Sentinelle della Luce: Riot ammette tutti i suoi errori

Sentinelle della Luce: Riot ammette tutti i suoi errori

Profilo di Rios
 WhatsApp

In un recente dev blog, pubblicato sul sito di LoLRiot ha ammesso i suoi errori ed ha spiegato cosa non ha funzionato in Sentinelle della Luce. L’evento non è stato molto gradito dai giocatori, ed anche richiesto un intervento per sistemare il sistema di progressione in corsa.

Insomma, quello che doveva essere il punto cardine del 2021 di League Of Legends, non ha avuto il successo sperato o previsto. Fortunatamente gli sviluppatori potranno imparare molto da ciò che è successo, per evitare di ripetere gli errori in futuro.

Leggiamo le dichiarazioni di Riot Reav3 e di Riot 84Slashes, che con estrema chiarezza ed onestà hanno spiegato le cose come stanno.

Tutti gli errori di Riot nell’evento Sentinelle della Luce

Introduzione

Ciao a tutti. Con l’avvicinarsi della fine dell’anno e delle inevitabili riflessioni sul 2021, vogliamo parlarvi di cosa abbiamo imparato dall’evento Sentinelle della Luce di questa estate. Vogliamo assumerci la responsabilità del perché l’evento non ha centrato l’obiettivo e spiegare come queste lezioni ci aiuteranno nei prossimi grandi eventi.

Una nota ESTREMAMENTE importante da ricordare: parleremo del lato di LOL PER PC, non dei titoli Riot in generale.

Questo sarà un post lungo, quindi eccone un riassunto degli aspetti più importanti:

  • I metagiochi legati agli eventi devono essere accessibili a tutti i giocatori regolari, non solo ai più dedicati
    • I grandi eventi avranno un ritmo che permetterà ai giocatori regolari di riuscire a vederne le parti principali, mentre quelle che richiedono un investimento di tempo maggiore avranno la forma di sfide facoltative per i giocatori più dedicati
    • I metagiochi saranno più uniformi in modo che i giocatori capiscano come avere accesso a tutti i contenuti
    • La storia canonica in particolare dovrà essere accessibile senza completare una grande quantità di gameplay e senza interagire obbligatoriamente con il metagioco
  • Il tono della narrazione e dei personaggi deve essere in linea con le aspettative dei giocatori
    • Le forme simultanee di narrazione saranno coerenti tra di loro
    • Gli avatar dei giocatori saranno integrati solo quando necessario e non come standard
    • La caratterizzazione dei campioni non verrà piegata
  • Le visual novel del client presentano dei limiti di formato che devono essere rispettati
    • Possono essere utilizzate per aggiungere colore e dettagli agli elementi più importanti della storia o per offrire prospettive particolari su quelle stesse storie, ma non per presentare grandi filoni narrativi nella loro interezza

OK, cominciamo.”

L’idea

Sentinelle della Luce è stato il culmine del primo evento narrativo di LoL sviluppato su più mesi, iniziato con la Rovina a Inizio stagione. Nel complesso, questo arco narrativo ha rappresentato il più grande approfondimento della storia di Runeterra introdotto in LoL da moltissimo tempo.

Abbiamo collegato nella storia il lancio di diversi campioni (Viego, Gwen, Akshan e inizialmente anche Vex, prima di posticipare la sua uscita) e pubblicato degli aspetti che raffiguravano i campioni per come apparivano durante gli eventi della storia.

Volevamo anche cavalcare l’onda del successo della visual novel nel client e delle interazioni con i personaggi introdotti con Fiore spirituale, usando questi due strumenti per permettere ai giocatori di interagire con le Sentinelle durante lo scontro contro Viego e per aumentare l’immersione nella storia rispetto all’esperienza di avanzamento standard degli eventi.”

L’importanza del ritmo

“Nel 2020, con Fiore spirituale, i giocatori più dedicati riuscirono a completare tutti i Legami spirituali nel corso dei primi due o tre giorni, e trascorsero il resto dell’evento a collezionare petali spirituali. Per L’Ascesa delle Sentinelle, volevamo ridurre il divario nel ritmo di avanzamento della storia tra il giocatore medio e quelli più dedicati.

Abbiamo sviluppato L’Ascesa delle Sentinelle in modo che i progressi aumentassero ogni settimana, così i giocatori più dedicati avrebbero potuto comunque completare il contenuto iniziale più rapidamente, ma gli altri sarebbero riusciti quasi a raggiungerli in tempo per la parte conclusiva della storia.

Abbiamo anche pensato che questo espediente sarebbe stato un buon modo per rappresentare il modo in cui le Sentinelle guadagnavano terreno e slancio man mano che riuscivano a rafforzare le loro fila. Alla fine però, abbiamo modificato questo sistema nel corso dell’evento.

Decidendo di aumentare significativamente l’avanzamento ottenuto con ogni partita giocata, rimuovendo così l’impatto della decisione di quale regione visitare per prima e basando i progressi sulle Sentinelle stesse. Da un lato, abbiamo fatto questa scelta per un chiaro errore di bilanciamento dell’evento: infatti, nemmeno i giocatori più dedicati riuscivano ad avanzare al ritmo che avevamo immaginato.

Dall’altro, optare per un sistema di avanzamento concentrato nella parte finale dell’evento era stata una scelta rischiosa fin dall’inizio. Anche se avessimo bilanciato bene il ritmo di avanzamento nell’arco di tutto l’evento, progredire più lentamente nelle prime settimane si è rivelata un’esperienza demotivante. In particolare, il giocatore medio finiva per avere la sensazione di non poter completare la storia.”

Cosa ha imparato Riot?

In questo caso, abbiamo imparato che il sistema di avanzamento concentrato nella parte finale con i Legami spirituali è stata un’esperienza più positiva, anche se i diversi tipi di giocatori potevano completare la parte principale dell’evento a ritmi drasticamente diversi.

Un avanzamento iniziale più rapido significa che i giocatori che interagiscono con l’evento in maniera regolare si sentono coinvolti nella storia e nel mondo fin dall’inizio. In questo modo, è più facile capire se l’evento sia interessante o meno e, nel primo caso, avere la sicurezza di completare la storia principale entro la fine prestabilita.

Inoltre, dobbiamo migliorare nel bilanciamento dell’evento per essere certi che tutti avanzino al ritmo previsto, sia il giocatore medio che quelli più dedicati.”

Gameplay e storia

“Anche se è un argomento legato al precedente, questo aspetto merita una sezione a sé. Abbiamo deciso che per aver accesso alla storia di L’Ascesa delle Sentinelle fosse necessario fare progressi nell’evento. In modo che i giocatori si sentissero parte della lotta contro Viego.

Tuttavia, in parte a causa del bilanciamento troppo severo dell’evento, ma anche come risultato generale di questo tipo di design, i giocatori finivano per dover giocare più partite del solito per avere accesso a tutta la storia. Molti di voi, soprattutto chi non aveva molto tempo libero da dedicare a LoL, non sono riusciti a vedere la conclusione della storia. Ed hanno dovuto fare affidamento su fonti esterne per rimettersi in pari.

Inoltre, questo meccanismo trasformava il gameplay in un ostacolo che i fan della storia dovevano superare per accedere a ciò che davvero gli interessava. Peggiorando il loro rapporto con LoL invece di migliorarlo.

In questo caso, abbiamo imparato che la storia dovrebbe essere sempre accessibile, soprattutto quella canonica di Runeterra. In futuro, eviteremo di imporre requisiti di gameplay così significativi per accedere a importanti porzioni della narrazione e i metagiochi come L’Ascesa delle Sentinelle non costituiranno l’unico modo per farlo.”

Versioni diverse della storia

“Questa sezione sarà un po’ complicata poiché riguarda il panorama generale di Riot, ma parleremo direttamente solo della parte della narrazione che riguarda LoL per PC (L’Ascesa delle Sentinelle nel client e nei filmati online).

Per molto tempo, LoL per PC è stato l’unico gioco a offrire contenuti narrativi per l’universo di LoL. In questo modo, era più semplice mantenere la coerenza della narrazione, benché anche allora ci fossero delle sfide. Ora che LoL si è ampliato, un numero maggiore di team racconta storie nell’universo di LoL. Purtroppo, durante questo periodo di crescita, non siamo riusciti a creare dei sistemi adatti a mantenere la coerenza narrativa tra tutti questi nuovi team.

Durante Sentinelle, abbiamo pubblicato quattro versioni della storia attraverso (1) L’Ascesa delle Sentinelle, (2) i filmati Rovina, Prima dell’alba e Assoluzione, (3) il QG delle Sentinelle nel client di Wild Rift e (4) il fumetto Cuor saldo. Ciascuno di questi team ha apportato delle modifiche alla storia per adattarla al proprio specifico mezzo narrativo, benché abbiamo cercato di attenerci alla stessa storia principale. E, per essere chiari, ecco qual è la storia principale

La storia di Sentinelle della Luce per punti

  • Thresh riporta in vita Viego
  • Viego cerca di impadronirsi del frammento dell’anima di Isolde che risiede dentro Senna, ma Senna e Lucian riescono a fuggire
  • Lucian e Senna viaggiano lungo Runeterra, nel tentativo di impedire a Viego di mettere le mani sugli altri frammenti dell’anima di Isolde. I due incontrano i campioni In Rovina e reclutano nuove Sentinelle durante il loro viaggio
  • Akshan è una di queste Sentinelle e si è addestrato sotto la guida della sua mentore Shadya, la Sentinella perduta. Shadya è stata uccisa poco tempo fa da un signore della guerra di Shurima e, quando i nostri eroi incontrano Akshan, la Sentinella sta cercando di uccidere l’assassino della sua maestra con l’Assolutore e di usare il potere dell’arma per riportarla in vita
  • Quando Viego ha ormai quasi completato la sua missione, le Sentinelle decidono di attaccarlo nel suo territorio, le Isole Ombra
  • Senna si consegna volontariamente a Viego, poiché il frammento di Isolde che ha dentro di sé è convinto che questo sia l’unico modo per salvare il mondo
  • Senna muore e Viego riesce a ricostituire l’anima di Isolde e a riportarla in vita
  • In segreto, Isolde chiede ad Akshan di ucciderla, rianimando così Senna, morta proprio perché l’anima di Isolde ha lasciato il suo corpo
  • Le Sentinelle sconfiggono Viego
  • Thresh assorbe le anime della Rovina, accumulando abbastanza potere da ripristinare la sua forma umana e lasciare le Isole Ombra

La recluta

“La Recluta è un esempio di un dettaglio non appartenente alla storia principale. Ma che è ugualmente significativo che è stato modificato per adattarlo al mezzo narrativo usato. Questo personaggio non ha mai ricevuto un aspetto fisico canonico (né un genere, un’età, ecc.) in L’Ascesa delle Sentinelle, quindi il team dei filmati ha modificato la storia affinché avesse senso anche senza la presenza di Recluta, che non poteva essere mostrato fisicamente in video.

Anche per quelli di voi che hanno giocato solo ai contenuti per LoL, queste modifiche hanno creato confusione su quale fosse la storia “reale” e cosa rappresentassero le altre versioni. Questa dinamica ha dato origine a un’esperienza poco soddisfacente, in particolare per i fan più appassionati della storia, che costituivano il pubblico principale a cui era destinato Sentinelle.

In questo caso, abbiamo imparato che forme simultanee di narrazione che raccontano gli stessi momenti della storia devono essere coerenti tra loro, e non ottimizzate per i singoli prodotti. Non importa se una forma di narrazione riesce a raccontare solo una parte della storia a causa dei limiti del suo formato, l’importante è che quella parte sia coerente con l’intero arco narrativo mostrato altrove.”

Inclusione dei campioni in Sentinelle della Luce

“Volevamo che le Sentinelle della Luce sembrassero un gruppo improvvisato di eroi improbabili provenienti da ogni angolo di Runeterra. Che sono stati reclutati da Lucian e Senna per necessità, piuttosto che una squadra perfetta assemblata meticolosamente nel corso di anni.

Benché questa premessa funzioni in teoria, non siamo riusciti a sviluppare tutti i campioni a sufficienza in modo da renderla efficace nella pratica. Anche con “solo” una decina di personaggi principali all’interno di L’Ascesa delle Sentinelle, molti di loro hanno dato l’impressione di avere solo un ruolo di presenza nella storia.

I giocatori non hanno realmente percepito la sensazione di gruppo improvvisato che volevamo comunicare, e così i personaggi “improbabili” sono sembrati semplicemente delle pessime scelte, mentre l’assenza di quei campioni più adatti agli ideali delle Sentinelle (per es. Braum) ha dato l’impressione di essere ingiustificabile.”

Ampia portata

“In retrospettiva, la portata globale di Rovina andava ben oltre quello che potevamo raccontare in una visual novel di 5-10 ore. Gran parte dell’esperienza era costituita da dialoghi tra vari personaggi, un formato non molto adatto a mostrare una battaglia che coinvolge il mondo intero.

Per esempio, molti di voi volevano sapere cosa stessero facendo i capi delle principali regioni (per esempio Swain o Jarvan), pur sapendo che non si sarebbero davvero uniti alle Sentinelle. Tuttavia, se le Sentinelle protagoniste della storia non incontravano direttamente i personaggi in questione, la visual novel non aveva modi soddisfacenti per includerli nella narrazione.

La portata globale dell’evento ha messo un’enorme pressione sulla storia e sulla scelta dei protagonisti. La decisione di visitare ogni regione e reclutare una Sentinella da ciascuna ci ha impedito di trascorrere molto tempo in ogni zona o di includere troppi dei suoi campioni.

Le Isole Ombra sono state la regione più colpita da questo problema: i fan della storia non hanno avuto risposte su dove fossero Yorick, Maokai, Kalista ed Hecarim, tutti campioni legati all’arco narrativo della Rovina, ma con ruoli marginali o addirittura assenti dall’evento.”

Insegnamento per il futuro

In questo caso, abbiamo imparato che i metagiochi e le visual novel hanno diversi limiti quando si tratta di raccontare un importante evento narrativo. Un formato del genere può aggiungere colore e dettagli alla storia, ma non può sostenere da solo l’intero arco narrativo.

Se ci fossimo limitati a una storia con una portata inferiore, magari includendo solo un paio di regioni e un cast di personaggi più ristretto ma sviluppato meglio, avremmo raccontato una parte più piccola ma più soddisfacente dell’intero evento. Per archi narrativi con una portata molto ampia è meglio ricorrere a mezzi narrativi specifici.”

L’inclusione della Recluta in Sentinelle della Luce

“Il personaggio che svolge il ruolo di avatar del giocatore è stato uno strumento che avevamo già usato nei Legami spirituali. E che abbiamo riproposto in Sentinelle per dare ai giocatori un posto in prima fila al centro dell’azione. Tuttavia, i Legami spirituali avevano senso come esperienza incentrata sulle vostre interazioni personali. Poiché gli spiriti di Ionia non erano figure già consolidate nella storia, quindi i giocatori li incontravano per la prima volta durante l’evento. 

A differenza di questa meccanica, L’Ascesa delle Sentinelle aveva l’obiettivo di dare vita alla storia finale dell’arco della Rovina. Che per anni era stata raccontata esclusivamente attraverso campioni ormai familiari ai giocatori da molto tempo.

Filtrare la prospettiva principale della storia attraverso gli occhi della Recluta, un personaggio nuovo e senza volto, ha avuto l’effetto di rubare la scena ai campioni coinvolti nell’evento. Distraendo i giocatori dai rapporti che si aspettavano di vedere tra i personaggi coinvolti. Tutto ciò è stato esacerbato da scelte di dialoghi che spesso apparivano banali e prive di un impatto significativo. 

In questo caso, abbiamo imparato che l’avatar senza volto dei giocatori è uno strumento che non dobbiamo adottare automaticamente durante lo sviluppo di una visual novel, e che la creazione di un rapporto con i personaggi non deve sempre essere il centro di questo mezzo narrativo.

Alcuni di voi, per esempio, ci hanno fatto presente che avremmo potuto raccontare L’Ascesa delle Sentinelle attraverso gli occhi di Lucian e Senna e che questa prospettiva avrebbe ugualmente offerto ai giocatori un’esperienza al centro degli eventi, senza sembrare troppo diversa dalle precedenti storie di Rovina.”

La narrazione di Sentinelle della Luce

“Da un punto di vista narrativo, la storia di Rovina è molto cupa. Per questo, volevamo aggiungere dei momenti e delle battute più leggere per allentare la tensione, considerata la lunghezza dell’evento, ma è chiaro che abbiamo finito per esagerare con gli intermezzi comici. Questo ha creato diversi problemi:

Innanzitutto, i giocatori hanno avuto la sensazione che non ci fossero abbastanza risposte serie o neutrali tra cui scegliere nelle opzioni di dialogo della Recluta. Per questi giocatori, questa limitazione ha reso impossibile immedesimarsi pienamente nel personaggio, facendogli perdere il suo ruolo di avatar.

In secondo luogo, il tono era incoerente tra una scena e l’altra. A volte la storia era incredibilmente seria e la posta in gioco molto alta, ma in altri momenti sembrava una comica. Questa dissonanza ha reso difficile capire quale fosse il tipo di esperienza che avevamo in mente per L’Ascesa delle Sentinelle.

Terzo, per questi motivi l’Ascesa delle Sentinelle non è riuscita a comunicare la gravità e i pericoli di una Rovina globale, cioè la prima vera minaccia di livello mondiale che abbiamo presentato nella Runeterra moderna.

In questo caso, abbiamo imparato che il tono dev’essere più coerente nel corso di tutto l’evento. Quando la storia lo richiede, non dobbiamo avere paura di dare un tono molto più cupo e serio alla narrazione, con momenti di comicità meno frequenti e pervasivi.”

Caratterizzazione non corretta in Sentinelle della Luce

“Una sotto categoria specifica della precedente riguarda alcuni campioni che hanno dato l’impressione di essere rappresentati in modo non accurato. In particolare, alcune opzioni di dialogo sono sembrate molto poco coerenti con le personalità di determinati personaggi.

Ci avete fatto notare che alcuni campioni sembravano troppo simili a cartoni animati comici, specialmente Rengar e Pyke. Un altro caso di caratterizzazione problematica che ci avete segnalato spesso riguarda Lucian nei primi capitoli dell’evento.

Volevamo trasmettere la sensazione che fosse davvero con le spalle al muro a causa del pericolo in cui si trovava Senna, ma invece è sembrato solo freddo, arrabbiato e perfino crudele.

In questo caso, abbiamo imparato che anche quando diamo ai campioni una caratterizzazione specifica per il contesto di un evento, devono ugualmente restare fedeli agli aspetti principali delle loro personalità, o finiranno per sembrare innaturali rispetto alle loro precedenti incarnazioni.

La lezione che abbiamo imparato riguardo al tono ci sarà d’aiuto anche in questo caso, poiché ci sentiremo meno costretti a usare i campioni per aggiungere elementi di leggerezza in scene in cui non dovrebbe essercene.”

Metagiochi complessi in Sentinelle della Luce

“In L’Ascesa delle Sentinelle erano presenti dieci Sentinelle, ciascuna con una di due meccaniche di avanzamento, in base all’ordine in cui decidevate di reclutarle. L’hub nel client inviava i giocatori dalla camera centrale alle pagine delle biografie dei personaggi, poi alla mappa del mondo e a quella delle regioni. Per molti giocatori, questa complessità è stata una barriera di ingresso che gli ha impedito di accedere all’evento.

Inoltre, ci avete segnalato un altro problema particolarmente frustrante: alcuni di voi, dopo aver giocato moltissime partite in una sola sessione, sono tornati nell’hub delle Sentinelle per scoprire che la maggior parte dei progressi fatti erano andati persi, poiché avevate inconsapevolmente completato una regione durante quella sessione di gioco, senza sapere che dovevate sceglierne una nuova per continuare a ottenere punti.

In questo caso, abbiamo imparato che sarà necessario semplificare il design dei prossimi metagiochi, sia sotto il profilo delle meccaniche che in termini di interfaccia e di esperienza. Ciò non significa una riduzione dei contenuti di metagiochi in generale, ma che quei contenuti dovranno essere più chiari.”

Il futuro oltre Sentinelle della Luce

“Sentinelle della Luce è stato il culmine del nostro primo arco narrativo sviluppato in più mesi. Il nostro primo, grande evento relativo alla storia di LoL da anni e il nostro primo evento narrativo su più prodotti di Riot. Benché ci siano molti aspetti che avremmo potuto gestire meglio, crediamo che ce ne siano anche di positivi. Siamo soddisfatti di aver pubblicato un evento della stessa portata di Fiore spirituale, incluso il Libro delle supreme, la nostra prima modalità di gioco evento da anni, e il primo lancio coordinato di campioni in contemporanea su quattro titoli Riot.

Anche se dirlo è un po’ un cliché, la quantità di feedback ricevuti e la qualità e profondità delle vostre opinioni ci hanno dimostrato che avete davvero voglia di vedere più contenuti riguardo all’universo e ai campioni di LoL. Gli eventi narrativi in League of Legends non sono morti.

Ci auguriamo che questo post sia un incoraggiamento per chi di voi è stato deluso da Sentinelle, e che le lezioni che abbiamo imparato corrispondano a ciò che vorreste vedere migliorato la prossima volta. Ci vediamo nel 2022!”

Ufficiale l’ADDIO di Huni, il competitivo di LoL saluta un grandissimo campione

Ufficiale l’ADDIO di Huni, il competitivo di LoL saluta un grandissimo campione

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

LoL – Nella notte tra ieri ed oggi, il noto player Heo ‘Huni’ Seung-hoon, leggenda finora in forze al team TSM, ha ufficializzato il suo ritiro dal competitivo di League of Legends, lasciando fan ed ammiratori estremamente sconfortati.

Leggendario Toplaner sudcoreano, Huni era ormai divenuto un vero e proprio simbolo per i connazionali e per i fan del gioco. Un risultato abbastanza prevedibile per un professionista che ha operato nella scena del videogioco più competitivo al mondo per 8 anni.

Dopo l’infortunio al polso che lo aveva costretto a fare un passo indietro rispetto al suo posto da titolare, Huni si è dedicato all’allenamento del proprio sostituto Toplaner, in attesa di rimettersi completamente dai danni subiti.

Addio ad HUNI, gli indimenticabili ricordi del competitivo di LoL commuovono qualche fan

L’attesa della riammissione al team ed il tempo passato in inattività, hanno evidentemente avuto un certo effetto sul giocatore, che tuttavia all’interno del comunicato, non ha accennato a nessun dissapore con TSM:

”È stato un piacere essere un giocatore professionista all’interno dell’esport di League of Legends.” – ha dichiarato commosso il giocatore – ”Credo che la gente mi ricorderà come un toplaner divertente, immagino… anche se forse potrei far parte della top 10. Forse.”

Huni è stato ai campionati mondiali di League of Legends tre volte, nel 2015, 2017 e 2019 ed altre due volte è apparso su un terreno internazionale durante il Mid Season Invitational. Nelle tre apparizioni ai mondiali, è arrivato due volte tra i primi quattro con Fnatic e SKT.

Insomma, cosa ne pensate commnity? Era finalmente arrivata l’ora di appendere il mouse al chiodo? Come al solito la discussione è aperta!

Articoli Correlati:

Udyr: ecco le abilità del nuovo rework

Udyr: ecco le abilità del nuovo rework

Profilo di Rios
 WhatsApp

Finalmente, dopo anni di attesa, i fan di tutto il mondo possono ammirare il VGU di Udyr, in arrivo a breve nel roster di League Of Legends. Questo è un rework particolare, che non va a stravolgere l’identità del campione, ma anzi la mantiene aggiungendo un pizzico di modernità.

Un lavoro di fino, che però potrebbe non piacere a quei giocatori che si aspettavano un campione nettamente diverso. Questo è uno dei personaggi più iconici ed antichi del MOBA di Riot, quindi stravolgerlo sarebbe stato un peccato.

Ma non perdiamoci in ulteriori chiacchere ed andiamo a conoscere da vicino la nuova forma dell’Eremita Spirituale.

Tutti i dettagli del rework di Udyr

Introduzione

Il “più autentico” campione da corpo a corpo di League of Legends torna più in forma che mai, pronto ad affrontare la giungla e i suoi nemici con potenti posizioni. Una buona reattività e la capacità di usare le sue abilità in base alla situazione aiuteranno i giocatori di Udyr a scatenare l’universo mistico del Freljord in modi unici. 

Udyr è il più potente eremita spirituale vivente ed entra in comunione con gli spiriti del Freljord, intuendo empaticamente le loro necessità o canalizzando e trasformando le loro energie eteree nel suo stile di combattimento primordiale. Cerca di trovare il suo equilibrio con se stesso, per far sì che la sua mente non si perda tra le altre, ma anche con il mondo, poiché l’universo mistico del Freljord può prosperare solo attraverso la crescita che deriva dal conflitto e dallo scontro… e Udyr sa che vanno fatti dei sacrifici per allontanare la pace e l’immobilità.

Il Kit

Passiva – Ponte tra i mondi (Risveglio spirituale/Addestramento monastico) 

Udyr ha 4 posizioni come abilità di base, ognuna legata a un semidio del Freljord. Circa ogni 30 secondi può Risvegliare la sua posizione attiva rilanciandola per ripristinarla e ottenere effetti bonus. Dopo aver lanciato (o rilanciato) un’abilità, i successivi due attacchi di Udyr ottengono il 40% di velocità d’attacco. 

Q – Artiglio selvaggio 

Udyr assume la Posizione dell’Artiglio. Conferisce velocità d’attacco. I prossimi due attacchi infliggono danni a raffica.

Risveglio: aumenta la velocità d’attacco e i due attacchi successivi lanciano fulmini che rimbalzano fino a 6 volte (possono colpire più volte lo stesso bersaglio, se è isolato). 

W – Manto di ferro 

Udyr assume la Posizione del Manto. Ottiene uno scudo. I prossimi due attacchi ripristinano salute.

Risveglio: ripristina lo scudo, cumulabile. Recupera una grande quantità di salute massima nell’arco di 2 secondi. 

E – Carica ardente 

Udyr assume la Posizione della Carica. Ottiene un aumento della velocità di movimento. Mentre è in questa posizione, il primo attacco contro ogni bersaglio lo stordisce.  

Risveglio: aumenta la velocità di movimento, ottiene immunità agli effetti di controllo per un breve periodo. 

R – Tempesta alata 

Udyr assume la Posizione della Tempesta. Evoca una tempesta glaciale che infligge danni e rallenta i nemici vicini. I prossimi due attacchi aumentano l’area d’effetto della tempesta.  

Risveglio: la tempesta si allontana da Udyr e insegue il nemico che ha attaccato più di recente (e infligge più danni). 

Il coach che RUBAVA gli stipendi dei player dei TSM, Peter Zhang, BANNATO permanentemente dall’esport di League of Legends

Il coach che RUBAVA gli stipendi dei player dei TSM, Peter Zhang, BANNATO permanentemente dall’esport di League of Legends

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

In un recentissimo Ruling competitivo reso pubblico nella serata di ieri, Riot Games ha ufficialmente annunciato il ban a tempo indeterminato dall’esports di League Of Legends di Peter Zhang, ex-coach dei TSM.

Durante i primi mesi di quest’anno, Zhang era stato accusato di aver illecitamente sottratto soldi dagli stipendi dei giocatori del team principale. Le indagini interne portate avanti da TSM avevano poi confermato queste accuse, portando infine alla squalifica ed alla rescissione del contratto con l’org.

L’iter burocratico di casa Riot vuole tuttavia che chi si macchia di certi tipi di reati debba essere sottoposto ad ulteriori indagini, al fine di poter dare al giocatore la giusta pena. Indagini che si sono infine concluse nella notte di ieri.

Peter Zhang, addio per sempre all’esport di League of Legends – il comunicato

Ecco i punti salienti del comunicato:

”Zhang ‘Peter Zhang’ Yi è permanentemente bandito da qualsiasi associazione o affiliazione con una squadra od organizzazione in competizioni patrocinate da Riot per aver messo in atto quello che riteniamo essere un comportamento allarmante e non etico nei confronti dei giocatori e dello staff TSM attuali e passati.”

”Peter Zhang ha violato il set di regole LCS e l’accordo di idoneità e rilascio LCS deviando parte degli stipendi dei giocatori su account appartenenti a lui e ad alcuni suoi soci, ingannando e non compensando completamente un ex giocatore TSM per la vendita della sua auto e chiedendo prestiti a giocatori e personale TSM.”

[…]’‘Tra dicembre 2021 e febbraio 2022, Peter Zhang ha dirottato su conti terzi circa $ 250.000 in pagamenti di stipendio da due giocatori di TSM. […] Inoltre, le prove suggeriscono che, durante il suo impiego presso TSM, Peter Zhang ha condiviso informazioni non pubbliche relative alle decisioni di assunzione di TSM, potenzialmente in cambio di un vantaggio personale.”

Insomma, cosa ne pensate della squalifica di Zhang da League of Legends? Giusta o giustissima? Come al solito la discussione è aperta!

Articoli Correlati: