“Febbre” da Shroud su Valorant: il suo debutto è da RECORD!

“Febbre” da Shroud su Valorant: il suo debutto è da RECORD!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Shroud “debutta” su Valorant – Un vero e proprio “boom” di visualizzazioni in streaming per il Valorant Champions Tour di Riot Games, che lo scorso 4 Agosto ha visto il debutto ufficiale di una delle sue star più importanti.

Il celebre Shroud, dopo una lunga pausa dalle competizioni esports, ha infatti deciso di rimettersi in discussione vestendo una casacca ufficiale, quella dei Sentinels. Il team è impegnato nel campionato nordamericano del Valorant Champions Tour, e quello che si è consumato ieri è stato il “rientro” del campione dopo quasi 3 anni di stop.

Ovviamente l’attesa era altissima, sin dallo scorso 8 Luglio quando Shroud ha firmato per il suo ritorno in competitivo. I numeri di Twitch hanno infatti riportato degli score incredibili per Valorant, con la diretta che ha generato più di 600 mila visualizzazioni totali!

600 mila spettatori per il Valorant Champions Tour: la “febbre” da Shroud è iniziata!

Di fatto un record per Valorant, con la diretta del 4 Agosto che è al momento la più vista in assoluto per lo sparatutto di Riot.

A questo risultato hanno ovviamente contribuito i canali di alcuni dei protagonisti, tra cui proprio quello di Shroud. Pensate che tra lui e Kyedae sono stati registrati dei picchi di viewers di 78.000 e 41.000 spettatori.

Purtroppo per i Sentinels però, i roboanti numeri su Twitch non hanno coinciso con una bella vittoria, con Shroud, Jordan “Zellsis” Montemurro e compagni che si sono dovuti arrendere per 2-1 contro i The Guard. Questa era solo la prima “uscita” del resto, e siamo sicuri che i risultati non tarderanno ad arrivare…

Cosa ne pensate del “nuovo” debutto di Shroud? La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati:

Valorant: chi è l’agente n°21? Una e-mail di Fade a Brimstone infittisce il mistero

Valorant: chi è l’agente n°21? Una e-mail di Fade a Brimstone infittisce il mistero

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Come ormai di consueto, quando ci si avvicina al release di un nuovo agente su Valorant, Riot Games inizia a rilasciare misteriosi aggiornamenti contenenti indizi e possibili retroscena sulla lore del gioco.

Ad attirare l’attenzione della community, è stato l’ultimissimo aggiornamento rilascio sul PBE su Valorant. Tra le novità, sembrerebbe infatti essere stato aggiunto nel poligono di tiro un computer, deducibilmente quello di Brimstone.

Sullo schermo si legge chiaramente che il mittente è FADE, l’ultimo agente ad essere aggiunto sul gioco, che sembrerebbe star facendo rapporto al veterano di guerra riguardo il misterioso personaggio n°21 di Valorant.

Valorant, il mistero sull’Agente n°21 sempre più fitto

All’interno della e-mail si legge uno strano messaggio, che al momento – vista la sostanziale mancanza di informazioni sul mondo di Valorant – sicuramente non dice molto, ma rimane comunque molto interessante.

“Il custode della nuova fonte di energia di Legion ha un nome: Varun Batra. Ho rintracciato la sua controparte Alpha. Così ho scoperto che è un agente di REALM. Ho lavorato freelance per TREAM anni fa.”

”Si tratta di una task force internazionale per il recupero di reperti storici e manufatti dal mercato nero. La mia prima domanda: perché Legion ha bisogno di un esperto di antichità?”

Il nome Batra, come notato da alcuni esperti nelle ultime ore, è un nome di origine Hindu e Sikh, il che potrebbe suggerire che come era facile aspettarsi l’azione e la lore dei personaggi del mondo di Valorant sta per spostarsi sempre più verso oriente.

Che ne pensate community di Valorant? Come al solito la discussione è aperta!

Articoli Correlati:

Nerf a Chamber durissimo, i giocatori di Valorant sono infuriati con Riot Games

Nerf a Chamber durissimo, i giocatori di Valorant sono infuriati con Riot Games

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Chamber – Sin dall’uscita dell’agente n°17 di Valorant in community si è iniziato a parlare del suo enorme potenziale e dei possibili NERF in arrivo nelle prime patch dell’anno, mai arrivate.

A distanza di alcuni mesi tuttavia, sembra che Chamber stia per ricevere quanto promesso e pare proprio, almeno dalla preview, che gli sviluppatori non ci stiano andando leggeri.

A comunicare i primi tentativi di bilanciamento di Chamber, pubblicati in questi giorni sul PBE di Valorant, è stato lo stesso Jeff Landa, community manager per Riot Games.

Nerf a Chamber in arrivo su Valorant: i dettagli sono davvero pesanti

Ecco i dettagli dei cambiamenti che, come specificato da Landa stesso, sono ad oggi già presenti sul PBE e dopo una fase di testing, nel caso vengano giudicati positivi, verranno aggiunti al gioco nelle prossime patch.

Rendezvous (E)

  • Incrementato il Cooldown base 20s >>> 30s
  •  Cooldown del richiamo aumentato 20s >>> 30s
  • Cooldown settato a 45s se un Rendezvous viene distrutto
  • Dimensioni Raggio diminuite 21m >>> 15m

Marchio (C)

  • Durata del rallentamento diminuita 9.5 >>> 6s
  • Punti Ultimate necessari aumentati  7 >>> 8
  • Durata del rallentamento diminuita 9.5 >>> 6s

Cacciatore di teste (Q)

  • Costo dei proiettili aumentato 100 >>> 150

Insomma, che ve ne pare community? Dopo questo Nerf Chamber sarà sempre lo stesso su Valorant? Come al solito la discussione è aperta!

Articoli Correlati:

Riot banna dal competitivo due giocatrici di Valorant per teabagging: “è molestia sessuale”

Riot banna dal competitivo due giocatrici di Valorant per teabagging: “è molestia sessuale”

Profilo di Stak
 WhatsApp

Con un comunicato ufficiale la direzione esports di Valorant ha segnalato il ban per due giocatrici professioniste, accusate di aver abusato del fenomeno del “teabagging”.

Per chi non lo sapesse, per “teabag” (letteralmente la “bustina del The“, ndr) si intende quella pratica di alcuni giocatori FPS di accovacciarsi e rialzarsi ripetutamente e rapidamente sopra il cadavere di un personaggio nemico.

Il teabag è quindi sempre stato utilizzato per schernire e prendersi gioco del proprio avversario, ma non è mai stato espressamente vietato dai publisher, almeno fino a questa settimana. Già perché con la nota stampa che abbiamo citato ad inizio articolo, Riot ha sostanzialmente equiparato il teabagging a delle molestie sessuali, e lo ha pertanto bandito dalle sue competizioni.

Sospensioni pesantissime per “teabag” su Valorant

Le prime due giocatrici ad essere finite nella rete di Riot sono (i nomi sono stati inventati da Riot per questioni di privacy, ndr) Dawn “Dawn” Park e Vivian “Risorah” Dela Cruz, entrambe bannate per teabag. Per la prima la pena è più piccola, con uno stop imposto a tutte le competizioni che durerà per 3 lunghi mesi.

Risorah ha una situazione ancora peggiore, con questa Pro che resterà estromessa dalla scena sino al prossimo 23 Marzo 2023. Per fare un paragone, quando la star dei Sentinels Jay ‘sinatraa’ Won venne bannato per “soli” sei mesi per non aver collaborato con Riot Games nella loro indagine relativa alle accuse di violenze sessuali mosse contro di lui.

Cosa ne pensate community? Una mossa troppo estrema di Riot contro il teabagging? O siete favorevoli sul fatto che questi episodi vadano “censurati” dai giochi competitivi?

La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: