Anche Cristiano Ronaldo ed altri colleghi supportano il progetto ESPORT di David De Gea

Anche Cristiano Ronaldo ed altri colleghi supportano il progetto ESPORT di David De Gea

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Gli esport accolgono De Gea – A distanza di quasi un mese dalla presentazione del progetto nel mondo degli esport del noto portiere spagnolo David De Gea, Rebels Gaming (questo il nome della nuova org che si presenterà al grande pubblico durante la prossima stagione classificata) ha già guadagnato la stima dei più grandi del mondo del calcio.

Sin dal primo annuncio di questo ambizioso progetto esportivo, il numero uno della rappresentativa spagnola ha mostrato con grande orgoglio la passione e la voglia che l’hanno spinto ad intraprendere un percorso irto di ostacoli e quasi del tutto inesplorato (soprattutto per gli investitori). Il team, secondo le fonti, cercherà di gareggiare sin da subito all’interno dei maggiori circuiti di Valorant, League of Legends e Rainbow Six: Siege.

Tra i primi a supportare e ricondividere online gli annunci e gli auguri di buona fortuna, i compagni della formazione del Manchester United, tra cui il connazionale Juan Mata, ed i portoghesi Bruno Fernandes e Cristiano Ronaldo.

A seguire gli attuali compagni di squadra dell’estremo difensore si sono poi uniti anche i conoscenti Victor Lidelöf Alex Telles, seguiti a ruota da Edinson Cavani, Eric Bailly Raphäel Varane, che ci hanno tenuto a dimostrare il cameratismo che regna negli spogliatoi dell’Old Trafford.

È incredibile tutto il supporto e l’affetto che i miei colleghi mi hanno dimostrato dal momento in cui hanno scoperto il progetto Rebels. Sono orgoglioso di far parte di un gruppo di questa qualità umana, che condivide le tue gioie e che è presente nei momenti più difficili ” – ha dichiarato un commosso De Gea durante una recente intervista.

 

Non solo esponenti del mondo del calcio, ma anche titoli di giornale per il progetto di Rebels Gaming, tra cui ABC che scrive ” David de Gea si lancia nel mondo degli eSports creando il suo club”, ed i quotidiani Cinco Días e Palco23.

da gea

Insomma, una grandissima notizia per tutti gli appassionati di videogiochi che dovrebbero sentirsi orgogliosi di poter accogliere, soprattutto in un momento di ripartenza mondiale così duro, gli investimenti delle stelle del calcio che sognavamo di impersonare da bambini.

Articoli Correlati:

Il ”ritorno” di Dr Disrespect su Twitch prende tutti alla sprovvista, ecco cosa è successo

Il ”ritorno” di Dr Disrespect su Twitch prende tutti alla sprovvista, ecco cosa è successo

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Il Dr Disrespect, una delle figure più carismatiche e allo stesso tempo estremamente controverse del mondo dello streaming, potrebbe presto tornare su Twitch, almeno stando a quanto mostrato in una pubblicità sulla piattaforma di proprietà Amazon.

Il BAN permanente da Twitch del Doc è stato sicuramente uno degli eventi più controversi degli ultimi anni. Basti pensare che allo stato attuale delle cose ancora nessuno conosce la vere motivazioni che si nascondono dietro il provvedimento che ha spedito il ”two times” su Youtube Gaming.

Inoltre, come già molti di voi sapranno, quando si viene bannati da Twitch non si ha il permesso di apparire in nessun modo sulla piattaforma, nemmeno durante le dirette streaming di altri utenti e spesso nemmeno per sbaglio, pena l’esclusione dalla piattaforma di quegli utenti.

Ritorna il Dr Disrespect su Twitch? La verità potrebbe essere complicata

Come notato da un utente Twitter sul suo account ufficiale, e poi da moltissimi dopo di lui, all’interno di una delle moltissime pubblicità riguardanti Fortnite, presenti su Twitch, sarebbe per un brevissimo lasso di tempo comparso Dr Disrespect. Il fatto ha chiaramente destato la curiosità di tutti.

Sebbene infatti in prima istanza si fosse pensato ad un errore, come notato da moltissimi, Twitch ha una politica molto severa riguardanti le pubblicità che vanno in onda. Questo significa che ogni ad viene scandagliata in maniera approfondita alla ricerca di elementi che potrebbero potenzialmente essere dannosi per gli utenti più giovani.

Difficile per ora decretare se il Doc ed i piani alti di Twitch siano riusciti finalmente ad arrivare ad un accordo, ma di certo questo episodio potrebbe finire per sbloccare la situazione. Che ne pensate community? Come al solito la discussione è aperta!

Articoli Correlati:

Il Guinness World Record riconosce finalmente Twitch, ecco l’incredibile storia di GeorgeNotFound

Il Guinness World Record riconosce finalmente Twitch, ecco l’incredibile storia di GeorgeNotFound

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Twitch Record – Mentre qui da noi è ancora motlo in voga il roleplay su Grand Theft Auto, oltreoceano alcuni dei maggiori streamer della categoria hanno spostato la loro attenzione su un titolo che da oltre un decennio continua ad appassionare tutto il mondo: Minecraft.

Tra questi, uno streamer in particolare è riuscito nel corso degli ultimi anni a farsi strada e diventare parte di quell’1% di creatori di contenuti su Twitch che riescono a tirare fuori dal cilindro dei numeri semplicemente fuori dal mondo. Stiamo chiaramente parlando di GeorgeNotFound.

Non solo streamer di successo, ma a partire da oggi anche possessore di un Guinness World Record, ma non certo per il Gaming, ancora abbastanza fuori portata per l’organizzazione mondiale dei Record. Ecco la storia completa!

GeorgeNotFound ora anche Record-man su Twitch

Secondo protagonista di questa storia è JackSucksAtLife, Youtuber di successo che negli ultimi tempi ha dedicato gran parte del suo tempo a far ottenere a streamer e colleghi della ”piattaforma rossa” il meritato riconoscimento per i loro Guinness dei Primati.

Come spiegato in uno dei suoi ultimi video (CLICCANDO QUI la fonte), Jack aveva da prima proposto George come detentore del record per la Hot Tub Stream più vista su Twitch, senza tuttavia ricevere una risposta positiva da parte della squadra che si occupa della verifica dei Record.

In seguito a questa delusione, Jack non si è tuttavia scoraggiato ed ha proposto al Guinness World Record di registrare GeorgeNotFound come lo streamer Twitch più visto durante una live di CUCINA. Esatto, avete capito bene, di cucina. Una Livestream dove il ragazzo stava semplicemente preparando delle patatine fritte è diventata attualmente la detentrice del record con oltre 319.000 utenti al picco della diretta.

Insomma, cosa ne pensate? Come al solito la discussione è aperta!

Articoli Correlati:

 

Ninja, un commento nella sua chat di Twitch costa ad un noto streamer il BAN

Ninja, un commento nella sua chat di Twitch costa ad un noto streamer il BAN

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

BAN – Chi ha vissuto l’epoca d’oro di Ninja su Twitch, conoscerà sicuramente anche il noto streamer Dr Lupo, ai tempi dell’ascesa di Tyler Blevins (il vero nome di Ninja) personalità già estremamente affermata nell’ambiente dello streaming.

Ebbene queste due leggende dello streaming sono recentemente state protagoniste di un simpatico episodio avvenuto in diretta streaming che alla fine è risultato in un BAN per il Doc.

Sebbene infatti Lupo sia da tempo passato a Youtube, dove a detta sua le condizioni lavorative sono decisamente migliori rispetto alla controparte di Amazon, lo streamer ha più volte dimostrato di essere ancora attivo su Twitch, dove passa moltissimo tempo come utente.

Ninja e Dr Lupo, ecco il commento che ha portato al BAN su Twitch

Durante la quotidiana diretta streaming di ieri, Ninja si è accorto della presenza di Dr Lupo in chat e dopo averlo salutato ha ricevuto un messaggio chiaramente ironico da parte del Doc che recitava: ”siediti sulla mia faccia” (orig. Sit on my face).

La chat di Ninja non deve aver preso troppo bene il messaggio. Poche ore dopo l’accaduto Lupo ha reso noto tramite il proprio account Twitter ufficiale (CLICCANDO QUI il post originale), di aver ricevuto per questo motivo un BAN di oltre 7 giorni. Appena un’ora dopo l’annuncio Dr Lupo ha comunicato di essere riuscito ad essere ‘sbannato’: ”Ho imparato dai miei errori e sono già squalificato. Niente più sedute in faccia per me’‘.

Insomma, sicuramente un episodio singolare che torna a ricordarci quanto fumosa e poco chiara sia la politica di Twitch in materia di sospensioni. Avremo mai delle certezze? Come al solito non mancate di farci sapere la vostra con un commento qui sotto, oppure in community!

Articoli Correlati: