Pubblicata da Blizz una nuova lista di “non bug” su WoW Classic

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Qualche giorno fa abbiamo discusso di un particolarissimo fatto che sta riguardando la fase di open beta test del nuovo World of Warcraft Classic, titolo che sarà integralmente disponibile in versione definitiva durante l’estate in arrivo.

Come molti di voi ricorderanno, Blizzard aveva segnalato una lista di “non bug” che erano stati protagonisti in numerosi report da parte dell’utenza; solo per fare un esempio, grazie a quel post è stato chiarito che la hitbox dei Tauren è volutamente più grande di quella delle altre razze, specificando che non si trattava di un bug.

Similarmente a quanto fatto qualche giorno fa, durante la notte Blizzard è nuovamente tornata all’attacco spiegando che è normale non targhettare con “Polymorph” un bersaglio nemico già entrato in combattimento con un gruppo di persone con cui non siamo in party.

  • You are unable to Polymorph enemy targets that are tapped by players with whom you are not grouped.
  • At all levels of player characters and enemies, aggro radius is set to the intended distance.

[/bluepos]

Altre lamentele da parte dei giocatori si sono concentrate sul fatto che, secondo questi, pur essendo molto vicini i mob non “aggrano” o attaccano il nostro personaggio: anche in merito Blizzard ha chiarito che tutto è assolutamente nella norma.

Per conoscere tutti i “non bug” di WoW Classic, vi invitiamo a visitare il link ufficiale del forum dove Kaivax e gli altri membri del team di sviluppo riportano istantaneamente i “falsi allarmi” protagonisti nei report degli utenti.

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.