rowdyrogan

La Star di Twitch RowdyRogan (di soli 6 anni) bannato da Warzone

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

RowdyRogan – Dall’inizio del 2020 all’interno della community di Call of Duty è nata una nuova, giovanissima, stella che ha saputo divertire ed intrattenere decine di migliaia di persone su Twitch.

Stiamo parlando del piccolo RowdyRogan, giocatore di soli sei anni dotato di un talento straordinario che da tempo diverte ed appassiona mentre si mostra su Twitch in normali sessioni di gioco classificate. Il piccolo è sempre accompagnato dal papà che siede accanto a lui nella quasi totalità delle dirette streaming ed assiste il figlio durante le partite.

Durante la diretta di inizio settimana però, mentre si apprestava a loggare sull’account, RowdyRogan si è purtroppo imbattuto nella temutissima pagina di “avviso Ban” in cui gli veniva comunicata la sua estromissione dallo sparatutto di Activision.

Il motivo del ban dovrebbe essere piuttosto semplice: Call of Duty è un titolo che può essere giocato solo da chi ha 13 anni o più, e vista la notorietà raggiunta da RowdyRogan era abbastanza facile prevedere una decisione in tal senso da parte di Acti.

Tuttavia, anche su Twitch esiste una regola simile ma non sembra che il canale Twitch di RowdyRogan sia a rischio chiusura. La delusione del piccolo che in streaming non si capacitava del perchè gli fosse impedito l’accesso su COD ha fatto letteralmente scatenare il web, con una vera e propria campagna di sensibilizzazione in cui tantissimi giocatori (alcuni anche molto noti, come Swagg), al grido #FreeRogan, hanno chiesto ad Activision Blizzard di “ripristinare” l’account di Rowdy cosi che possa continuare a trasmettere le sue live.

Il post di RowdyRogan

Al momento non è ancora chiaro come potrebbe evolvere la situazione, ma visto il numero di followers accumulati da Rowdy (pensate che su Twitch ha 84K F mentre su You Tube ha addirittura 118K subscribers), è normale immaginare che Activision possa “andare incontro” al piccolo Rogan magari annullando il ban inflitto in questi giorni.

Questo articolo è stato realizzato in collaborazione con la community FB CALL OF DUTY ITALIA – Fan Community

Articoli correlati:

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701