trailer pacific

Trailer di Pacific Warzone: non più l’elicottero (ma un camion, ed una barca) il mezzo d’estrazione!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Warzone Pacific – Da pochi minuti è disponibile sul web il nuovissimo trailer dedicato alla mappa di Warzone Pacific, ovvero l’attesissima Caldera che sbarcherà ufficialmente con il suo imponente update nel corso di questa settimana.

Mercoledì il via dello sbarco anticipato su Pacific per tutti i giocatori di Vanguard, mentre il giorno dopo i cancelli apriranno per tutti i giocatori; a dare l’inizio alle danze è poi l’evento “Ultimi giorni di Verdansk” (di cui abbiamo parlato in un precedente aggiornamento che troverete qui), che ci accompagnerà da questo pomeriggio fino al prossimo 8 Dicembre.

Insieme a questo evento finale di Verdansk, gli sviluppatori di Sledgehammer Games hanno quindi svelato il nuovo trailer, durante il quale abbiamo potuto vedere alcune interessanti novità che riguardano il futuro del BR targato Activision.

Abbiamo ad esempio intravisto qualche dettaglio in più rispetto ad un nuovo operatore e due nuovi animali “companion” – una iena ed un drago di Komodo –  in arrivo (probabilmente) con il nuovo battle pass, abbiamo avuto la conferma che le zipline saranno presenti anche sulla nuova mappa, e che su Caldera giocheranno simultaneamente operatori ed armamenti appartenenti ad epoche storiche completamente diverse.

Oltre a tutto questo, sempre nel trailer vi è poi anche una rapidissima anteprima della nuova cutscene finale dedicata ai vincitori del battle royale, sequenza che ci ha sempre mostrato l’estrazione del nostro team mediante il recupero con un elicottero.

Con Pacific Caldera invece del “solito” elicottero, il nostro primo mezzo d’estrazione sarà un furgone, che ci servirà per raggiungere un’imponente imbarcazione con la quale verremo portati in salvo.

Quale arma su Pacific Caldera? 

Gli annunci degli ultimi giorni sono stati tutti principalmente dedicati ad aggiornamenti relativi al meta, e si è parlato molto poco della situazione delle armi. Come noto infatti, dall’8 Dicembre in anteprima, e poi definitivamente (e per tutti) dal 9 saranno infatti disponibili ben 40 nuove armi, che andranno letteralmente a stravolgere il meta attuale di gioco.

Al momento è del tutto indecifrabile capire quale arma è preferibile da giocare, e non sarà sicuramente possibile fare una stima di questa situazione prima di almeno una settimana di gioco.

Secondo Swagg però, se c’è un’arma che ha (dal suo punto di vista) buone probabilità di diventare uno dei perni del nuovo meta è certamente l’M1 Garand, fucile estremamente letale in mid e long range che per il celebre content creator dei FaZe è uno dei perfetti candidati al ruolo di dominatore del prossimo futuro.

Ne ha parlato approfonditamente nel video che troverete cliccando qui.

Cosa ne pensate community? E della nuova cutscene finale? La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

modern warfare

Modern Warfare 2022: per gli esperti lancio anticipato visti i numeri di Vanguard

Profilo di Stak
 WhatsApp

Modern Warfare – Da diversi mesi si parla intensamente del nuovo titolo in arrivo per il franchise di Call of Duty nel 2022, già “spoilerato” dai leaker nel titolo e nella sua ambientazione.

Activision ha infatti deciso di puntare nuovamente sull’epoca moderna, e di lanciare quest’anno il diretto successore di quel Modern Warfare che nel 2019 svelò a tutto il mondo il BR Warzone. Nel 2022 avremo quindi un nuovo Modern Warfare, certamente il titolo più amato dai giocatori di Call of Duty, e probabilmente assisteremo ad un vero e proprio “nuovo inizio” per il battle royale.

Stando a quanto riferito dal noto insider Tom Henderson, subito dopo il rilascio del nuovo titolo di COD gli sviluppatori introdurranno un gigantesco update per Warzone, che dovrebbe completamente rivoluzionare il nostro amato BR.

I rumor suggeriscono infatti un cambio veramente drastico (forse l’engine grafico? o forse il famoso “tabula rasa” di cui parlavamo ieri), anche se al momento non è purtroppo chiaro in cosa consisterà questo update.

Proprio riguardo al rilascio di Modern Warfare, a differenza dei due titoli usciti di recente, questo dovrebbe avvenire con forte anticipo rispetto al previsto. Secondo la quasi totalità dei leakers e degli esperti che hanno commentato questa faccenda, sembra praticamente scontato che il gioco venga rilasciato già ad Ottobre, con più di un mese di anticipo rispetto alle “solite” tempistiche di Activision.

Dietro questa “fretta” vi sarebbero i risultati poco incoraggianti raggiunti da Vanguard. Pur essendo dei rumor, ne sapremo certamente qualcosa in più questa estate, quando verrà ufficialmente svelato il nome e l’anteprima dell’ormai già celebre “progetto Cortez”.

Modern Warfare, quali novità?

Con il nuovo titolo, sembra che i giocatori dovranno unirsi alle forze speciali statunitensi per combattere una “guerra segreta contro i cartelli della droga colombiani”, secondo le fonti di VGC.

Questa nuova modalità campagna dovrebbe quindi ricordare lo stile di Red Dead Redemption 2, caratterizzata da un realismo brutale, da sangue che scorre in quantità e da animazioni di morte uniche. Anche i nemici saranno “migliori”, con Tom Henderson che ha confermato che la loro intelligenza artificiale sarà più amplia e sofisticata di sempre.

“Sparando ai nemici alle braccia o alle gambe, questi perderanno gli arti. Sparando al petto, potrebbero non morire immediatamente” ha inoltre aggiunto Henderson, riguardo al funzionamento dei combattimenti.

Per quel che riguarda il multiplayer, sappiamo che sono in lavorazione per la versione 2022 le storiche mappe di Favela, Terminal, Highrise, Shipment e Quarry, ma vi sono novità anche lato “nuove mode”.

Nel nuovo Modern Warfare 2 del 2022 anche tutte le mappe dell’omonimo titolo del 2009!

Da quest’anno dovrebbe infatti sbarcare su Call of Duty una modalità simile a quella di Escape From Tarkov, in cui quindi i giocatori avranno come obiettivo quello di “accumulare bottino e sopravvivere all’interno di diverse mappe separate, fino al momento dell’estrazione“.

Questa nuova mode in stile Tarkov si chiama DMZ (zona smilitarizzata), e dovrebbe vedere protagonisti 25/30 giocatori a partita. Sempre secondo quanto riferito da Tom Henderson, questa sarebbe stata in fase di sviluppo dal Modern Warfare del 2019.

Su quali dispositivi sarà presente Modern Warfare? 

Al momento non vi è alcuna ragione di pensare che il nuovo titolo non sarà su tutte le console e tutti i dispositivi disponibili (PlayStation compresa ovviamente). I problemi legati alle esclusive che potrà vantare Microsoft, ora proprietaria di Activision, su COD, non si presenteranno comunque prima di fine 2023.

Articoli correlati: 

migliori armi warzone

Armi di Warzone: le migliori da usare al momento (LOADOUT)

Profilo di Stak
 WhatsApp

Torniamo ancora una volta a parlare di armi su Call of Duty Warzone provando a fare il “punto” su quella che è al momento la situazione sia su Rebirth che su Caldera.

A pochi giorni dal rilascio dell’update di metà Season il meta delle armi si è ormai stabilizzato, e si presenta come estremamente equilibrato e con tantissime potenziali opzioni per i giocatori.

A differenza di situazioni che abbiamo visto in passato, oggi non esistono delle armi estremamente più forti di altre. Ci sono delle armi più consigliate di altre in determinate situazioni, questo si, ma è sempre il giocatore a dire “l’ultima parola” in questo senso.

Come abbiamo accennato ieri, in questo momento vi sono almeno 10 armi che svettano tra le migliori del lotto.

Tra queste certamente le piccole Sten, Welgun e PPSH (cliccando sui nomi delle armi potrete consultare i loadout consigliati), che sono indubbiamente tra le migliori per gli scontri a distanza ravvicinata.

Bene poi anche il Bar, l’Automaton, l’STG44, il Cooper Carbine (utilizzabile in qualsiasi versione) e l’AS44, cosi come un nutrito gruppo di armi di Modern Warfare di cui abbiamo parlato più approfonditamente in un precedente post (lo troverete cliccando qui).

Le migliori armi di Warzone secondo Jgod

A tutte queste armi vengono poi aggiunte le due versioni che secondo il noto esperto Jgod sono al momento quelle da considerare le più bilanciate in assoluto: il Bren e l’MP40.

Il Bren ha dovuto registrare una lieve battuta d’arresto nel corso delle passate settimane, quando è stato deciso un bilanciamento da parte dei devs, cosi come l’MP40 che ha visto leggermente “nerfati” i suoi danni e la sua stabilità.

Nonostante i bilanciamenti entrambe restano per Jgod quelle più consigliate al momento, e pertanto vogliamo andare a vedere di seguito l’ultima classe consigliata dall’esperto per trarre il massimo da queste due particolari armi:

Loadout consigliato da Jgod per BREN + MP40 – Miglior classe per Warzone Post patch

Cosa ne pensate community? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

attacco dei giganti warzone

Su Warzone in arrivo un’altra skin a team Attacco dei Giganti? (VIDEO)

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Secondo alcuni recentissimi leak condivisi su Twitter dal noto dataminer Hydra9114, i giocatori di Warzone potrebbero ricevere a breve un nuovissimo aspetto operatore a tema Attacco dei Giganti, ma stavolta, stando a quanto mostrato, non sarà un membro del corpo di spedizione.

Ormai lo sappiamo, partnership e crossover tra spettacoli televisivi e videogiochi sono all’ordine del giorno. Un esempio lampante di questo fenomeno in crescita é la politica adottata da Fortnite, che un po’ per compiacere ed un po’ per stupire, ha in questi anni siglato diverse collaborazioni, sempre abbastanza apprezzate.

Nonostante il primo bundle firmato Attacco dei Giganti x Warzone non sia stato troppo apprezzato dai player del Battle Royale di casa Activision, che anzi l’hanno denigrato ed additato come ”imbarazzante”, sembra che gli sviluppatori ci vogliano riprovare, ma con uno stile diverso.

Nei pochissimi secondi di video che Hydra ha condiviso con la community possiamo vedere chiaramente un operatore con le fattezze del Gigante Corazzato di Reiner Braun, imbracciare un’arma nella tipica lobby pre-partita.

La community non ha apprezzato il (possibile) tentativo di Activison di rimediare all’errore fatto con la skin di Levi Ackerman, che potrebbe aver addirittura peggiorato le cose (a nostro avviso) usando come modello un Gigante la cui altezza dovrebbe essere circa di 15 metri.

Immaginate di veder correre in giro per Caldera un Gigante Corazzato alto circa quanto una persona comune intento a sparare usando le armi di Warzone. Uno spettacolo che potrebbe anche non piacere agli appassionati.

Come sempre, pur essendo la fonte di questi rumor assolutamente affidabile, vi ricordiamo che queste sono informazioni leakate e che, in quanto tali, potrebbero essere fuorvianti o addirittura del tutto false, motivo per cui vi invitiamo a prenderle con la più assoluta cautela.

Cosa ne pensate community? Vi piace questo progetto? Come al solito non mancate di farci sapere la vostra con un commento qui sotto, oppure in community!

Articoli correlati: