ULTIMI MAZZI

Guarda tutti i mazzi
blizzard

Blizzard, alcune fonti anonime rivelano: dietro ai numerosi addii ci sono Burnout e mancanza di nuovi titoli

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Il celebre sito IGN è uscito questa mattina con un pezzo che farà molto discutere i milioni e milioni di giocatori appassionati di titoli Blizzard.

Secondo quanto riferito proprio su IGN da alcune fonti interne all’azienda (che hanno però preferito rimanere anonime), in Blizzard vi sarebbe ormai da diversi anni un clima non del tutto piacevole, e che dietro ai numerosi addii di questi ultimi tempi vi sarebbero delle motivazioni spesso comuni (l’ultimo dei quali, lo ricordiamo, è Jeff Kaplan, che ha mollato Overwatch e Blizz poche settimane fa).

Oltre a numerosi casi di burnout (condizione che colpisce ormai tantissimi lavoratori del mondo occidentale, caratterizzato da esaurimento emotivo, depersonalizzazione e derealizzazione personale), in Blizzard pare che sia stata particolarmente sofferta anche la decisione dei piani alti dell’azienda di “bloccare” l’uscita di nuovi titoli, di cui infatti non riceviamo aggiornamenti dal lontano 2016 (anno in cui uscì Overwatch, ultimo titolo creato da zero da Blizzard per ordine di tempo).

Anche la pianificazione è motivo di preoccupazione per questa fonte anonima, che ad IGN ha infatti rivelato: “in azienda non facciamo che parlare di come abbiamo complicato la programmazione a lungo termine” con un chiaro riferimento a quelli che sono i due prossimi titoli in uscita (attesi ormai da anni ed anni) ovvero Diablo IV e Overwatch 2.

Specialmente se si pensa al tipo di qualità che Blizzard era riuscita a raggiungere proprio tra la metà e la fine degli anni 10, è davvero molto triste leggere queste considerazioni, e non possiamo che augurarci che il futuro, magari proprio a partire da Overwatch 2, possa degnamente rilanciare uno dei publisher più amati e seguiti di tutti i tempi.

Cosa ne pensate community?
La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701