MSI 2022: BrokenBlade salva i G2 Esports

MSI 2022: BrokenBlade salva i G2 Esports

Profilo di Rios
 WhatsApp

La secondo giornata del MSI 2022 ci ha mostrato dei G2 Esports tanto dominanti quanti distratti. La squadra ha rischiato di perdere nel match giocato contro gli Evil Geniuses, ma BrokenBlade ha indossato i panni da carry ed ha trascinato i suoi compagni verso la vittoria.

I nord-americani sono comunque riusciti a trovare il loro primo punto in classifica, in quanto sono stati capaci di battere il team ORDER. Negli altri gruppi continua il dominio dei T1 (vincenti in scioltezza anche oggi) e degli RNG che hanno dovuto affrontare un PSG Talon redivivo rispetto a ieri.

Una giornata che però non ha regalato risultati inattesi, ma che continua a rispettare quasi tutti i pronostici della vigilia.

La seconda giornata del MSI 2022

Gruppo A

Nel gruppo A sembra tutto fin troppo facile per i coreani dei T1, vincenti anche oggi contro i messicani del Team Aze. I campioni della LCK hanno letteralmente polverizzato i loro avversari, giocando anche abbastanza in scioltezza e senza troppe preoccupazioni.

Alle spalle del raid boss del girone continua ad agitarsi la battaglia per il secondo posto, visto che i Saigon Buffalo sono riusciti a battere i Detonation FocusMe nello scontro diretto. Grazie a questa vittoria i vietnamiti sono riusciti a pareggiare i conti con i giapponesi, accendo una rivalità abbastanza preventivata. Saranno loro a contendersi l’ultimo posto utile per qualificarsi al rumble stage, mentre gli Aze potranno essere la mina vagante.

Gruppo B

Dopo la vittoria ottenuta ieri ci si aspettava molto dai RED Canids, compagine brasiliana capace di battere i PSG Talon nella partita d’esordio dominando in lungo ed in largo. Purtroppo la giornata di oggi non è stata facile per loro, in quanto gli Istanbul Wildcats sono riusciti a batterli nelle scontro diretto, agganciandoli al secondo posto del gruppo B del MSI 2022.

Per il resto rimane tutto abbastanza semplice per i Royal Never Give Up, vincenti anche oggi nel match giocato contro un PSG assolutamente redivivo. I campioni della PCS hanno provato a mettere in difficoltà i cinesi, riuscendo a trovare qualche azione interessante in diversi frangenti pur dovendo giocare con Azhi (toplaner sostituto).

Purtroppo per loro, però, la forza degli RNG è stata inarrestabile. La squadra è comunque riuscita a ritrovarsi dopo qualche errore grossolano, portandosi a casa la secondo vittoria e tenendo salda la testa del gruppo B.

Gruppo C

Anche oggi il gruppo C continua ad offrire le emozioni più forti, con i G2 Esports che continuano a vincere ma sfiorano la sconfitta. I campioni della LEC, infatti, pur dominando l’early ed il mid-game hanno scoperto il fianco agli Evil Geniuses che non si sono fatti pregare.

Alcuni errori commessi davanti alla pit del Barone hanno regalato kill ed obiettivo agli avversari, portandoli a conquistare diverse torri ed inibitori. Tutto sembrava perduto per gli europei, finché BrokenBlade non è salito in cattedra per salvare i propri compagni. Grazie a due fight giocati splendidamente dal toplaner, i G2 sono riusciti a fermare l’avanzata dei campioni della LCS, conquistando la vittoria.

Gli Evil Geniuses, però, sono riusciti a mettere a segno il loro primo punto sul tabellone. La vittoria ottenuta ai danni degli ORDER è stata un toccasana per i nord-americani, che potranno risollevarsi dal punto di vista mentale dopo due sconfitte dure da mandar giù.

Patch 12.10: Riot Phlox mostra un’altra anteprima

Patch 12.10: Riot Phlox mostra un’altra anteprima

Profilo di Rios
 WhatsApp

La patch 12.10 sarà il punto più importante della stagione di League Of Legends, in quanto andrà a rivoluzione il gioco dalle fondamenta. Molti dei sistemi a cui siamo stati abituati fino ad ora subiranno delle modifiche, cambiando profondamente il gameplay.

Nella nottata di ieri Riot Phlox ha fornito ulteriori dettagli su questi aggiornamenti, arricchendo i dati che vi avevamo già mostrato (qui i numeri per i campioni, qui per gli oggetti). Inoltre ha anche spiegato perché queste modifiche si sono rese necessarie.

Insomma, tutti i giocatore di LoL dovranno studiare attentamente questa patch, per evitare di avere brutte sorprese in partita.

Un’altra anteprima della patch 12.10 di League Of Legends

Aggiustamenti ai campioni

Tutti i campioni

  • Salute di base aumentata di 70
  • Salute per livello aumentata di 14
  • Armatura per livello aumentata di 1.2
  • Resistenza magica per livello aumentata di 0.8

Cure dei campioni

  • Ridotte del 10-28%

Scudi dei campioni

  • Ridotti del 10%

Aggiustamenti di sistema

  • Cure di sistema ridotte del 10-28%
  • Scudi di sistema ridotti del 10%
  • Ferite gravi base ridotte dal 40% al 30%
  • Ferite gravi potenziate ridotte dal 60% al 50%
  • Penetrazione percentuale degli oggetti ridotta del 5-10%
  • AD delle torri esterne aumentato da 152-278 a 167-391
  • AD delle torri interne aumentato da 170-305 a 187-427
  • Danno fisico delle torri degli inibitori aumentato da 170-305 a 187-427
  • AD delle torri del Nexus aumentato da 150-285 a 165-405
  • AD del Barone Nashor aumentato da 125+8 al minuto a 150+10 al minuto

Le spiegazioni di Riot Phlox

La patch 12.10 sarà una vera e propria scommessa per il team di bilanciamento, che dovrà tenere d’occhio tutti i numeri nei giorni successivi al rilascio dell’aggiornamento. Phlox ha dichiarato che il nerf alle cure ed agli scudi è assolutamente necessario perché, con la diminuzione generale del danno, i campioni da sustain sarebbero diventati fin troppo forti ed impossibili da uccidere. Inoltre ha detto che tutto il team seguirà l’andamento della patch da vicino, e sarà pronto per rilasciare una micropatch già giovedì stesso. Comunque sia dovremo tenere d’occhio tutte queste modifiche, in quanto salteranno sicuramente fuori dei campioni OP.

Riot mostra il recall esclusivo per i giocatori che raggiungono l’honor 5

Riot mostra il recall esclusivo per i giocatori che raggiungono l’honor 5

Profilo di Rios
 WhatsApp

Ad inizio anno gli sviluppatori di Riot avevano parlato di alcune ricompense esclusive per i giocatori che, comportandosi bene, avrebbero raggiunto l’honor 5. Tra questi premi c’era un recall esclusivo da sfoggiare in game, similmente a quanto accade con i giocatori che raggiungo il Challenger.

Per diversi mesi non abbiamo avuto notizie in merito, ma ora sembra che i lavori siano ufficialmente arrivati a buon punto. Infatti Kristy Doan, VFX artist per League Of Legends, ha mostrato su Twitter un’anteprima di questo nuovissimo recall.

Gli sviluppatori vogliono dare più importanza a quei giocatori che contribuiscono a rendere l’ambiente di gioco più “pulito”, e questa potrebbe essere solo la prima di molte altre ricompense.

Riot premia i giocatori più corretti

Esclusività

Sin da quando il sistema di onore ha fatto il suo debutto sulla Landa degli Evocatori, non ha premiato poi troppo i giocatori corretti. Certo, si possono prendere le skin Warwick GrigioTwitch Mediavale con le relative chroma (ottenibili con dei token onore), ma non c’era nulla di direttamente collegato al proprio livello di onore in gioco.

Già nei primi mesi di questo 2022, gli sviluppatori di Riot hanno dichiarato di voler dare più importanza ai giocatori che si comportano bene, creando delle ricompense esclusive ad hoc per sopperire a questa mancanza. Nei mesi successivi non si hanno avuto più notizie in merito, ed in molti hanno pensato che il progetto fosse stato abbandonato.

Fortunatamente, però, non è stato così. Infatti Kristy Doan, uno dei VFX artist di League Of Legends, ci ha mostrato il recall esclusivo che avranno i giocatori che hanno raggiunto o raggiungeranno l’honor 5. Ma non finisce qui. Infatti, oltre al recall, sembra che Riot stia lavorando su una skin unica per i giocatori di honor 5, che sarà ottenibile soltanto a fine stagione. Al momento non si hanno sicurezze in merito, ovviamente, ma le voci si stanno diventando molteplici ed insistenti. Insomma, se volete ricevere tutti questi regali, dovrete iniziare a comportarvi bene nella Landa.

MSI 2022, Faker: “il ping alto ha influenzato le nostre performance”

MSI 2022, Faker: “il ping alto ha influenzato le nostre performance”

Profilo di Rios
 WhatsApp

Questo MSI 2022 sarà ricordato nei libri di storia di League Of Legends più per i suoi problemi di ping che per i risultati sportivi. Tutte le squadre del torneo si sono lamentate della latenza artificiale creata da Riot, che ha anche costretto gli RNG a rigiocare le partite del girone d’andata.

A tutte queste lamentele si unisce ora la voce di Faker, che ha rilasciato delle dichiarazioni piuttosto forti. Secondo il coreano, infatti, il ping alto avrebbe influenzato in negativo le performance dei T1. Non proprio delle parole positive per il torneo.

Speriamo che Riot possa risolvere alcune problematiche prima del rumble stage, che partirà venerdì 20 maggio alle 10:00.

Faker parla dei problemi di lag al MSI 2022

Un rischio troppo grande

Per garantire la partecipazione degli RNG, rappresentativa cinese costretta a giocare da remoto, Riot ha deciso di alzare artificialmente il ping del MSI 2022 a 35ms anche per le squadre presenti nell’arena di Busan. Questa decisione ha causato diversi problemi alle squadre, che hanno portato alla luce una situazione peggiore di quella prevista.

Molti giocatori hanno dichiarato che la latenza delle partite fosse più alta di quella dichiarata, costringendo gli ufficiali di gara a fare delle verifiche. Dopo tre giorni di torneo, Riot è arrivata alla conclusione delle sue indagini, dando ragione ai team che avevano portato alla luce il problema.

Questo ha costretto l’azienda ha prendere una decisione tanto difficile quanto giusta per garantire l’integrità competitiva: far ripetere le partite del girone d’andata agli RNG (qui maggiori informazioni in merito). Ma le lamentele non sono terminate, anzi. Al coro degli scontenti si è aggiunta la pesante voce di Faker, che ha fatto delle dichiarazioni piuttosto pesanti in una intervista rilasciata a Dot Esports.

Le parole di Faker

Il midlaner coreano dei T1 ha esplicitamente detto che il ping alto ha avuto un impatto importante sulle performance della squadra, sottolineando che un ping di 10ms il team avrebbe giocato “diversamente“. Ma nonostante questo spiacevole inconveniente, Faker ha detto che il problema della latenza non è poi così grave se non inficia l’esperienza degli spettatori.

Per lui è più importante che tutti possano giocare nelle stesse condizioni, in modo tale da poter fornire la migliore esperienza possibile a chi guarda. Insomma, durante il rumble stage non dovranno verificarsi gli stessi episodi visti durante la fase a gruppi. Sicuramente Riot ha lavorato duramente per sistemare i problemi sorti in questi giorni, ma è chiaro che la gestione della rappresentate cinese non è stata proprio perfetta.