Accusa alla Sony riguardo la skin Pink Mercy

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Di recente Blizzard ha presentato un’iniziativa di beneficenza per supportare la lotta al cancro, tramite la skin Pink Mercy. L’intera somma dei soldi spesi dei giocatori verrà devoluta alla ricerca.
Oltre a Blizzard, diretta interessata per il gioco su PC, altri brand hanno, ovviamente aderito all’iniziativa: Microsoft e Sony, per il gioco su console.
Un’accusa alla Sony è partita da parte di tutta la community, quando la compagnia ha rivelato che non tutti i 15$ spesi per ogni skin saranno devoluti, contrariamente al comunicato Blizzard.

Tasse o no?

La Sony ha dichiarato che per ogni skin comprata solo 10.12$ saranno disponibili per la causa, per via delle tasse aggiunte per le varie transizioni (VAT: value-added tax). D’altro canto la Microsft ha risposto che seguirà il principio dell’iniziativa di Blizzard: per ogni skin verrà devoluta in beneficenza l’intera spesa.
L’accusa alla Sony appunto riguarda la non chiarezza sulla situazione, anche se la compagnia ha dichiarato esplicitamente che loro non guadagnano nulla dall’iniziativa.
Al momento non è chiaro se la Sony abbia ragione o no, sulla questione, ma un’altro piccolo indizio potrebbe andare contro di lei:
Risulta infatti che la skin sarebbe disponibile sul Play Station Store a 12.99$ e non 15$.

Quando tutto sarà più chiaro, vedremo ovviamente di informarvi a riguardo.
Vi ricordiamo, nel caso possiate di contribuire a questa bella iniziativa, disponibile fino al 21 Maggio.


Accusa alla Sony riguardo la skin Pink Mercy
Eugenio "Paesano" Fofi

Appassionato di giochi e videogiochi fin da bambino. Passione trasformata in informazione, studio e competizione. Giocatore di giochi di carte on-line e non, di sparatutto e Moba. Obiettivo: far conoscere e valorizzare gli e-sports, spesso sottovalutati o addirittura sconosciuti

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701