Cold War, 5 consigli per migliorare su Miami

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Il primo episodio della nostra serie di guide su Black Ops Cold War non poteva che avere come protagonista una delle mappe più divisive nella community di Call Of Duty: Miami.

La particolare atmosfera nella quale è ambientata la mappa e la peculiare forma asimmetrica delle due “corsie” esterne la rende senza dubbio una delle mappe più controverse dell’ultimo capitolo di Black Ops.

La lunga e spaziosa spiaggia da una parte e il piccolo e caotico garage dall’altra, infatti, spesso possono confondere su quale sia la migliore strada per arrivare ai due estremi della mappa portando i giocatori a scegliere di buttarsi nel Mid, la zona più pericolosa della mappa.

Cold War, 5 consigli per la mappa Miami

Ovviamente molti consigli e linee guida dipendono dalle modalità specifiche che si vanno a giocare, tuttavia di seguito vi riportiamo cinque consigli universali e di “base” per poter costruire e migliorare il proprio stile di gioco su una mappa eclettica e singolare come Miami:

  1. Dimenticatevi del mid. Miami è una delle poche mappe di Cold War in cui il “mid” (la parte centrale della mappa) è da evitare come la peste: aperto a linee di tiro da ogni angolo dei due punti di rigenerazione, la zona con la fontana e le auto parcheggiate deve rimanere off-limits nel vostro stile di gioco. E’ fin troppo pericoloso restarci per troppo tempo e sperare di fare più di una o due uccisioni; ma anche come zona di “passaggio” resta davvero troppo pericolosa.
  2. Mantenete il controllo del Bar. Quella del Bar (accanto alla bandiera B di dominio o della prima Postazione in Hardpoint) è la zona chiave della macchina: dalla stanza col pianoforte infatti si arriva al garage, al mid ed anche allo spawn di barche. Se non volete avere a che fare coi numerosi cecchini o m16 che fanno la guardia al mid ed alla zona di spiaggia, la zona del Bar (se gestita in modo oculato in base al punto di rigenerazione dei nemici) può fare la differenza tra vittoria e sconfitta.
  3. La finestra di Hotel è uno specchietto per allodole. Una delle zone più suggestive della mappa Miami è sicuramente il piccolo balcone dell’Hotel dal quale si può tenere sotto controllo tutto il mid. Tale opportunità è però controbilanciata dal fatto che sporgendosi da quel balcone ci si rende vulnerabili da decine di linee di tiro: scordatevi di passarci molto tempo; bensì sfruttatela in modo “mordi e fuggi” per avere informazioni veloci sui nemici e sui compagni, mentre mantenete il controllo della zona di Hotel e di Piscina, oppure presidiatela dall’interno per impedire che i nemici possano prenderne possesso (magari accompagnati da un trophy ed un buon Gallo).
  4. Usate la spiaggia per muovervi nella mappa. Similmente al mid, la spiaggia non è un posto dove stazionare: non per la sua pericolosità, ma per il suo mortorio. La spiaggia di Miami è spesso la zona più tranquilla e con meno azione dell’intera mappa (tranne che in Postazione). Proprio per questo, la lunga lane di spiaggia è la via perfetta per muovervi tra le due estremità della mappa avendo anche l’opportunità di sfruttare linee di tiro verso Hotel (dal vicolo davanti alla barca) e verso il mid (dalla piazzetta sotto l’edificio a due piani).
  5. Nel dubbio, tutti in macchina. Se proprio vi ritrovate a dover o voler passare per il mid, le auto devono essere le vostre migliori amiche: non solo vi terranno a riparo da qualche colpo nemico, ma accovacciandovici dietro potete evitare che quel fastidioso nome/puntino rosso appaia sopra la vostra testa da troppi angoli rendendovi un bersaglio facilissimo. Inoltre, se avete equipaggiato Antischegge potete anche dimenticarvi del danno causato da una loro eventuale esplosione, che sarà davvero irrisorio. Da queste coperture vi sarà così molto più facile comandare e contestare la bandiera di B o la prima Postazione, riuscendo ad applicare non poca pressione sulla zona del vicolo accanto a spiaggia, alla discesa all’ingresso di Hotel ed in generale a molte zone del mid, senza essere troppo esposti.

Ovviamente, anche su Miami valgono tutte le regole generali di un Call Of Duty competitivo: ragionare con la testa, non essere avidi…e tutto il resto. Questi erano i nostri 5 consigli più importanti per chiunque si ritrovasse spesso in difficoltà a giocare sulla mappa Miami di Cold War, in qualsiasi modalità di gioco. Se ne avete altri sentitevi liberi di aggiungerli nei commenti!

Questo articolo è stato realizzato in collaborazione con la community FB CALL OF DUTY ITALIA – Fan Community.

Leggi Anche:

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701