LEC: i Rogue fermano la dinastia dei G2 e volano in finale

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

E’ successo quello che nessuno si aspettava. Le dinastie sono definitivamente cadute. Anche i G2 Esports sono stati tagliati fuori dalla corsa verso il titolo, grazie a dei Rogue assolutamente mostruosi. Gli dei della LEC si sono dovuti piegare al nuovo che avanza, e che ora segnerà una nuova alba per il vecchio continente.

I Rogue si prendono la finale della LEC

La fine della dinastia dei G2 Esports

La serie giocata e persa contro i MAD Lions aveva fatto suonare un grosso campanello d’allarme in casa G2, mettendo in evidenza diverse criticità della formazione spagnola. Purtroppo nulla è cambiato rispetto alla scorsa settimana.

G2 Esports si sono accartocciati sempre sugli stessi errori già visti, sia in fase di draft che nell’esecuzione generale. Rimane galeotto il pick di Karma (oggi in mano a Wunder), che probabilmente tormenterà i sogni dei giocatori e dei fan degli ex campioni della LEC. Ma oltre questo, il team ha concesso davvero troppo ai propri avversari, non riuscendo a rispondere alle composizioni create da Coach Fredy.

Impressionante il gap nella jungle, dove Jankos non è mai riuscito ad essere incisivo nei confronti di Inspired, a causa del continuo controllo di visione imposto dai Rogue. Anche Mikyx ha mantenuto le stesse prestazioni mostrare nella scorsa settimana, inchinandosi difronte ad un Trymbi imperioso.

Infine dispiace per Rekkles, trasferitosi ai G2 Esports per tornare a vincere, ma non ci riuscirà in questo spring split.

L’ascesa dei Rogue

Rogue ci hanno sorpresi. Dopo una serie giocata non al meglio contro lo Schalke 04, hanno tirato fuori una prestazione maiuscola a dir poco. La squadra è arrivata preparata a questo scontro, ha studiato tanto ed ha riparato quelle piccole falle che caratterizzavano il loro macro.

Già a partire dalla fase di draft, il team polacco ha messo i piedi in testa ai propri avversari, concedendosi solamente un game per sperimentare (durante il quale hanno lasciato open SennaSeraphine). Il loro macro e le loro strategie sono arrivati a toccare delle vette incredibili, inarrivabili anche per i fortissimi G2 Esports. Emblematico, in questo senso, è stato il quarto game, durante il quale non hanno concesso nemmeno una singola torre ai loro avversari.

Finalmente, dopo anni di successi dei G2 e dei Fnatic, avremo un vincitore diverso inciso sulla coppa della LEC. Il nuovo che avanza ha abbattuto gli antichi dei, prendendosi un posto nell’Olimpo del League Of Legends europeo.

Immagine di copertina via LoL Esports

Mario "Rios" Cristofalo

Sono un appassionato di videogiochi sin da quando ne ho memoria. La mia crescita è stata caratterizzata delle console Nintendo (grazie ai Pokèmon), e poi dall'esplosione di Xbox anche in Italia. Nel 2018, però, mi sono avvicinato al mondo di League Of Legends di cui mi sono perdutamente innamorato. Ad oggi mi occupo di LoL, ma anche di tutto ciò che è interessante nel mondo videoludico e tech in generale. Per info e collaborazioni: [email protected]

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701