Ninja esplode in live contro Epic Games

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Alla fine Ninja, il celebre streamer Twitch di Fortnite, ha ceduto e si è lasciato andare in live contro Epic Games. Non solo ha abbandonato il gioco con aria arrabbiata, ma ha anche avviato un’altra applicazione che di certo non aiuta, ovvero il titolo celebre di questi giorni, Sekiro.

Tutto nasce sempre dal controverso aggiornamento 8.20 del gioco, ma non riguarda la questione della vita per uccisione. Bensì, ciò che ha fatto arrabbiare Ninja ed altri player riguarda la lunga coda di attesa delle partite classificate.

Ninja Sfogo Epic Games Twitch Clip Video
Ninja ha un grosso peso nella community di Fortnite

Soprattutto a livelli più alti, ma non solo, le code di attesa sono veramente lunghe, e finiscono per spazientire alcuni player. Immaginate di dover aspettare 5-10 minuti, per poi giocare poche briciole di una partita e dover ricominciare sapendo di aver appena perso il vostro tempo prima.

E Ninja ha rilasciato tutta la sua rabbia propria in una live del 3 aprile, come potete vedere nelle seguenti clip:

https://clips.twitch.tv/CalmObservantNightingaleSquadGoals

Non posso farlo, non starò qui seduto tutto il tempo ad aspettare una partita“, ha detto. “Non aspetterò cinque minuti per iniziare un match orribile solo per giocare con le impostazioni che voglio, non lo farò, quindi hai vinto Epic!

https://clips.twitch.tv/BlatantFancyMosquitoWOOP

Queste partite Solo sono oltre la concezione di stupidità. Siamo costretti a giocare in Normal perché nessuno ha voglia di aspettare 100 ore per una partita.

Dopo lo sfogo, Ninja ha continuato a giocare ad un gioco che di certo non aiuta a smaltirla, ovvero Sekiro: Shadows Die Twice.

E’ la prima volta che vediamo un personaggio come lui sfogarsi così con Epic Games. Questo fa capire quanto l’aggiornamento 8.20 sia effettivamente indesiderato, ma Epic continua a non rilasciare dichiarazioni.

Grazie per la lettura

ALTRI ARTICOLI FORTNITE:

Marco "Disfact" Scarfone

Sono nel mondo dei videogiochi sin da piccolo e, crescendo, questa passione mi ha portato ad appassionarmi agli eSports. Sono a capo della community di Rocket League in Italia, organizzando tornei e gestendo tutto quanto riguarda il gioco in Italia.