Il 70% del Bronzo esce dalla propria divisione nel 2018.

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Ok Riot ci siamo. Siamo giunti alla resa dei conti. Dati alla mano: il 70% dei giocatori Bronzo sono usciti dalla propria divisione di assegnazione l’anno scorso. Ce lo dimostra lo studio condotto, sui propri dati, da Mobalytics. Anche il 50% della divisone Argento nel 2018 ha trovato successo nella sua scalata.

Anche il 50% del Silver ha avuto successo nella scorsa stagione.

Sempre questo studio ci dimostra anche che più sali di divisione e più diventa “difficile” uscire. Non molto sorprendente come analisi, data la differenza di matchmaking e la quantità ridotta di giocatori, ma comunque puntale nello specificare quanto salendo di elo si scali meno.

Sorge dunque spontaneo chiedersi allora che cosa succeda a livello personale. Ogni giorno, sulle diverse piattaforme social, ci sono moltissimi giocatori che lamentano lunghe strisce negative di partite che li portano a scendere di elo o a non riuscire a scalare. In ogni sport l’aspetto psicologico della competizione è altamente analizzato e curato dallo staff tecnico e ci si aspetta, dunque, che anche su League of Legends (e negli esports in generale) sia altamente rilevante all’ottenimento dei risultati.

Reset.

Dunque una attitudine negativa o un approccio psicologicamente sbagliato al gioco quanto fa la differenza? Quanti evocatori, che giocano sottovalutando questo aspetto, rientrano nel 30% del bronzo e nel 50% del silver? Quanti rientrano tra gli scartati? La percentuale opposta ai vincitori come si comporta nei confronti del gioco?

Ovviamente le meccaniche di gioco e la conoscenza del micro e macro game sono oltremodo importanti per salire di elo a prescindere dalla divisione. Il segreto per scalare in League of Legends è davvero avere un atteggiamento positivo? Queste domande non trovano risposta tra i dati di Mobalytics ne sui subreddit più popolati. L’unico modo per saperlo è provarlo sulla vostra pelle. Cosa può andare storto ad essere più positivi? Mal che vada avete vissuto un aspetto diverso di un bellissimo gioco.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701