Il danno degli Elite è più alto in Vanilla che in Classic? Blizz: “no, sono uguali”

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Da quando è stata pubblicata la beta di World of Warcraft Classic si sono velocemente susseguite varie segnalazioni riguardo presunti bug e malfunzionamenti anche se, spesso, si trattava solo di un’errata percezione dei giocatori visto che sul gioco era tutto ok.

Per contenere le molte segnalazioni degli attentissimi partecipanti della Beta, Blizzard ha anche creato una lista di “non-bug” presenti nel gioco, peculiarità della versione Classic che differisce con quella attuale di World of Warcraft.

Sempre riguardo questo argomento, segnaliamo il recente intervento del community manager Kaivax che attraverso un post sul forum ufficiale ha fatto sapere che i danni dei mob elite è assolutamente regolare e giusto.
Alcuni utenti avevano infatti ipotizzato che sul Classic fosse più semplice giocare contro determinati mob e che, a detta loro, gli elite della beta fossero più scarsi rispetto a quelli presenti in Vanilla.

Kaivax ha invece dimostrato attraverso alcuni screen che a parità di livello, equipaggiamento e buff il danno subito nella versione Classic è sostanzialmente identico a quello del Vanilla…con molto dispiacere di chi affermava il contrario.

Il post del CM

We tested this issue in our reference environment today.

First, we looked at a video from the WoW Classic Beta, where the player was tanking Rhahk’zor in Deadmines at level 20:

If you look at his portrait while he’s getting hit, you can see him receiving 65-83 damage from Rhahk’zor. The average hit is ~75.

We then recreated it in the WoW Classic Beta– a level 20 human warrior with similar gear, with Defensive Stance, and with Mark of the Wild. Here’s what that looked like:

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.