WoW Classic da record su Twitch: ed ora anche Ninja strizza l’occhio a Blizzard!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Che i numeri registrati da WoW Classic su Twitch fossero elevati ed importanti è noto a tutti, ma le ultime notizie riguardo il traffico e le visualizzazioni registrate durante la prima settimana di lancio sono ancor più impressionanti.

WoW Classic ha infatti registrato il record assoluto di ore visualizzate in una settimana (dal 26 Agosto all’1 Settembre, ndr) in questi ultimi due anni, sfiorando le quasi 50 milioni di ore di contenuti visualizzati (47,5 per la precisione) e superando il precedente record registrato da Dota 2 durante il campionato “The International” (34 milioni di ore, ndr).

Un grande aiuto per il raggiungimento di questo storico risultato è ovviamente arrivato da svariati noti streamer come Asmogold, Sodapoppin, Shroud (noto streamer attivo sui Battle Royale) o il canale dei Method, che ha anche lanciato l’iniziativa “WoW Classic Progress“, sfida vinta recentemente dagli Apes che hanno sconfitto per primi al mondo sia Ragnaros che Onyxia.

La situazione futura potrebbe addirittura migliorare per il nuovo titolo Blizzard, dato che altre celebrità del mondo dello streaming hanno recentemente manifestato il loro interesse verso WoW Classic.
Tra questi menzioniamo Ninja, lo streamer più celebre, conosciuto e seguito del mondo, da sempre attivo sui titoli Battle Royale che recentemente ha fatto sapere di “aver accettato una quest su WoW Classic“, diventandone immediatamente “dipendente” (nell’asserzione più positiva del termine, ovviamente).

Certamente l’arrivo su Azeroth di personalità del calibro di Ninja aiuterà Blizzard a mostrare il suo prodotto ad una nuova fetta di giocatori, per la stragrande maggioranza appartenente alle generazioni più giovani, che quasi certamente non hanno mai solcato le terre di World of Warcraft in precedenza.

Cosa ne pensate community?

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.