MSI 2021: perché il format del knock-out stage è sbagliato?

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

I playoff del MSI 2021 sono ormai alle porte, ma il format di questo knock-out stage ha sollevato diverse polemiche. Infatti, la squadra che uscirà vincitrice dallo scontro di venerdì, avrà un giorno in più per riposarsi, mentre l’altra dovrà affrontare una maratona verso la finale.

Il format del knock-out stage del MSI 2021

Divisione delle squadre

La classifica finale del rumble stage ha decretato i nomi delle quattro finaliste del torneo. A comandare il gruppo ci sono i Damwon KIA che, in virtù del loro primo posto, hanno potuto scegliere chi sfidare tra PSG TalonMAD Lions. Alla fine i coreani hanno scelto Carzzy e compagni, lasciando il destino dei PSG Talon in mano ai Royal Never Give Up.

I campioni della LPL giocheranno già venerdì 21 maggio (domani) e, in caso di vittoria, avranno un giorno intero di riposo rispetto a DamwonMAD. Le altre due squadre, infatti, si affronteranno nel pomeriggio di sabato 22 maggio e, chi ne uscirà vincitore, dovrà giocare di nuovo domenica 23.

Insomma una vera e propria maratona per questa fase finale del MSI 2021, che sicuramente metterà a dura prova le squadre che si contendono il titolo.

Format da rivedere

Il Mid-Season Invitational di quest’anno ha rivoluzionato il suo format, aggiungendo tante partite in più alle squadre delle regioni maggiori. Il group stage che abbiamo visto nei giorni scorsi è stato interessante, certo, ma ha affaticato parecchio tutti i giocatori. Nonostante questo, è stato un cambiamento apprezzato dagli spettatori e dagli addetti ai lavori, perché da una grossa opportunità di crescita e di confronto anche alle regioni minori.

Il voler racchiudere tutta la competizione in pochi giorni, ha costretto Riot ad accorciare i tempi che ci hanno condotto verso la finale. Non ha onestamente senso voler affrettare così tanto le cose, specialmente se si vuole garantire l’integrità competitiva di quest’ultima fase del torneo.

E’ chiaro che un giorno intero di riposo gioverà alla squadra che uscirà vincitrice dal match di venerdì, mentre chi giocherà di sabato sarà condizionato. La stanchezza accumulata nella semifinale e la pressione psicologica immancabile della finale potrebbero sfavorire i Damown o i MAD, avvantaggiando i PSG o gli RNG.

Le parole di coach kkOma

ENG

“So, we came here today and listened to the whole process and the logic behind the decision making, so I asked them to make sure that this will not be repeated in the future. Now that we have this schedule for the semifinals, we will do our best to prepare for the upcoming matches, and I hope we can make it to the finals.”

ITA

“Siamo venuti qui oggi ed abbiamo ascoltato tutto il processo e la logica che c’è dietro questa scelta, allora ho chiesto di assicurarsi che questa cosa non sia più ripetuta in futuro. Ora che abbiamo questo calendario per le semifinali, faremo del nostro meglio per prepararci per i match in arrivo, spero che potremo arrivare fino alle finali.”

Dichiarazioni rilasciate durante il MSI 2021 Media Day del 20/05/2021

Le motivazioni di Riot

Secondo quanto dichiarato da Tom Martell in un comunicato diffuso su LoL Esports, questo cambiamento si è reso necessario a causa di alcuni conflitti emersi con i protocolli anti COVID-19 della Cina. Per fare rientro nelle altre regioni presenti nel knock-out stage, le squadre hanno bisogno soltanto di un tampone nasale negativo prima del volo, mentre per gli RNG è diverso.

Attualmente, chi vuole entrare in Cina, deve effettuare un prelievo sierologico IgM 48 ore prima della partenza. A causa di questo motivo, gli RNG dovranno andare in un laboratorio a Reykjavík nella giornata di sabato (per questo i cinesi giocano venerdì nonostante il seeding inferiore), per effettuare il test in vista della partenza. Riot ha provato a cercare delle altre combinazioni di voli ma, visto il periodo pandemico, ogni sforzo è stato vano.

Immagine di copertina via LoL Esports

Mario "Rios" Cristofalo

Sono un appassionato di videogiochi sin da quando ne ho memoria. La mia crescita è stata caratterizzata delle console Nintendo (grazie ai Pokèmon), e poi dall'esplosione di Xbox anche in Italia. Nel 2018, però, mi sono avvicinato al mondo di League Of Legends di cui mi sono perdutamente innamorato. Ad oggi mi occupo di LoL, ma anche di tutto ciò che è interessante nel mondo videoludico e tech in generale. Per info e collaborazioni: [email protected]

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701