Warzone 2/MW2, i devs mettono le mani avanti sulla questione cheater: “purtroppo, forse ci saranno ancora”

Warzone 2/MW2, i devs mettono le mani avanti sulla questione cheater: “purtroppo, forse ci saranno ancora”

Profilo di Stak
 WhatsApp

Warzone 2 Cheater – Con una nota a margine del comunicato su Ricochet, gli sviluppatori di Activision hanno già in parte messo le mani avanti rispetto alla questione cheater… Ammettendo che, purtroppo, non sarà cosi facile liberarcene presto.

Nell’ultimo paragrafo dedicato a Ricochet, il team di sviluppatori ha infatti spiegato che il sistema verrà implementato anche sui nuovi titoli in arrivo. L’integrazione non sarà “posticipata” come nel caso di Vanguard, ma sarà applicata sin dal day1.

Questo comprende ovviamente anche il kernel-level driver, con Ricochet che sarà quindi alla sua massima “potenza” per entrambi i titoli da subito.

Misure evidentemente indispensabili per preservare il gameplay di un free to play come Warzone 2 ancor prima che del gameplay del multiplayer. Sino al prossimo Ottobre Ricochet avrà continuato a svilupparsi ed arricchirsi, cosi da aver affilato abbastanza le “armi” per quella che sarà la prossima guerra in arrivo tra cheater e giocatori onesti.

Del resto sono stati gli stessi devs a riconoscere che il problema dei cheater continuerà a riguardare Call of Duty

Davanti ad esplicita domanda (incontreremo degli imbroglioni su MW2 e Warzone2?), i devs hanno infatti risposto con un poco entusiasmante (ma sincero) “Purtroppo, forse sì, ma stiamo lavorando duramente per essere migliori e più veloci per cacciarli dal gioco (con il ban o nerfandoli e rendendogli impossibile giocare), cosi da permettervi di concentrarvi solo sul vostro divertimento“.

Sull’argomento sempre i devs hanno poi proseguito “forse un po’ egoisticamente, ma non vediamo l’ora di vedere come appariranno le nostre contromisure come Damage Shield, Cloaking e Disarm nell’ambientazione di Modern Warfare 2“.

L’estratto del post ufficiale – Cheater su Warzone 2 e MW2

Q – What can we expect from #TeamRICOCHET when Call of Duty®: Modern Warfare® II and the all-new Warzone™ 2.0 launches?

RICOCHET Anti-Cheat – including its PC kernel-level driver – will be active on Day One for both Call of Duty: Modern Warfare II and the all-new Warzone 2.0.

This is possible because of the foundation #TeamRICOCHET has developed and iterated on since it first launched, as well as the close collaboration we have with game teams.

RICOCHET Anti-Cheat continues to get smarter and better as time progresses.

Will you encounter cheaters? Sadly, perhaps yes, but we are working endlessly to be faster and better to get them out of the game (by force or by annoyance) and let you focus on fun.

Selfishly, we can’t wait to see how Damage Shield, Cloaking, Disarm and our other tricks look in a modern setting.

 

Vedremo nel corso dei prossimi mesi quale sarà l’apporto di Ricochet alla lotta ai cheater.

Nell’ultimo report, sembra che gli account eliminati siano quasi 200 mila (in poco più di 2 mesi)… numeri certamente importanti, che dimostrano sia l’ottimo servizio garantito da Ricochet, sia purtroppo anche l’efficienza degli hacker nel trovare soluzioni per aggirare il sistema.

Cosa ne pensate riguardo alla questione community? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

Warzone, oggi sbarca la nuova patch della Stagione 4! Tutte le novità:

Warzone, oggi sbarca la nuova patch della Stagione 4! Tutte le novità:

Profilo di Stak
 WhatsApp

Stagione 4 Warzone – Mancano solamente una manciata di ore prima dell’inizio della quarta stagione di Warzone… la penultima della storia del celebre br Activision.

La quinta stagione sarà infatti l’ultima prima dell’arrivo del nuovo Warzone 2, titolo che andrà certamente a “svuotare” le lobby attuali di Warzone. Ricordiamo che il nuovo Warzone 2 sarà disponibile a Novembre (data ancora non ufficiale) anche per console old gen, dettaglio che certamente influirà verso una migrazione di massa sul Warzone numero 2.

Ma torniamo al Warzone originale, ed all’importante patch che sta per sbarcare sul server live…Prima di tutto chiariamo una cosa: per quanto ancora non “pubblico”, è assolutamente scontato che la nuova patch sarà di dimensioni gargantuesche. Con il “semplice” restyling di Rebirth di un mesetto fa abbiamo dovuto scaricare più di 20 Giga di nuovi contenuti.

Con questa, potrebbe non essere folle pensare a 50 o 60 giga di patch, se non peggio. Ricordiamo infatti che con l’aggiornamento odierno sbarcheranno su Warzone:

Patch sicuramente “molto pesante” a causa delle tante novità

Una nuova mappa, le solite tante novità della stagione, e poi quindi anche una vera e propria “Verdansktizzazione” di Caldera, che andrà a perdere il 50% di tutta la sua vegetazione in favore di strutture, case e piccoli edifici.

Non solo, perché sempre oggi assisteremo anche all’introduzione di una nuova zona all’interno di Caldera.

Stiamo parlando di Storage Town (praticamente un’intera mappa multiplayer), che da Verdansk verrà magicamente “riesumata” tra Mines e Village in quel di Caldera.

Ultimo giorno della “vecchia Caldera” su Warzone: ecco le principali novità del suo pesante restyling!

Quando uscirà la nuova patch/playlist della Stagione 4 di Warzone? 

Le danze estive di Warzone si apriranno ufficialmente questo pomeriggio alle ore 19.

L’orario è stato suggerito nel Trello ufficiale dei devs, e si riferisce all’orario di “chiusura” dell’attuale playlist. Non sappiamo se sarà disponibile un pre-download, ma è altamente probabile che già a partire dalle 15 (o al più tardi alle 17) saremo in grado di iniziare a scaricare la patch.

Infine, ricordiamo che le playlist a tre mappe non inizieranno da questa settimana (durante la quale avremo solo Caldera e Fortune’S Keep come mappe giocabili). Rebirth tornerà stabilmente tra le mappe giocabili solamente dalla prossima settimana.

Cosa ne pensate community? Siete pronti per questa nuova avventura?

La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

Warzone, in arrivo il crossover su TERMINATOR!

Warzone, in arrivo il crossover su TERMINATOR!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Già diversi mesi fa avevamo anticipato della possibilità di avere un altro grande protagonista del cinema all’interno di Warzone, anche se l’abbiamo sempre presentata come una pura “speculazione”. Oggi riceviamo però una conferma abbastanza chiara, e la riceviamo proprio dal profilo social ufficiale di Call of Duty.

Ieri sera, su Twitter, è stato infatti pubblicato un post teaser che indica chiaramente l’imminente sbarco di Terminator sul battle royale di Call of Duty. In questo, si possono vedere dei lingotti d’oro con sopra scritto “SKYNET“, ovvero la storica e celebre “IA villain” della serie di film su Terminator.

A scanso di equivoci, i devs hanno poi anche pubblicato un post sul sito nel quale viene proprio nominato questo nuovo crossover.

Nel post si legge: “Pronto a diventare Terminator o il suo successore, il prototipo avanzato noto come T-1000? Entrambe le macchine saranno disponibili durante l’update di metà stagione, arrivando su Call of Duty: Vanguard e Warzone in bundle speciali a tempo limitato“.

Sempre il post poi prosegue: “Skynet non vuole che pensiamo troppo a questi bundle: “rilassati” e attendi ulteriori informazioni alla fine di questa stagione“.

Non sappiamo quindi se questi bundle saranno accompagnati da un evento speciale. Se però il crossover dovesse seguire la stessa roadmap degli eventi simili precedenti (pensate a Die Hard lo scorso autunno, o Godzilla e Kong durante il 2022), avremmo sicuramente una mode LTM a tema Terminator.

La nuova Season inizierà oggi introducendo una miriade di novità, quindi dovremo attendere il crossover su Terminator tra la metà e la fine di Luglio.

Tracer Pack: T-800 Limited Time Bundle and Tracer Pack: T-1000 Limited Time Bundle

Ready to become the Terminator or its successor, the advanced prototype known as the T-1000?

Both machines will rise during the mid-season, coming to Call of Duty: Vanguard and Warzone in special, limited-time bundles.

Skynet doesn’t want us to do too much thinking about these bundles – “chill out” and hold for more intel sometime later this season.

Prepare for Mercenaries of Fortune and all the new maps, features, and modes coming with it on June 22.

 

Il post teaser su Skynet

Cosa ne pensate community? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

Kevin Durant vorrebbe fondare un team di Call Of Duty

Kevin Durant vorrebbe fondare un team di Call Of Duty

Profilo di Rios
 WhatsApp

Negli ultimi tempi, il mercato esports, ha attirato l’attenzione di diverse personalità del mondo dello sport, ed alcune superstar hanno già investito. Abbiamo già parlato di Piqué e dei suoi KOI su League Of Legends, ma oggi si aggiunge alla lista il nome di Kevin Durant.

La leggenda della NBA ama i videogiochi a tutto tondo, ed ha parlato diffusamente della sua volontà di fondare un team di Call Of Duty. In futuro potremo vedere questa volontà tramutata in realtà, vista la sua disponibilità economica e la sua precedente esperienza.

Insomma, il mercato americano degli esports potrebbe presto dare il benvenuto ad un nuovo importante investitore, pronto a prendersi con forza la scena.

Kevin Durant ed il team di Call Of Duty

Un interesse non nuovo

La passione di Kevin Durant per i videogiochi ed il mondo degli esports non nasce oggi, ma anzi arriva da lontano. Il cestista dei Brooklyn Nets, infatti, ha già fatto le sue esperienze in questo senso, visto che per molti anni è stato investitore dell’organizzazione NYXL (che fa parte della galassia dei Subliners).

Proprio per sublimare questa sua esperienza, la superstar ha parlato del suo progetto sul lungo termine che mira a fondare un team completamente suo di Call Of Duty. Nonostante le dichiarazioni fornite durante un’intervista rilasciata a David Letterman, purtroppo non si sanno ancora i dettagli del suo piano.

Infatti tutto è ancora avvolto nel mistero, e persino le tempistiche risultano essere piuttosto nebulose. Sicuramente ci aspettiamo un progetto serio da parte di Kevin Durant, che avrà tutte le carte in regola per sconvolgere il ricco mercato esports degli Stati Uniti. Per ora non ci resta che aspettare e capire le prossime mosse, ma l’hype attorno a questo progetto è già elevatissimo. Insomma, per non perdervi tutte le novità in merito dovete restare incollati sulle nostre pagine.