Rock’n’LoL Mondiali – 04/10/2015

Profilo di FlorenceFury
 WhatsApp

Quarta ed ultima giornata della prima settimana dei mondiali di LoL, con alcune conferme, grandi soddisfazioni, e qualche delusione.

GIRONE A

[vincente]   Koo Tigers   –  Counter Logic Gaming

I Koo la fanno da padroni dall’inizio alla fine, fermando la serie dei CLG, letteralmente impotenti di fare qualsiasi cosa. Viene tutto bene ai Coreani, che prendono vantaggio con alcune azioni isolate e si concentrano poi sulle torri nemiche. Vincono quindi tutti i teamfights che riescono a forzare e al 27′, in seguito a tre uccisioni ai danni degli Americani, si assicurano il Barone, col quale chiuderanno la partita 2 minuti più tardi.

Dopo il passo falso con i FW, i Koo Tigers tornano a produrre un ottimo gioco, non lasciando ai nemici alcuna possibilità di replicare. Ottima prestazione sia sotto il profilo corale sia sotto quello dei singoli. Avvolgenti e letali.

Caduta rovinosa per i Counter Logic Gaming, mai in grado di entrare in partita. Gli avversari paiono semplicemente essere di un altro pianeta. Serve molto di più se si vuol pensare in grande.

[vincente]   paiN Gaming   –   Flash Wolves

Scontro dai ritmi estremamente lenti, che si sblocca solamente al 19′ con il primo sangue dei PNG, i quali vengono a trovarsi in vantaggio di 2,5k gold.
Per vedere un’azione degna di nota si deve attendere il 24′, quando i Brasiliani ottengono in teamfight tre uccisioni a fronte di una sola morte. Da qui in avanti la wild card sembra entrare in controllo del match, riuscendo a distruggere svariate torri nemiche. Al 37′ però i Wolves prendono il buff del Nashor prima che i paiN possano reagire e con esso abbattono l’inibitore superiore degli avversari. La partita pare adesso più incerta, ma ci pensa il team brasiliano al 45′ a togliere ogni dubbio: carneficina dinnanzi al Barone e vittoria.

Onore ai paiN Gaming,che ottengono la prima vittoria mondiale e paiono aver trovato un gioco più adatto ad una manifestazione internazionale, sebbene sia tutto da confermare. Chissà che non possano riservarci qualche altra sorpresa.

Flash Wolves che, dopo l’exploit ai danni dei dei Koo Tigers, tornano a dimostrare di essere un team non pronto per i palchi internazionali. C’è poco da sperare.

GIRONE B

[vincente]   Invictus Gaming   –   AHQ e-Sports Club
Dettagli partita

Partita estremamente combattuta, con le squadre che si concentrano sulla presa degli obbiettivi fin da subito, strategia in cui prevalgono gli AHQ, mentre gli IG riescono ad effettuare più uccisioni. I Coreani sono infatti in vantaggio per sei ad uno quando, al 24′, riescono ad assicurarsi il primo Nashor della partita. Al 28′ hanno 4k gold in più rispetto agli avversari e tre draghi a referto contro uno solo.
Sembra però che possano gettare tutto alle ortiche al trentaduesimo minuto, quando si fanno rubare sotto al naso il secondo Barone della partita e vengono sconfitti nel teamfight seguente con un perentorio 3 a 0, ma, al 42′, quando tentano nuovamente di fare proprio il buff garantito dal mostro, riescono a sfruttare un posizionamento errato degli avversari, i quali tentano di interromperli, e ne uccidono quattro. Si dirigono quindi alla base nemica e si assicurano la prima vittoria del proprio torneo mondiale.

Grande partita per gli Invictus Gaming, fatta eccezione per l’errore al 32′ che poteva costargli molto caro. Necessitavano obbligatoriamente di una vittoria per continuare a sperare nel passaggio del turno e sono riusciti ad ottenerla, apparendo oltretutto come una squadra ritrovata. Molto bene il mid laner Rookie, che non sbaglia praticamente niente. Sulla strada giusta.

Gli AHQ, specialisti dei comebacks, come dimostrato ieri coi FNC, provano anche oggi a fare il loro scherzetto preferito, peccato che non gli riesca. Nel girone sono senz’altro loro quelli con meno probabilità di qualificarsi alla fase successiva, nonostante tutto sia ancora da decidere. Ci vuole di più per essere “mondiali”.

Fnatic   –   Cloud 9 [vincente]
Dettagli partita

Match che rimane in sostanziale equilibrio fino al mid-game, con i C9 che riescono ad aggiudicarsi più obbiettivi degli avversari, i quali si rifaranno in tal senso con il passare del tempo. Al 25′ infatti gli Americani riescono ad assicurarsi il Nashor venendo però massacrati dagli Europei negli istanti successivi. I Fnatic passano così in vantaggio e vedono la possibilità di portarsi a casa il secondo successo del proprio campionato mondiale e sembra che possano effettivamente riuscirci quando al 31′, con un ottimo splitpush dell’ADC Rekkles, si assicurano l’inibitore della corsia superiore.
I Cloud 9 però non ci stanno e al 32′ riescono ad assicurarsi per la seconda volta il buff del Barone e, subito dopo, la vittoria in teamfight per tre uccisioni a due.
La partita rimane in stallo, con il team padrone di casa sempre in vantaggio, fino al 39′, quando il team di Hai riesce ad ottenere una carneficina, grazie alla pentakill del top laner, Balls, che gli garantisce tutto il tempo per distruggere il nexus avversario.

Tre su tre per il team americano, grazie soprattutto a un’ottima prestazione corale. Fa buona impressione, come del resto era successo anche nei due matches precedenti, il mid laner Incarnation. Rivincita personale per Balls che, nonostante palesi ancora una netta inferiorità di abilità rispetto all’avversario in corsia, riesce a risolvere la situazione nel momento più spinoso. Sono ormai una certezza: Cenerentola a chi?

Seconda sconfitta in tre partite  per il team che ci aspettavamo essere il dominatore nel girone. Complice una scelta coraggiosa in fase di pick & ban (Yasuo in top lane), i Fnatic si trovano adesso a dover lottare con le unghie e con i denti per conquistare un posto alla fase successiva del campionato. Che qualcosa si sia rotto all’interno di quello che pareva un meccanismo perfetto? Attendiamo risposte dai prossimi tre incontri. Così non va.

GIRONE D

[vincente]   Team SoloMid   –   LGD Gaming
Dettagli partita

Prima partita della giornata, nonché scontro fra fanalini di coda, TSM contro LGD parte subito frizzante e ricca di azioni, in controtendenza con lo stile attendista che contraddistingue solitamente il team americano. La squadra di Bjergsen riesce ad imporsi in early, accumulando un vantaggio di 2k gold in soli 10 minuti, che verrà incrementato notevolmente di lì a poco. Al 17′ infatti i SoloMid riescono a vincere un teamfight in maniera molto convincente, ripetendosi al 24′ con una carneficina, che gli permette di conquistare la torre dell’inibitore centrale avversario.
Il game sembra segnato, ma, due minuti più tardi, il team cinese prova a ribaltare la partita, riuscendo a forzare un Nashor e ad ottenere tre uccisioni.
Pare che gli LGD possano sognare il grande comeback, ma la squadra degli States non ci sta e, in seguito ad una carneficina ottenuta al 30′, distrugge l’inibitore della corsia di mezzo, a cui seguirà, tre primi dopo, quello della bot lane. Al 35′ l’ultimo tiratissimo scontro del game che si chiude in un 5 a 3 per Bjergsen e compagni e porta alla distruzione del nexus nemico.
Partita ricca di colpi di scena e di fantastici teamfights, in cui la differenza è stata fatta dal forte mid laner europeo (11/0/12 per lui) e dal buon affiatamento fra i componenti dei TSM. Tra gli LGD ancora una volta svetta il solo Imp, in mezzo a una penuria generale di idee e buon senso.

Il Team SoloMid riesce in parte a riscattarsi dalle due sconfitte precedenti e può sognare il grande recupero sulle due squadre che lo precedono, a patto ovviamente che tutti i membri rimangano concentrati e forniscano prestazioni al livello di questa. Non è detta l’ultima parola!

Gli Lgd, con tre insuccessi in tre games giocati, si preparano a salutare la competizione mondiale anzitempo, soprattutto a causa di un gioco corale non all’altezza della situazione e di alcuni giocatori che hanno reso molto meno delle aspettative, specialmente il jungler, TBQ. Grande delusione della manifestazione.

KT Rolster   –   Origen   [vincente]
Dettagli partita

Si incontrano le due squadre a punteggio pieno nel girone e si vede: partita fantastica che rimane in bilico per tutto l’early-mid, basato principalmente su azioni isolate in giro per la mappa. Gli OG tuttavia hanno un controllo degli obbiettivi molto migliore rispetto agli avversari ed una maggiore mobilità, che sfruttano al 23′ per prendere un Nashor incontestato. Con questo si garantiranno di lì a poco la torre dell’inibitore centrale nemico, spostando l’ago della bilancia dalla propria parte e iniziando a pregustare la vittoria.
Decisivi al 33′ un paio di errori dei Coreani che costano loro tre uccisioni, in seguito alle quali il team di Xpeke distrugge l’inibitore mid e si appropria del secondo Barone della partita, che servirà, due minuti più tardi, a prendere entrambi gli inibitori rimasti ai nemici. A questo punto non resta che sferrare l’attacco finale, che si concretizza quando il cronometro recita 39′ 07″, regalando agli Origen la terza vittoria consecutiva e la leadership nel proprio raggruppamento.

Con tre successi su tre, gli OG iniziano a sentire odore di passaggio del turno. Per la squadra dell’ex capitano dei Fnatic un’altra magnifica prestazione, basata principalmente sulla strategia, le rotazioni e la mobilità, che consente di ben sperare anche per quando i giochi si faranno più difficili. Non una magnifica partita per Soaz che però non incide molto sull’andamento del match. Orgoglio europeo!

I KT perdono pur riuscendo a dire la loro, pagando molto cari i pochi errori fatti. Si sono fatti sorprendere svariate volte e non sono mai riusciti a rimediare.Adesso hanno tre punti di vantaggio dai TSM, che dovranno gestire per conquistare l’avanzamento alla successiva fase della manifestazione, per il quale rimangono comunque favoriti, constatando la bontà degli ultimi due successi. Passo falso.

Arcane x Fortnite: in arrivo una nuova skin sul Battle Royale

Profilo di Rios
 WhatsApp

Il successo della collaborazione tra ArcaneFortnite è stato davvero senza pari, ed ha portato Jinx sul battle royale di casa Epic sotto forma di skin. I giocatori sono stati entusiasti, ed hanno acquistato volentieri questo contenuto proposto dagli sviluppatori.

Proprio per cavalcare questa onda, sembra che stia per arrivare un’altra skin a tema. Secondo alcuni leak, infatti, anche Vi sarebbe pronta a lanciarsi nel mondo di Fortnite. Attualmente non c’è nessuna ufficialità in merito, anche se la fonte sembra molto attendibile.

Ma andiamo a vedere l’immagine che è diventata virale sui social, sperando che l’annuncio ufficiale di Epic possa arrivare molto presto.

Arcane e Fortnite continuano a collaborare

Un mondo ricco di eroi

Se conoscete un minimo il mondo di Fortnite, sicuramente sapete che al suo interno sono nate tantissime collaborazioni con molti eroi del mondo dei videogames. Possiamo infatti trovare Kratos di God of WarAloy di Horizon Zero DawnMaster Chief di Halo e via discorrendo.

Qualche mese fa, però, per spingere ulteriormente il debutto di ArcaneRiot ed Epic hanno deciso di portare Jinx nel famoso battle royale. Il suo arrivo è stato un grande successo, ed ha incuriosito anche molti fan di LoL che si sono riversati su Fortnite.

Inoltre gli utenti più avvezzi al BR di casa Epic sono stati incuriositi dall’estetica di Jinx, approfondendone la storia attraverso Arcane ma anche attraverso la lore di League of Legends. La skin ha venduto moltissimo, ed i fan hanno richiesto a gran voce un’altra collaborazione.

Secondo quanto riportato da alcuni leaker di Fortnite, sembra che Riot ed Epic abbiano deciso di accontentare i fan ancora una volta. Infatti Vi dovrebbe fare la sua apparizione nello shop del BR, affiancando sua sorella Jinx anche in questo universo.

Ma la collaborazione non si limiterà solo alla skin. Sembra che Vi arriverà con un bundle davvero molto completo, ed avrà il martello hextech come piccone, la bambola di Powder come zainetto ed anche una schermata di caricamento totalmente personalizzata.

PG Nationals: tutto pronto per l’inizio dello spring split

Profilo di Rios
 WhatsApp

Siamo finalmente arrivati al giorno tanto atteso: oggi, 18 gennaio 2022, inizia lo spring split del PG Nationals 2022. Nella giornata di ieri vi abbiamo mostrato tutti i roster del torneo, che andranno a competere per la vittoria finale della coppa e per l’accesso ad EU Masters.

Sarà una stagione molto serrata e super combattuta, visto che tante squadre puntano a spodestare i campioni in carica dei Macko Esports. Ma chi ci riuscirà davvero? Chi sarà in grado di tenere duro lungo questi mesi per prendersi il titolo?

Al momento non c’è una risposta, ma dalle 19 di questa sera potremo avere già le primissime avvisaglie di una lotta davvero entusiasmante.

Inizia lo spring split 2022 del PG Nationals

Si riparte

PG Esports, la società italiana leader nel gaming competitivo, prepara il grande ritorno del più prestigioso torneo su scala nazionale dedicato a League of Legends. Il PG Nationals Spring Split 2022, infatti, giunge alla sua quinta edizione con un programma che punta ad appassionare, come ogni anno, migliaia di fan pronti a fare il tifo per i propri beniamini.

Lotta serrata

La data fissata per l’inizio dei match è il 18 gennaio. A partire da oggi, per sette intense settimane, i migliori 8 team del panorama competitivo si daranno battaglia per conquistare l’ambito posto alla fase dei Play-off, che si svolgeranno nelle settimane successive fino alla finale del 20 marzo, assicurando agli appassionati uno show mozzafiato.

Davanti agli schermi si alterneranno team ormai esperti come aNc Outplayed – presenti fin dagli albori della competizione – e i campioni in carica Macko, ma anche new entry provenienti dal Circuito Tormenta e dai Proving Grounds, come Esport Empire e Atleta Esport. Tra i grandi ritorni, i fan più longevi riconosceranno gli Axolotl, alla loro terza partecipazione, così come i Cyberground Gaming, che con un roster davvero competitivo, in questa edizione puntano direttamente agli European Masters.

Gli appassionati, di certo, ricorderanno la finale dello scorso split sfiorata dai GG Esport, seriamente intenzionati a ritentare l’impresa e a scombinare nuovamente tutte le previsioni. Infine, tornano anche i Samsung Morning Stars, che avranno una marcia in più grazie alla loro appassionata community, sempre pronta a sostenere calorosamente il team in ogni match. Tra alcune squadre al loro debutto e diversi veterani della competizione, chi riuscirà a strappare il titolo ai Macko

EU Masters

Come nelle scorse edizioni, lo Spring Split garantirà a ben due squadre l’opportunità di solcare il palcoscenico internazionale degli European Masters 2022. Una vetrina insostituibile per i giocatori professionisti. Questi potranno esibire le proprie abilità durante l’apice della stagione competitiva del Vecchio Continente, contro i migliori player provenienti dalle principali leghe regionali.

Il team vincitore dei PG Nationals potrà accedere da subito al Group Stage dell’evento principale, mentre il vice-campione dovrà passare dai Play-In, dove si dovrà guadagnare la possibilità di procedere alla fase a gironi.

Novità

I cambiamenti nel roster non sono l’unica novità della quinta edizione. Variano, infatti, anche i giorni di gioco, che passano a martedì e mercoledì. Così come il canale Twitch su cui godersi tutti i match, PG_Esports_LoL, dove gli appassionati italiani hanno già seguito negli scorsi mesi eventi di primissima fascia come i Worlds 2021. 

Sponsor

Il format targato PG Esports, lanciato nel 2018, è ormai stabilmente tra i più popolari del panorama competitivo italiano, anche grazie a una community sempre più ampia e affezionata. Un simile traguardo si traduce in una capacità maggiore di attrarre giocatori di livello mondiale, così come partner di rilievo.

L’edizione 2022, infatti, può contare su main sponsor del calibro di Fonzies (in collaborazione con Dentsu Gaming) e Kit Kat (in sinergia con Sportfive e Dentsu Gaming), che confermano ancora una volta il proprio impegno a sostegno della scena nazionale.

PG Esports, inoltre, ha potuto contare anche sul prezioso contributo di Studio Dispari, che ha ripensato le grafiche del torneo, rendendo le dirette ancora più accattivanti e piacevoli da seguire per il pubblico connesso da casa. 

Mikyx spiega perché è stato messo in panchina

Profilo di Rios
 WhatsApp

In una recente live, andata in onda su TwitchMikyx ha provato a spiegare (dal suo punto di vista) i motivi che lo hanno portato sulla panchina dei G2. Nel corse della off-season si sono stati diversi drama in merito a questo argomento, ed ora le cose non sono migliorate.

Lo sloveno continua a non essere troppo convinto dell’operato della dirigenza, che segue delle politiche un po’ strane e molto rigide. Una situazione davvero molto difficile da sciogliere, anche perché il giocatore non è riuscito a trovarsi una nuova squadra.

Ma andiamo a vedere cosa ha realmente detto il supporto, cercando di capire meglio alcune manovre effettuate dalla dirigenza dei G2.

Mikyx spiega i motivi del bench

Beghe contrattuali

ENG

“I think it’s because I didn’t want to renew my contract in the middle of the year. Because after spring split, they did want to renew but I didin’t want to. So then it was kinda inevitable. I mean, as G2 said, the thing is that no one runs out of contract or they try to sell you. And since I didn’t resign for a year, because my contract runs out on the next year, that means they will try to sell me. But unfortunately, I did not find a team that would be great. But hopefully for summer I will find it.”

ITA

“Credo che sia successo perché non ho voluto rinnovare il mio contratto a metà anno. Perché dopo lo spring split, loro volevano rinnovarlo ma io non volevo. Quindi era abbastanza inevitabile (finire in panchina n.d.r.). Voglio dire, come dichiarato dai G2 stessi, il fatto è che nessuno arriva al termine del contratto altrimenti provano a venderti. E dato che non ho rinnovato per un altro anno, perché il mio contratto scadrà nel prossimo, questo significa che proveranno a vendermi. Ma sfortunatamente, non ho trovato un team buon team. Ma spero che lo troverò in estate.”