Pobelter parla delle violenze psicologiche subite dai CLG

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Il summer split di Pobelter e dei CLG non è andato proprio nel migliore dei modi. Il midlaner ha performato al di sotto dei suoi livelli, a causa di diverse pressioni psicologiche subite alla dirigenza del team. L’aria si è fatta decisamente pesante nella gaming house della squadra.

Il caso Pobelter

Situazione della squadra

Come detto in precedenza, i CLG non stanno attraversando un bel periodo in termini di risultati. Il team è attualmente ultimo in LCS, con uno score complessivo di 10-29. Insomma, un punteggio decisamente non soddisfacente per la dirigenza, che si aspettava qualcosa di più da un roster “competitivo”.

Questa insoddisfazione generale ha portato alla sostituzione di Pobelter, indicato come uno dei maggiori responsabili del disastro tecnico. Nonostante questo, però, l’arrivo di Damonte non ha cambiato le carte in tavola, in quanto i risultati continuano a non arrivare.

Il tweet di Pobelter

Con un recente post condiviso su TwitterPobelter ha raccontato ciò che è successo dietro le quinte, esponendo al pubblico tutte le violenze psicologiche e le pressioni subite dalla dirigenza.

ENG

“The morning before the last match I played for CLG, I broke down crying in front of my coach because I just felt increasingly sheer misery over the past few weeks. It just felt like nothing at all was going right. I had never felt that way in 7+ years as an LCS pro.”

“That was painful to watch, I know for sure the players on CLG are way better than that. I think the team environment became WAY too negative and doomed, super super high pressure and I don’t think anyone can succeed or play with confidence under those circumstances.”

ITA

“La mattina prima dell’ultimo match che ho giocato con i CLG, sono scoppiato a piangere davanti al coach perché ho sentito sempre più paura e miseria durante le settimane passate. Sembrava che nulla di ciò che facevo fosse giusto. Non ho mai avuto questa sensazione in oltre 7 anni di carriera come proplayer in LCS.”

“E’ stato doloroso da guardare, so per certo che i giocatori dei CLG sono migliori di ciò che si è visto. Credo che l’ambiente sia diventato troppo negativo e condannato, c’è veramente troppa pressione e non penso che qualcuno possa avere successo o giocare con confidenza sotto queste circostanze.”

Ambiente tossico

Le parole di Pobelter, inoltre, trovano fondamento in un video pubblicato sui social dagli stessi CLG qualche giorno fa. In questo filmato dietro le quinte, si vede chiaramente il proprietario Daniel “Tafokints” Lee il quale si lascia andare a delle dichiarazioni piuttosto forti.

Tafokints, infatti, ha detto ai giocatori che avrebbe voluto sostituirli tutti, dicendo che i piani sarebbero cambiati se avessero battuto i TSM e se avessero concluso il week-end con un 3-0. Il video è stato successivamente cancellato, ed i CLG si sono anche scusati sui social.

Mario "Rios" Cristofalo

Sono un appassionato di videogiochi sin da quando ne ho memoria. La mia crescita è stata caratterizzata delle console Nintendo (grazie ai Pokèmon), e poi dall'esplosione di Xbox anche in Italia. Nel 2018, però, mi sono avvicinato al mondo di League Of Legends di cui mi sono perdutamente innamorato. Ad oggi mi occupo di LoL, ma anche di tutto ciò che è interessante nel mondo videoludico e tech in generale. Per info e collaborazioni: [email protected]

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701