“Top player di Warzone più forti rispetto ai colleghi della COD League”: scoppia la polemica tra professionisti

“Top player di Warzone più forti rispetto ai colleghi della COD League”: scoppia la polemica tra professionisti

Profilo di Stak
 WhatsApp

Nel corso di una recente trasmissione del “Thedropshot podcast“, si è parlato del  competitivo di Call of Duty e di quelle che sono le sue due principali “aree”… Warzone e la COD League.

Come noto, pur trattandosi dello “stesso titolo”, su Warzone le competizioni sono in tutto e per tutti dei battle royale, mentre nella COD League l’unica modalità giocata è quella del multiplayer, dove due piccolissimi team si affrontano in una mappa (altrettanto piccola), in costanti scontri a fuoco.

Secondo gli esperti del Thedropshot podcast quindi, i professionisti top della scena di Warzone sarebbero “migliori” (nel senso che avrebbero più skill/abilità) rispetto ai “top” della Call of Duty League, perché nel primo vi sarebbero tantissime variabili in più rispetto al multiplayer, ad iniziare dal fattore “tattica e strategia”.

Effettivamente si tratta di due giochi molto diversi, ed è abbastanza rischioso fare dei “paragoni”. Da una parte è sicuramente vero che tutte le componenti relative alla mira, alla bravura di un giocatore ed alla precisione le ritroviamo assolutamente “identiche” in entrambi i giochi.

Thedropshot lancia la bomba: “i giocatori TOP di Warzone sono migliori rispetto a quelli della COD League”

Nella COD League le partite scorrono in modo molto più lineare, proprio perché il tipo di sfida che è molto più “semplice”… Due team che si fronteggiano in un testa a testa in una sfida che dura una manciata di minuti. Su Warzone al contrario, le sfide sono particolarmente lunghe e prolungate, e sono spesso caratterizzate da veri e propri “momenti morti” (che possono durare anche diversi minuti), in cui non si spara neanche un singolo colpo.

Questo richiede tassativamente un passaggio strategico che può sensibilmente “cambiare” i nostri obiettivi, le nostre decisioni e soprattutto le nostre “rotazioni”.

La componente “tattico strategica” richiesta su Warzone sarebbe quel “plus” che renderebbe, sempre secondo Thedropshot, i giocatori top di Warzone “più forti” rispetto ai top della CDL. D’altro canto basta ricordarsi la schiacciante vittoria di Scump nel SOLO Yolo 2021, quando la leggenda della COD League riuscì a spaccare la lobby Yolo del mondiale pur non avendo praticamente mai tryhardato su Warzone

La questione quindi è decisamente complessa, e potrebbe non essere cosi facile trovare una risposta alla domanda “chi è più forte tra i giocatori delle due modalità”?

Le reazioni (e le polemiche) degli ex super pro della COD League al confronto con i Top di Warzone

Non è di certo mancata la reazione negativa di alcuni super professionisti ed ex giocatori della COD League, secondo i quali tutto questo discorso sarebbe solamente spazzatura. Nadeshot ad esempio, ma anche Octane o Methodz, hanno immediatamente criticato il podcast per il tema trattato, arrivando finanche a parlare di “The brain dead podcast..“.

A prescindere dall’idea di ognuno, è innegabile che tutta la questione abbia un suo fascino… Sarebbe ad esempio molto interessante assistere ad un torneo “cross” con metà partite giocate in multiplayer e metà in BR, con i migliori team di una e dell’altra modalità. Chissà che tutta questa discussione non serva per lo sviluppo di un’attività competitiva di questo tipo…

Articoli correlati:

Monster X Call of Duty: gratis per tutti i giocatori di Warzone la nuova skin “CLUTCH”

Monster X Call of Duty: gratis per tutti i giocatori di Warzone la nuova skin “CLUTCH”

Profilo di Stak
21/02/2024 13:16 di Marco "Stak" Cresta
 WhatsApp

Da meno di 24 ore è attiva una nuova iniziativa che vede coinvolti Call of Duty e Monster, celebre energy drink da tempo legato al franchise di Activision.

L’iniziativa prevede che tutti i giocatori interessati vincano una nuova skin operatore, semplicemente completando alcuni passaggi sul sito ufficiale. Cosa bisogna fare quindi per riscattare la skin “Clutch”?

Non dovrete fare altro che andare sul sito di Call of Duty e loggare con il vostro account. Una volta dentro, riceverete un codice alfanumerico che andrà inserito nel riquadro in basso a destra della pagina dedicata.

Fatto questo ricevere automaticamente la nuova skin Clutch sul vostro account, ed una volta dentro al gioco potrete immediatamente equipaggiare e sfoggiare la vostra nuova skin.

Il post ufficiale: Monster X Call of Duty 

Non vi sono limiti o particolari “requisiti” per poter partecipare a questa iniziativa a tempo limitato. Quello che possiamo suggerirvi, è di riscattare il prima possibile la skin visto che l’iniziativa si andrà presto a concludere.

  • Articolo realizzato in collaborazione con la community di riferimento di Warzone d’Italia (Facebook – Instagram)

Articoli correlati: 

Il nuovo Black Ops Gulf War sarà (probabilmente) nel Game Pass già dal DAY1

Il nuovo Black Ops Gulf War sarà (probabilmente) nel Game Pass già dal DAY1

Profilo di Stak
21/02/2024 12:46 di Marco "Stak" Cresta
 WhatsApp

Black Ops Gulf War – In una recente intervista rilasciata a Stephen Totilo, il capo di Xbox Phil Spencer ha svelato nuove interessantissime novità che riguardano l’offerta dei prossimi Game Pass per i giocatori Microsoft…

Interrogato sulla questione “quali saranno i titoli disponibili per i giocatori abbonati a Game Pass”, Spencer ha infatti ribadito che il loro intento è quello di trasferire su Game Pass “tutti” i giochi dei loro publisher, compresi quelli di Activision Blizzard.

Il nostro intento…” ha spiegato Spencer, “è che l’intero portfolio di giochi di ZeniMax, Activision Blizzard e XGS—Xbox Game Studios— sia disponibile su Game Pass, e che lo sia dal primo giorno“.

Non sembrano esserci quindi più dubbi in merito alla questione, con il capo di Xbox che ha specificatamente parlato di “titoli disponibili” sin dal loro “Day 1”, ovvero sin dal giorno del loro rilascio ufficiale.

Phil Spencer: “il nostro intento è che tutti i giochi Activision Blizzard (come Black Ops Gulf War, ndr) siano disponibili su Game Pass dal Day 1

Il primo titolo di Activision Blizzard ad essere finito nell’offerta del Game Pass è Diablo 4, che sarà disponibile per tutti i giocatori abbonati a partire dal prossimo 28 Marzo.

E’ quindi altamente probabile (se non quasi certo a questo punto), che anche il prossimo Call of Duty, ovvero Black Ops Gulf War, venga rilasciato “gratuitamente” per tutti i giocatori abbonati a Game Pass. Ricordiamo che il nuovo COD ambientato durante la Guerra del Golfo è previsto in uscita per il mese di Ottobre.

Con Black Ops Gulf War Call of Duty punta sulle campagne OPEN WORLD

Con l’inserimento di “tutti” i titoli di Activision Blizzard nel Game Pass si andrebbe a “chiudere il cerchio” iniziato ormai più di due anni fa quando Microsoft manifestò per la prima volta la sua intenzione di acquistare Activision Blizzard.

Cosa ne pensate di queste affermazioni di Phil Spencer community? Fatecelo sapere con un commento sul gruppo ufficiale. La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

  • Articolo realizzato in collaborazione con la community di riferimento di Warzone d’Italia (Facebook – Instagram)

Articoli correlati: 

Warzone, i devs sbagliano il prezzo di un bundle: “attivati i rimborsi per tutti i giocatori”

Warzone, i devs sbagliano il prezzo di un bundle: “attivati i rimborsi per tutti i giocatori”

Profilo di Stak
19/02/2024 19:32 di Marco "Stak" Cresta
 WhatsApp

Warzone & Bundle – Gli sviluppatori di Activision hanno commesso un errore durante la pubblicazione di un nuovo bundle, inserendo un prezzo decisamente più “grande” rispetto a quello che era previsto…

Stiamo parlando del bundle Gassed Up, disponibile fino a poche ore fa nello shop di gioco al carissimo prezzo di ben 3400 COD Points. Di fatto, erano necessari quasi 40 euro per permettere l’acquisto del bundle ai giocatori sprovvisti di abbastanza COD Points, con il Gassed Up che è quindi rapidamente diventato il pacchetto di contenuti “più costoso” di sempre nella storia di Call of Duty.

L’errore dei devs non verrà però “pagato” dai giocatori, visto che una manciata di ore fa è stata annunciata una vera e propria campagna di “rimborso” per tutti i player che avevano già acquistato il bundle.

Nello specifico, gli sviluppatori hanno chiarito che tutti i possessori del bundle in questione riceveranno subito 1000 COD Points di rimborso, visto che il prezzo originale del contenuto sarebbe dovuto essere di 2400 punti COD.

Il messaggio dei devs sul rimborso per i possessori del bundle di Warzone/MW3 Gassed Up

Il pacchetto Gassed Up è stato temporaneamente rimosso dal negozio a causa di un errore al suo prezzo. Il prezzo previsto è di 2.400 punti COD. I giocatori che hanno acquistato questo pacchetto per 3.400 punti COD verranno presto rimborsati della differenza di 1.000 punti COD.

“Tutto è bene quel che finisce bene quindi”… Con i giocatori che verranno regolarmente (ed automaticamente) rimborsati. Ben fatto Activision!

  • Articolo realizzato in collaborazione con la community di riferimento di Warzone d’Italia (Facebook – Instagram)

Articoli correlati: