mp5

MP5, Aydan sui nerf: “chi ha preso questa decisione andrebbe licenziato”

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Nel corso della serata di ieri sono stati pubblicati i dettagli per le nuove note della patch di Call of Duty Warzone…un aggiornamento che introduce numerosi cambiamenti per alcune armi, tra cui un pesantissimo nerf per la piccola smg MP5 di Modern Warfare.

Specialmente in questi ultimi tempi l’MP5 di MW era riuscito a ritagliarsi un po’ di spazio all’interno del meta di gioco, ma la sua competitività non è mai stata “pericolosa” per gli equilibri del meta, ne tantomeno qualcuno si è mai lamentato della sua “eccessiva potenza”.

L’arma era quindi si forte, assolutamente, ma era anche del tutto bilanciata rispetto alle “colleghe” come l’OTS9, l’MP5 di Cold War o le altre armi a nostra disposizione per il close range. In Activision dovevano essere evidentemente di un altro avviso, dato che i bilanciamenti inferti all’arma sono stati assolutamente netti ed evidenti.

I devs hanno infatti deciso di colpire la Submachine Gun Charlie andando a diminuire il Maximum Damage da 34 a 31, diminuendo del 5.4% il Maximum Damage Range ed aumentando dello 0.1 il moltiplicatore dei danni per la parte bassa del corpo (che passa da 1 a 1.1).

Delle modifiche che andranno quindi sensibilmente a diminuire le potenzialità di questa mitraglietta, e che spingeranno inevitabilmente tantissimi giocatori di Call of Duty ad optare per una nuova arma in sostituzione della loro Mp5.

KRIG/MAC10 ed EM2/OTS le classi TOP del momento su Warzone! Bene anche Stoner e FFAR

Molte, anzi moltissime, sono state le critiche dei giocatori, presi del tutto alla “sprovvista” riguardo a questo bilanciamento (al massimo ci si sarebbe potuto aspettare un intervento sulla OTS9, arma che forse al momento davvero dispone di una marcia in più rispetto alle altre, almeno a distanza ravvicinatissima, ndr): tra questi appunto anche la star dei Subliners Aydan, che non ha assolutamente risparmiato critiche ad Activision, rea di aver pubblicato un bilanciamento sbagliato, e del tutto non necessario.

Già critico nei riguardi di Acti per la mancanza di una modalità stream (che possa preservare gli streamer dagli assalti degli streamsniper, ndr), lo statunitense è tornato a criticare ancor più aspramente la scelta dei devs, commentando che “chi ha deciso di applicare questo bilanciamento, andrebbe semplicemente licenziato“, ed ha poi proseguito  “questa mitraglietta era buona soltanto a distanza molto ravvicinata, e non era nemmeno un’arma meta“.

Al momento sembra comunque che il nerf sia assolutamente confermato, con gli sviluppatori che hanno preferito non rispondere ne ad Aydan ne tantomeno ad una delle altre numerose voci che si sono levate contro questa decisione.

In caso di eventuali aggiornamenti, non esiteremo comunque a riportarli qui su Powned.
Cosa ne pensate community?

Voi avete apprezzato il netto bilanciamento indirizzato all’MP5? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701