Il Labirinto del Cheating in Warzone tra Tecnologia, Hackusation e Controversie

Il Labirinto del Cheating in Warzone tra Tecnologia, Hackusation e Controversie

Profilo di Stak
 WhatsApp

Hackusation & Cheater – In “Call of Duty: Warzone“, la questione del cheating è sempre stata oggetto di accesa discussione.

Con l’introduzione di “Ricochet”, il sistema anticheat di Activision, ci troviamo di fronte ad una svolta. Questo sistema avanzato, basato su tecnologie di monitoraggio a livello kernel, promette di cambiare le regole del gioco, dando agli sviluppatori e ai giocatori un nuovo strumento per combattere i cheater. A questo, si aggiungono le segnalazioni inviate dai giocatori di Warzone, che possono riportare kill sospette e altri comportamenti non positivi dei giocatori.

Tuttavia, anche con queste innovazioni, il cheating nel mondo di Warzone rimane un problema persistente e complesso, tanto da attirare l’interesse di alcuni ricercatori. Recentemente, Arianna Boldi e Amon Rapp, un duo di ricercatori dell’Università di Torino, hanno esplorato questo argomento nel loro studio “Is It Legit, To You?”, pubblicato nel 2023 sulla prestigiosa rivista accademica International Journal of Human–Computer Interaction.

I risultati del loro anno di lavoro forniscono una prospettiva unica sui fenomeni psicologici e sociali che emergono in relazione alla diffusione del cheating e consentono di comprendere le sue ripercussioni sulla comunità di gioco.

La fobia dei cheater (hackusation) rende tutto più complicato… 

Come l’articolo chiarisce, capire chi bara e chi no in un videogioco può essere un rompicapo, specialmente per i giocatori meno esperti. Senza una buona conoscenza del gioco e delle sue meccaniche, il mondo del cheating può sembrare una “scatola nera” difficile da decifrare: ecco perché le accuse infondate, o “hackusations”, sono all’ordine del giorno. D’altronde, in un ambiente così incerto, i giocatori più esperti e i content creator, con la loro profonda conoscenza e influenza sulla community, possono servire da guida per orientarsi; ma, anche in questo caso, l’identificazione di un cheater può non essere esente da controversie, con un profondo impatto sulla reputazione e la vita dei giocatori.

Un esempio lampante di questo fenomeno è il format “Arachidi e Cheaters“, ideato dal giocatore professionista Kyborg, noto per la sua abilità nel dare la “caccia al cheater” analizzando le registrazioni video delle partite (VOD) e riuscendo così a smascherare chi gioca sporco. Le sue scoperte hanno fatto di lui una sorta di detective digitale, una figura di spicco nella community che porta luce in una realtà spesso nebulosa.

Tuttavia, il suo approccio diretto ha anche sollevato qualche controversia, come dimostra il recente caso che ha coinvolto Lumens eSports A.S.D., una nota organizzazione sportiva, e Bladez97, giocatore competitivo di Halo, considerato uno dei più forti in Italia, e membro di Lumens. 

Nella sua diretta streaming, seguita da un pubblico di oltre 300 persone, Kyborg ha sollevato sospetti sull’integrità di Bladez97, identificandolo come quello che lui credeva essere “Il primo cheater su MW3“. Durante il torneo RIXA, una competizione 1vs1 sulla mappa RUST organizzata su Readycheck.gg, Kyborg ha accusato Bladez97 di utilizzare wallhack, nonostante la configurazione della partita prevedesse il “Radar sempre attivo”. Le accuse si sono intensificate, focalizzandosi sulla precisione della mira di Bladez97: “Non si sa muovere, è un tronco, ha qualcosa alla mira”, ha commentato lo streamer.

Queste affermazioni di Kyborg hanno avuto un notevole impatto, provocando una serie di eventi che hanno portato ad un’indagine più approfondita sulla situazione di Bladez97. Lumens eSports racconta di aver impedito a Bladez97 di chiudere il gioco o di interrompere la diretta streaming, garantendo così la massima trasparenza nella gestione della situazione.

Bladez97 prende un aereo e vola a Milano, la missione? Dimostrare la sua innocenza dal vivo

Le prime indagini non hanno sortito l’effetto sperato, con Lumens eSports che ha quindi raddoppiato gli sforzi, consultando un altro tecnico informatico del settore ed esperto di cheating, procedendo ad un nuovo controllo, ancora più approfondito, sul PC. Nello specifico, è stata analizzata l’attendibilità di ogni processo, ovvero di ogni task eseguito dal PC del giocatore dal suo assemblaggio. Infine, per fugare ogni dubbio, Bladez97 ha partecipato a un torneo LAN durante la Milan Games Week, mettendosi alla prova in un ambiente diverso e potenzialmente stressante. Risultato? Bladez97 ha ottenuto risultati notevoli contro giocatori di alto livello – uno dei quali qualificato alle WSOW del 2023.

L’attenzione dei media e della community, attirata dal caso, ha rischiato di compromettere la reputazione del giocatore e della sua squadra, i cui sforzi non si sono solo limitati e meticolose indagini tecniche, ma hanno richiesto un significativo investimento di tempo e risorse per affrontare e risolvere le conseguenze dell’accaduto. Questa situazione ha quindi motivato Lumens eSports ad intraprendere iniziative di sensibilizzazione sul tema del cheating come servizio alla community. 

La situazione emersa nel caso di Bladez97 e Lumens eSports può fare riflettere su cosa succede nella nostra community

Riprendendo le riflessioni di Boldi e Rapp, che offrono un parallelo tra il mondo del gaming online e la società, questo caso si riconnette al concetto di “Panopticon”, su cui Michel Foucault incardina la sua riflessione sul potere disciplinare. In poche parole, questo significa che in ambienti come quello di Warzone, dove le percezioni del cheating sono sfumate e complesse, può emergere un desiderio inconscio di sorveglianza: ovvero, i giocatori e gli spettatori, di fronte alla difficoltà di distinguere chi gioca onestamente da chi no, sperano che qualcosa o qualcuno – come i sistemi anticheat o i content creator – mantenga un occhio vigile sul gioco. Costi quel che costi.

Questo desiderio di una presenza pervasiva che garantisca l’equità e l’integrità della competizione richiama, appunto, l’idea del Panopticon, dove la sorveglianza onnipresente serve a mantenere l’ordine e prevenire comportamenti scorretti.

Le competenze e l’esperienza dei giocatori esperti e i content creator che si impegnano nella caccia al cheater sono inestimabili nel fornire orientamento e rassicurazione ai giocatori, contribuendo ad educare la community su come individuare potenziali cheater. Tuttavia, il clima di costante “hackusation” può complicare moltissimo lo sviluppo di ogni singola vicenda. Il caso di Bladez97 illustra perfettamente questo punto: nonostante abbia fatto tutto letteralmente di tutto per dimostrare la sua “innocenza”, il percorso per liberarsi dall’etichetta di cheater è complesso e carico di sfide.

Urge trovare una soluzione, un “metodo” universalmente condiviso per combattere cheater ed hackusation

Questo scenario rende evidente come la questione del cheating sia oggi oggetto di costante discussione, terreno di scontro e di vere e proprie “battaglie tecnologiche”, che possono portare a pratiche di sorveglianza diffusa. 

È fondamentale, pertanto, confrontarsi, stabilire e condividere pratiche rigorose per tutti i membri della community, cosi da assicurare la legittimità dei giocatori e proteggere l’integrità competitiva di tutte le competizioni. 

Torrette SAM, Napalm e altro in arrivo con Black Ops Gulf War

Torrette SAM, Napalm e altro in arrivo con Black Ops Gulf War

Profilo di Stak
17/04/2024 17:10 di Marco "Stak" Cresta
 WhatsApp

Speciale Black Ops Gulf War – Stando alle ultimissime dichiarazioni dei leaker, con il prossimo Call of Duty dovremmo assistere al ritorno di tantissimi scorestreaks (o “serie di punti”) del passato!

In particolare, da qualche ora circola in rete un’immagine nella quale sono presenti i “presunti” bonus scorestreaks in arrivo con Black Ops Gulf War… Prossimo titolo della serie COD il cui lancio è previsto per il mese di Ottobre.

Bene, secondo queste fonti, in futuro assisteremo al ritorno della RC XD, la “macchinina radiocomandata” ricolma di C4… Ma anche della Torretta SAM, del bombardamento al Napalm e di svariati attacchi aerei tra caccia, elicotteri da combattimento ed aerei spia.

Non solo questo però, dato che i leak parlano anche della Nuke (ma questo contenuto non ci sorprende), e di un “gas strike”, presumibilmente un missile o una bomba che andrà a sprigionare del gas altamente tossico nelle vicinanze dell’esplosione.

Il post dei leaker su Black Ops Gulf War

Ricordiamo che tutte queste informazioni sono ancora parziali e non ufficiali, e potrebbero quindi variare (in parte, o del tutto) rispetto ai contenuti che verranno effettivamente rilasciati una volta che il gioco sarà disponibile.

Seguiranno nuovi aggiornamenti sulla questione, ed in generale su tutto ciò che concerne il nuovo Call of Duty.

  • Articolo realizzato in collaborazione con la community di riferimento di Warzone d’Italia (Facebook)

Articoli correlati: 

Rivoluzione nella Call of Duty League: “cancellate, e tutte rimborsate, le quote d’iscrizione per le squadre”

Rivoluzione nella Call of Duty League: “cancellate, e tutte rimborsate, le quote d’iscrizione per le squadre”

Profilo di Stak
17/04/2024 14:19 di Marco "Stak" Cresta
 WhatsApp

L’ecosistema esports della Call of Duty League evidentemente non era più sostenibile…

Con una mossa simile a quella attuata nel corso del 2023 nella Overwatch League (campionato che sarebbe stato comunque cancellato entro la fine dell’anno, ndr.) da Blizzard, Activision sceglie di cancellare le quote d’iscrizione al campionato per i team.

La notizia è assolutamente clamorosa considerato il volume di denaro di cui si parla… Pensate che un team della COD League per partecipare al campionato doveva pagare svariate decine di milioni di Dollari… Soldi che ora i team potranno invece reinvestire nei roster, e certamente anche in una pesante riformulazione di tutti gli stipendi.

Questa decisione ha inoltre valore retroattivo, con la COD League che dovrà quindi “restituire” e rimborsare ai vari team tutte le “quote d’iscrizione” versate fino al 2023. In questo caso l’obiettivo sembra duplice… Sostenere con maggiore forza i team, cosi da rendere più “ricca” ed appetibile l’intera scena esports legata allo sparatutto di Activision.

Più soldi ai team della Call of Duty League dal 2024

Come citavamo sopra, questa stessa decisione venne presa da Blizzard nel 2023 per il campionato di Overwatch, e ci auguriamo vivamente (ma non dovrebbe essere comunque questo il caso) che il grande show della CDL non faccia la stessa fine della Overwatch League.

Oltre a tutto questo, viene confermato da vari insider che nel corso dell’ultimo anno ai team è stata riconosciuta una fetta maggiore dai ricavi derivati dalle skin o dal merchandising venduto dalla Call of Duty League.

Tutte queste decisioni sembra abbiano lo stesso fine, e siano quindi unite dallo stesso filo conduttore: preservare l’esistenza (e la sostenibilità), di uno dei più importanti e blasonati palchi esports del mondo.

Cosa potrebbe succedere in futuro nella Call of Duty League? 

Con molti più soldi a disposizione dei team, sembra abbastanza scontata la crescita dei salari dei giocatori. Una crescita dei salari garantirebbe alla CDL una posizione di maggior rilievo, e quindi anche un “obiettivo” molto più succoso ed invitante da provare a raggiungere per i tanti talenti di COD ancora sconosciuti.

Voi cosa ne pensate di questa singolare mossa di Microsoft? Quale sarà il destino della rinnovatissima (almeno per quel che concerne gli accordi con le varie ORG) Call of Duty League? La discussione, come sempre, è aperta.

  • Articolo realizzato in collaborazione con la community di riferimento di Warzone d’Italia (Facebook – Instagram)

Articoli correlati: 

Treyarch annuncia la rimozione (temporanea) di diverse armi top dalle RANKED di MW3

Treyarch annuncia la rimozione (temporanea) di diverse armi top dalle RANKED di MW3

Profilo di Stak
16/04/2024 15:17 di Marco "Stak" Cresta
 WhatsApp

Speciale Armi – Con un nuovo post pubblicato nel corso della serata di ieri, Treyarch ha fatto sapere che questa settimana ci saranno delle nuove limitazioni per i giocatori delle ranked multiplayer di MW3.

Stiamo parlando del “weapon evaluation“, un vero e proprio “limite temporaneo” che bloccherà svariate armi di vertice del meta fino alla fine del mese.

La lista di armi che saranno “impossibili” da giocare nelle classificate fino al prossimo 26 Aprile comprende 3 fucili d’assalto, e due piccole pistole mitragliatrici. Iniziando proprio dalle ultime citate, sono estromesse dalle ranked sia l’HRM-9 che la RAM-9.

Per quanto riguarda i fucili d’assalto invece, vengono estromessi dalle ranked fino al 26 Aprile il BP50, l’Holger 556 e l’MTZ556.

Il post ufficiale dei devs sul cambio alle armi ranked di MW3 

La notizia è stata accolta con grande entusiasmo dai giocatori (o almeno dalla maggioranza di questi), tutti assolutamente convinti del fatto che la modifica introdurrà una bella ventata d’aria fresca nel meta di gioco.

Voi cosa ne pensate community? Siete d’accordo con le modifiche volute dai devs? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

  • Articolo realizzato in collaborazione con la community di riferimento di Warzone d’Italia (Facebook)

Articoli correlati: