ricochet

Ricochet pronto a fare fuoco: la regione ASIA-Pacifica la prima a finire nel mirino dell’anti-cheat

Profilo di Stak
 WhatsApp

E quindi finalmente ci siamo…dopo mesi e mesi passati ad inseguire il sistema dei report giunge su Warzone il tanto atteso sistema Anti-Cheat Ricochet…la nuova arma (ma anche il nuovo scudo) di Activision per proteggere i giocatori dagli assalti degli imbroglioni.

Attraverso un nuovo post pubblicato sul sito ufficiale, il team di sviluppo dell’anti-cheat ha fatto sapere che il nuovo driver kernel è pronto a partire, e che aspetteranno la giornata di domani (in contemporanea con il lancio di Pacific su Warzone) per renderlo operativo.

La prima regione che verrà “colpita” dal controllo di Ricochet sarà quella dell’Asia Pacifica, a cui poi seguiranno via via anche le altre regioni (i devs sono stati ancora molto generici sul quando, ma siamo abbastanza sicuri che non ci vorrà molto).

Una volta operativo Ricochet sarà presente mediante un “bollino” nella schermata iniziale di caricamento, come conferma che l’anti-cheat è operativo e sta in quel preciso momento in “run”, mentre si disattiverà non appena sospenderemo la nostra sessione di gioco.

Quella di questa sera potrebbe quindi non essere solamente “l’ultima sera di Verdansk“, perchè insieme a questa (a proposito….avete letto il nostro tributo a questa magnifica mappa? lo troverete qui) finiranno nella storia anche tanti, tantissimi cheater.

Il post ufficiale su Ricochet

RICOCHET Anti-CheatTM is already live across Call of Duty®: Vanguard and Call of Duty: Warzone™ with server-side updates and other backend elements to combat cheating.

With the launch of Call of Duty: Warzone Pacific tomorrow, #TeamRICOCHET continues its new anti-cheat security initiative with the rollout of an internally developed PC kernel-level driver for Warzone, which will activate first in the Asia-Pacific region before expanding worldwide.

In today’s anti-cheat progress blog, we outline what we expect from the driver as a new weapon in the fight against unfair play.

Call of Duty: Warzone Pacific

The server-side upgrades as part of the overall RICOCHET Anti-Cheat program have been live in Vanguard and Warzone since the launch of Call of Duty: Vanguard. Since then, #TeamRICOCHET has made several updates to anti-cheat security for both titles, as well as targeting cheat developers, account resellers, and making changes to its security enforcement policy.

This week, the new – previously announced – PC kernel-level driver developed internally for Call of Duty begins its release. The driver will first launch in Warzone in the Asia-Pacific region before expanding to other regions.

This strategic launch approach allows us to monitor stability, collect feedback, and make any required updates before expanding the rollout. Additionally, information about cheating behavior provided by the kernel-level driver will help enforce security for all players around the world.

Learn more about what kernel-level drivers with our Player Support FAQ.

Q- Where does the rollout plan begin?

Initial rollout will begin first within the Asia-Pacific region before expanding worldwide.

Q- I am not located in the Asia-Pacific region. When does the rollout expand to my region?

#Team Ricochet will provide updates, including when the PC kernel-level driver rollout expands, across our franchise and studio social channels.

Q- When Warzone Pacific launches, what will I see?

When you boot up Warzone Pacific, you’ll see the RICOCHET Anti-Cheat logo as part of the game’s loading screen. The kernel-driver installation process is automatic. Once available, when Warzone Pacific launches, the driver will launch with the game. When you exit the game, the driver will shut down.

Q- What can I expect from RICOCHET Anti-Cheat?

RICOCHET Anti-Cheat is an evolving initiative that will grow stronger as its systems learn more about cheating behavior. #TeamRICOCHET is committed to continuously monitoring and updating our security measures to fight unfair play. Every update we make forces cheaters to change their tactics, which provides us with more information to identify and expel them from the community. You can help the team by reporting cheaters as they happen:

·       Learn how to report a player in Call of Duty: Warzone

·       Learn how to report a player in Call of Duty: Vanguard

#TeamRICOCHET is focused on continuous anti-cheat security updates. We will provide updates on our mainline and studio social channels as well as the Call of Duty blog when possible.

 

Cosa ne pensate di questa straordinaria notizia? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

armi modern warfare

La ribalta delle armi moderne: su Warzone tornano in auge Kilo141 e M4A1 tra gli AR

Profilo di Stak
 WhatsApp

Armi Modern Warfare – Una notizia che lascerà di sasso probabilmente moltissimi giocatori di Warzone… da ormai diverse settimane è in costante aumento il numero di fucili d’assalto di Modern Warfare in BR, e non è solamente per una questione nostalgica verso i bei tempi andati…

Sia il Kilo141 che l’M4 (ma soprattutto il secondo rispetto al primo, ndr) sono ultimamente protagonisti di una rapida ascesa su Caldera, merito anche del ripristino del battle royale normale in tutte le modalità che ha nuovamente consentito l’uso  di armi di Black Ops e di Modern Warfare.

Pur non disponendo dello stesso quantitativo di accessori, questi fucili appartenenti ad “epoche passate” (seppur in realtà “future”) sembrano essere provvisti di grande stabilità (entrambi sono quasi letteralmente “immobili”) e di numerosi danni.

In mani esperte si comportano come armi “Top Tier” del meta, ma anche se usate da giocatori meno esperti riescono a garantire una certa competitività. Le classi più consigliate sono ovviamente quelle che andavano per la maggiore anche in passato, ma abbiamo preferito comunque inserirle in pagine dedicate che potrete trovare in allegato poco sotto.

La mia personalissima opinione è che alcune armi di Vanguard abbiano ancora una marcia in più rispetto alla concorrenza, specialmente se si considerano alcuni recenti dettagli che garantiscono degli AR (come l’STG o la Cooper Carbine) ancora più precisi e letali di quanto non lo siano ora (clicca qui per approfondire).

Al netto di questo però, è indubbio che il Kilo141 (al momento addirittura provvisto di un TTK migliore del BREN, ndr), e soprattutto l’M4, sono entrambi fucili estremamente competitivi. In questo senso sono davvero tanti i giocatori che, una volta “riscoperti”, hanno immediatamente inserito queste versioni nelle loro classi “principali” sia su Caldera che su Rebirth.

Loadout per Armi di Modern Warfare su Caldera/Rebirth

Loadout consigliato per AK-47 Rebirth/Caldera
Loadout consigliato per KILO141 – Caldera/Rebirth
Loadout per M4A1 aggiornato a Caldera/Rebirth

Cosa ne pensate di queste novità community? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

fucili d'assalto

Luce su degli accessori specifici per migliorare la resa dei nostri AR (BAR, COOPER CARBINE, STG44 e altre)

Profilo di Stak
 WhatsApp

Due noti content creator ed esperti giocatori di Call of Duty Warzone hanno recentemente pubblicato degli interessanti consigli che dovrebbero migliorare, di molto, la resa dei vostri AR (o Fucili d’assalto).

I fucili d’assalto sono indubbiamente tra le armi preferite dai giocatori, merito della loro semplicità d’utilizzo, e del fatto che possono disporre di ingenti quantitativi di danni. Questo tipo di speciale andrà quindi ad interessare una larga fetta di giocatori, e speriamo vivamente che i consigli che troverete qui possano esservi utili nelle vostre sessioni su Warzone.

Il primo grande consiglio da cui vogliamo partire ce lo suggerisce il noto IceManIsaac, secondo cui il 70% dei giocatori di Warzone che utilizzano l’STG44 sbaglierebbero almeno uno degli accessori a disposizione.

Lo streamer si riferisce al perk Vitale, un accessorio che secondo IceManIsaac non è assolutamente fondamentale, e che andrebbe quindi sostituito.

Nello specifico l’esperto IceManIsaac ha confermato (dopo aver eseguito delle prove sul gioco) che il bonus ai danni garantito da questo perk non è abbastanza importante da giustificarne la scelta. Il content creator ha quindi suggerito ai giocatori di preferire Gioco di Prestigio, o un altro dei perk a disposizione nel primo slot.

A dare manforte ai giocatori alla ricerca di soluzioni che rendano le armi stabili e precise vi è poi anche Mats ‘P4wnyhof’ Karthage. P4wnyhof non si è solamente limitato a consigliare un determinato perk per un fucile, ma ha direttamente suggerito quelli che devono essere gli accessori fondamentali per migliorare il rinculo dell’80%.

Lo streamer ha quindi spiegato che la presa Carver nel sottocanna è ad esempio uno degli accessori maggiormente consigliati, funzionale per diminuire il rinculo della nostra arma. Anche il perk Flemma sembra avere un effetto veramente straordinario nel rinculo della nostra arma, specialmente quando si usa il nostro AR in modalità mirino.

I benefici garantiti da Flemma sono veramente notevoli, consigliamo quindi a tutti gli interessati di provare questo setup alla prima occasione disponibile, a prescindere dall’arma utilizzata.

Loadout consigliati per Fucili d’assalto STG, BAR e Cooper Carbine

Loadout -80% rinculo di P4wnyhof per Cooper-Carbine
Loadout -80% rinculo di P4wnyhof per BAR
Loadout consigliato per STG44 da IceManIsaac

Cosa ne pensate di questi consigli community? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

I video dei content creator

 

Articoli correlati: 

Fonte immagine copertina: You Tube P4wnyhof

cheater warzone cod

Warzone, molti giocatori vorrebbero un “nuovo inizio” (anche per le statistiche) per il BR con il COD 2022

Profilo di Stak
 WhatsApp

Warzone COD – Anche se siamo nel pieno dell’epoca di Vanguard, su Call of Duty si parla ormai già da più di un mese di quello che dovrebbe essere il prossimo grande futuro del franchise.

Come già abbondantemente rivelato da numerose autorevoli fonti, il 2022 sarà infatti l’anno del grande ritorno di MW, con un nuovo titolo che sarà diretto sequel di quel Modern Warfare che lo scorso 2019 lanciò su scala globale il fenomeno “Warzone“.

Ritorneremo quindi al punto della storia in cui Verdansk viene rasa al suolo da una tempesta di missili nucleari (per colpa del dilagare della pandemia zombie, ndr). Molto probabilmente proiettati in quella famosa mappa “Urali” di cui si è tanto parlato a metà dello scorso anno.

A prescindere dai contenuti però, nel corso degli ultimi giorni molti giocatori hanno ragionato su quelli che potrebbero essere i cambiamenti del nuovo titolo, a partire proprio da come questo impatterà con il mondo di Warzone.

Secondo questo nutrito gruppo di player infatti, gli sviluppatori dovrebbero rendere sostanzialmente indisponibili tutte le armi ed i contenuti dei titoli passati.

Di fatto dovrebbero mettere in pratica un “nuovo inizio” per Warzone, con solo contenuti nuovi ed originali a disposizione. Da tutto questo discorso è ovviamente esclusa Rebirth, che secondo la quasi totalità dei player dovrebbe restare “per sempre” disponibile nella playlist.

Rebirth Island identica ad Alcatraz: accuratezza dei dettagli impressionante

COD Warzone: e se il nuovo inizio fosse per le statistiche? 

Se da un lato i giocatori preferirebbero godere di un “fresh start” con il nuovo COD, dall’altro vi sono anche moltissimi altri che hanno invece richiesto un azzeramento delle statistiche su Warzone.

Come noto nel BR di Activision gli avversari vengono scelti seguendo le direttive del matchmaking SBMM, che a sua volta basa le sue decisioni in base al rapporto tra Kill e Morti di ogni giocatore.

Questo valore si chiama “K/D” (ne abbiamo parlato in un altro speciale che troverete qui), ed un suo azzeramento, cosi come un azzeramento delle statistiche relative alle vittorie, sarebbe qualcosa di molto positivo per tanti giocatori di Warzone.

Ovviamente non si parla di “cancellare” la nostra stessa storia su Warzone, quanto più di “filtrare” le statistiche a blocchi, dividendo tutto quello che è stato il periodo MW/BO/Vanguard dal “nuovo inizio” sancito da Modern Warfare 2022.

Cosa ne pensate community? Sareste favorevoli a questo tipo di cambiamenti? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: