pugni gulag

No ai pugni nel Gulag, e poligono di tiro come su Apex: queste le ultime richieste dei giocatori di Warzone

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Pugni Gulag – Negli ultimi giorni abbiamo registrato diversi feedback dei giocatori di Call of Duty Warzone riguardo ad alcune idee che gli stessi vorrebbero vedere presto implementate su Verdansk.

La prima richiesta che vogliamo condividere qui è legata al tipo di armi che sono al momento disponibili quando si affronta una sfida nel Gulag…i pugni. Sempre più giocatori stanno infatti manifestando il loro disprezzo per i gulag combattuti a mani nude, dato che in questo tipo di sfide vince sostanzialmente chi riesce a dare il primo pugno all’avversario.

Secondo tantissimi player non c’è un qualche collegamento tra la skill importante per saper gestire le armi, e quella che invece è necessaria per abbattere in corpo a corpo un avversario. Anche perchè le sfide a mani nude sono ancor più dipendenti dalla connessione di quanto non lo siano quelli con le armi, e quindi il risultato è spesso affidato al ping (in cui ovviamente viene premiato il giocatore con ping più basso).

Il post sulla rimozione dei pugni dal Gulag

Fists only gulag from CODWarzone

Un altro interessante spunto di discussione è invece legato alla possibilità di testare le armi, ed al fatto che su Warzone manchi quasi del tutto una modalità per capire l’effettiva forza di un dato fucile o di una pistola mitragliatrice a determinate distanze.

Can we please get a firing range to test gun builds? from CODWarzone

In questo senso, alcuni giocatori hanno anche consigliato ad Activision di prendere spunto da Apex Legends, gioco in cui effettivamente esiste un ottimo “poligono di tiro” nel quale testare ogni singola arma presente tra quelle disponibili, con le sagome che indicano con estrema precisione i danni delle armi alle varie distanze da cui si spara.

Il gigantesco poligono di tiro presente in Apex Legends

Comprendere fino in fondo il rinculo di un’arma, il numero di danni che questa può infliggere ed a quali distanze, o anche solo per prendere confidenza con la modalità mirino, l’avere a nostra disposizione un poligono di tiro molto vasto come quello di Apex (che è rappresentato in un vero e proprio Canyon) non può che essere un qualcosa di positivo all’interno di Warzone e, sinceramente, speriamo che i devs di Activision accolgano questa funzione per introdurla anche dentro al BR di Call of Duty.

Cosa ne pensate community?
La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701