrior  7860
Beast Hunter  6840
Mech Paladin  6840
Thief Rogue  10740
Handbuff Paladin  18120

Che ne pensate di questi mazzi di Hearthstone? Sopravvivranno alla scrematura del meta?

Su cosa lavorerebbe Iksar? Nuovi formati, 2v2, Bo3 e molto altro

Su cosa lavorerebbe Iksar? Nuovi formati, 2v2, Bo3 e molto altro

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Iksar Hearthstone – Negli ultimi anni sappiamo quanto il team di Hearthstone sia sempre piú indaffarato a portare nuove esperienze sul gioco di casa Blizzard.

Ovviamente il lavoro é ancora lungo e ci sono ancora decine di feature che il pubblico vorrebbe (su tutte la modalità Torneo), ma i dev dimostrano costantemente la loro voglia di mettersi alla prova.

Uno sicuramente dei piú coinvolti é il noto Iksar che poche ore fa ha elencato alcune feature su cui vorrebbe spendere piú tempo nello sviluppare.

Elenco di “Hearthstone stuff” che Iksar implementerebbe

Social
  • 2v2
  • 1v1v1v1
  • duo BG
  • 4v4 BG
  • Gilde
  • Gilde contro Gilde
Formati
  • Formato dell’anno corrente
  • Formato con rotazione delle espansioni
  • Multi-deck (Bo3, Bo5)
Self-Expression
  • Creazione dell’Avatar
  • Profilo
  • Spazio di personalizzazione “out-of-game” (ndr. tutti quei tipi di personalizzazione quando non siamo in partita)

Iksar, peró, non si é limitato ad elencare tutta la roba che svilupperebbe, ma ha cercato anche di spiegare le sue idee per ogni cosa.

Social

Per le funzioni social il team vorrebbe creare nuove modalità ma che non richiedano l’aggiunta di nuovo contenuto. Il 2v2 dovrà essere implementato senza che ci sia il giocatore piú forte del team che detti le mosse per la squadra.

Per modalità con piú di 2 giocatori bisognerà troverà un soluzione per il mobile, come la diminuzione degli slot dei minion da 7 a 4-5. Per le Gilde, invece, si deve trovare il modo di creare un qualcosa in cui i giocatori possano aiutarsi, progredire insieme e farlo “in modo asincrono”

Formati

Nessuno dei formati al momento ha un senso di “freschezza” che non richieda vecchie carte o vecchie conoscenze del gioco. Quindi si vorrebbe implementare un formato che abbia un reset annuale o anche piú frequente

Il Formato con la rotazione delle espansioni é facile da implementare, ma la preoccupazione é sul numero dei giocatori che lo giocherebbe. Probabilmente proveranno questa via comunque, ma stanno cercando di farlo nel modo piú accessibile possibile.

La questione dei multi-deck, invece, ha piú strade: o si gioca proprio come una serie (ban della classe, conoscenza di lineup ecc..), ma ció richiederebbe un’ora per una sola serie, oppure si potrebbe giocare contro avversari diversi, quindi porto la mia lineup, ma la prima partita la faccio contro un avversario e poi la seconda contro un altro ancora ecc.. Quest’ultimo metodo permetterebbe di non dover finire la serie tutta in una volta.

Self-Expression

Per quanto riguarda la personalizzazione, il team sta facendo molto ultimamente, ma Iksar pensa che manchi qualcosa per la piena espressione di se stessi sul gioco, un qualcosa che renda unici su Hearthstone.

Che ne pensate di queste idee? Voi cosa implementereste?

Articoli Correlati:

Quanto conoscete Hearthstone? Mettetevi alla prova con Rarran

Quanto conoscete Hearthstone? Mettetevi alla prova con Rarran

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Ormai Hearthstone ha la veneranda età di 8 anni e tantissima acqua ne è passata sotto i ponti. Molti giocatori sono novizi ed hanno provato il gioco davvero da poco, ma ci sono giocatori che da anni frequentano la Locanda di Warcraft.

Ed è qui che tra una partita e l’altra, tra una Battaglia ed un match di Mercenari, abbiamo visto passare centinaia di personaggi e decine di espansioni con le proprie avventure. Ed è qui che ci chiediamo: quanto conosciamo Hearthstone?

Rarran, content creator del gioco ha tentato di mettere alla prova uno dei volti più noti di tutto il panorama hearthstoniano. Parliamo del noto Regiskillbin che ogni giocatore da ogni parte del mondo ha visto almeno una volta.

Regiskillbin ha letteralmente passato i suoi anni sul gioco di Blizzard e sembrerebbe scontato mettere alla prova una personalità del genere, ma la sfida di Rarran, come potrete vedere in allegato, è davvero ardua.

Noi, insieme ai due content creator, possiamo provare a testare la nostra conoscenza di Hearthstone. In pratica Rarran sottopone a Regis tutta una serie di carte che il content creator americano dovrà riconoscere in carte vere o false.

Ma attenzione, non è così facile come sembra, le carte false potrebbero sembrare a tutti gli effetti vere, anche solo un piccolo dettaglio (come il logo dell’espansione o una parola dell’effetto) potrebbero invalidarne la veridicità.

Il video di Rarran e Regiskillbin

Allora? Voi quante ne avete indovinate? Siete dei veri esperti di Hearthstone? Fateci sapere la vostra…

Articoli Correlati: