Come sono partiti i Contenders? Chiediamo ai GM delle due squadre italiane

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Al termine dei match siamo andati ad intervistare i due manager per avere delle prime impressioni a caldo sull’inizio di questa sfida.
Ieri sera siamo stati ospiti al Level One di Bergamo, nella casa dei MorningStars, per assistere alle partite inaugurali di questa terza Season della serie Contenders europea. É stata una serata frenetica e ricca di ospiti: c’era l’intera squadra di caster italiani, compresi il caposquadra Herc ed il nostro redattore Adnar, c’erano i team manageriali di entrambi i team tricolori ma, soprattutto, c’erano i fan.

Sono state quattro ore piene di emozioni: si parte con il forte ritardo che culmina con la sconfitta a tavolino degli Young and Beautiful, si continua con la straordinaria dominazione del campo di battaglia da parte degli HSL contro i Bazooka Puppiez e si termina con il finale all’ultimo sangue dell’incredibile match tra i nostrani MorningStars ed i colossi Gigantti.

Alla fine dei match, quando é scesa un po’ di calma dopo la lunga serie di applausi e di grida gioiose dei fan, siamo andati a sbirciare dietro le quinte della competizione per portarvi le impressioni a caldo dei due GM delle nostre squadre. Quando é terminato il primo match della serata abbiamo chiesto il parere di Carlo “Buddha” Pellegrini, General Manager del team di Overwatch degli Hic Sunt Leones, sull’esordio del team novarese.

Prima partita, vinta in modo decisivo. Quale é il primo impatto in questo Contenders Season 3?

Sono molto felice, perché siamo entrati come gli underdog del torneo, come quelli che non ce la dovevano fare e non ce l’hanno fatta, ma sono felice di dire che possiamo dimostrare di meritarcela eccome [la presenza in contenders]. Sono senza parole, emozionatissimo, e sia io che il team non vediamo l’ora di continuare con le prossime partite.

I players che avevano underperformato nei Trials hanno dato prova di essere una grande rosa. Cosa é cambiato?

Purtroppo nei Trials abbiamo avuto numerosi problemi, sia di rosa che personali e di salute per qualche giocatore. Ora che abbiamo un roster stabile e che abbiamo lavorato insieme per molto tempo, siamo sicuri di essere pronti e di poter dare il massimo.

Tutti i players stasera hanno giocato benissimo, ma secondo te chi si merita la stella di MVP?

Secondo me stasera il premio va a Hidan, il nostro flex support, che ha dato prova di essere un giocatore eccezionale e ha spaccato tutto. C’é molta esperienza di alto livello nella nostra rosa, portata da giocatori come Progi e Tek36, ma stasera è Hidan colui che ha messo quel qualcosa di più per arrivare a questo 4 a 0.

Al termine del match degli Hic Sunt Leones, goduto in compagnia di Adnar e del boss di HSL Max “Mind” Rapetto, é arrivato il turno dei MorningStars. Quando anche questa sfida si é conclusa, tra le grida di Herc e l’emozione del CEO David “Dreamer” Dall’Aglio, siamo andati a congratularci con il team e a porre qualche domanda al GM Alexandre “san alex” Simões.

È stato un match estremamente combattuto, emozionante e intenso fino all’ultimo secondo. Come vi sentite ora che avete vinto?

Ci sentiamo fantasticamente. I ragazzi hanno lavorato sodo per questo momento, ogni giorno mettono tutto il loro impegno nelle scrim. Sapevamo che i Gigantti sono il team di maggior successo nella storia dei Contenders europei mentre per noi questo era il primo match di sempre nei Contenders, quindi penso che abbiamo dimostrato grande carattere perché é facile quando stai vincendo, ma quando perdi 2 a 1 ribaltare il risultato é molto complicato. Abbiamo dimostrato di essere capaci, di saper gestire la pressione: abbiamo appena vinto un torneo e ora abbiamo battuto questo team importantissimo e siamo carichi. Settimana prossima ci sono gli Young and Beautiful, e noi li rispettiamo molto, ma intendiamo andare avanti finché non raggiungeremo il nostro obiettivo.

Qualcuno in europa si é lamentato che i MorningStars abbiano “comprato” il posto ai Contenders. Alla fine di questo match, cosa volete dire a questi detrattori?

I risultati parlano da soli. Guarda la Angry Cup: i migliori 10 team giocavano in quel torneo e lo abbiamo vinto noi, abbiamo combattuto contro i Gigantti, l’unico team di alto livello che non era in Angry Cup, e li abbiamo sconfitti. Non dobbiamo provare nulla a queste persone, gli unici a cui dobbiamo provare qualcosa sono i nostri fan, che oggi ci hanno seguito fino all’ultimo secondo.

Oggi tutti i player hanno dato il 110%, ma chi é stato secondo te la chiave della vostra vittoria?

Non lo posso dire: visto che guardo tutti i pc, a volte mi fermo ad osservare uno dei nostri Support e penso “oh mio dio, sta facendo la giocata del secolo!”, poi passo ad un DPS e penso la stessa cosa, quindi non posso nominare un solo giocatore. Oggi la vittoria é stata un traguardo di tutti, non solo di un giocatore ma dell’intero team.

Ringraziamo sia Buddha che san alex per le loro dichiarazioni, e vi invitiamo a continuare a seguire la serie Contenders, in onda stasera alle 18 sul canale Twitch di GDivision.


Come sono partiti i Contenders? Chiediamo ai GM delle due squadre italiane
Gabriele "theGabro" Colombi

Nerd. Amante di giochi e videogiochi, Gabriele spende la sua infanzia tra un monitor e una console, e all'università scopre il fantastico mondo degli eSport. @theGabro_ su Twitter.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701