I quattro jungler più forti riceveranno nerf con la prossima patch

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Il meta della jungla nel gioco competitivo sembra essersi consolidato, nelle ultime settimane, intorno a cinque pick in particolare (6 se consideriamo il permabannato Zac); quattro di questi riceveranno dei nerf nella prossima patch. Lee Sin, Elise, Gragas e Rek’Sai (Kha’Zix non sarà bersagliato dai probabili nerf) hanno dimostrato non tanto di essere dei pick fortissimi come il permabbannato zac o, per chi se lo ricorda, il permabannato Tham Kench di due mondiali fa, ma semplicemente di essere forti abbastanza per essere dei pick prioritari. Tuttavia questi non saranno dei nerf troppo grandi, visto che nelle prossime settimane ci saranno le partite decisive per la qualificazione ai prossimi mondiali; più che altro questi leggeri nerf aiuteranno i team a fare dei pick fuori da questa ristretta champion pool di jungler.

Lee Sin riceverà una diminuzione del suo AD base di tre punti, da 61 a 58, cosa che lo porterà a ridurra la velocità del clear della jungla ma non influenzerà più di tanto la grande pressione che il campione è in grado di garantire nelle fasi iniziali del game. Elise riceverà lo stesso identico nerf, e il discorso è molto simile a quello già fatto per il monaco cieco.

Rek’Sai e Gragas riceveranno un aumento della ricarica delle loro ultimate nelle fasi iniziali del game, per far sì che siano meno oppressive nelle fasi iniziali del game; tuttavia il cooldown della ultimate di Rek’Sai verrà diminuito ai livelli avanzati, visto che nelle fasi finali del game non ha un così grande impatto e non ha senso che abbia una ricarica così elevata. Inoltre la Q in forma “superficiale” di Rek’Sai riceverà una diminuzione del danno base ma vedrà aumentato lo scaling AD del 10 percento, dal 40 al 50 percento. Questo porterà i giocatori di questo jungler a dover optare per un’itemizzazione da bruiser invece di quella attuale full tank.

Questi cambiamenti molto probabilmente non influenzeranno troppo la scelta dei jungler nel gioco competitivo. Elise e Lee Sin hanno sempre brillato in ogni meta grazie alla loro capacità di mettere pressione su tutta la mappa nelle fasi iniziali del game; questi cambiamenti per lo meno serviranno per ridurre la velocità con cui questi champion clearano la jungle e, di conseguenza, la velocità con qui possono fare la prima gank. Anche Gragas non verrà toccato troppo dal nerf al cooldown alla ultimate, ma, perlomeno, lo renderà meno oppressivo durante le fasi intermedie della partita. Quasi sicuramente questi tre jungler rimarrano pick prioritari nel gioco competitivo.

Il discorso è decisamente diverso per Rek’Sai. La storia di League of Legends ci insegna come, la maggior parte delle volte, la riduzione dei danni base di un determinato campione porti alla morte della sua predisposizione alle itemizzazioni da tank (si vedano Ekko top, Fizz bruiser…). Lo scopo del mini rework di Rek’Sai era quello di renderla più adatta ad un playstyle da assassin che a quello da tank ma i proplayer hanno continuato, nelle scorse settimane, a buildarla tank. Questi cambiamenti puntano, ancora una volta, ad aumentare il potenziale di Rek’Sai come Ad based andando a ridurre il suo potenziale come tank. Tuttavia Rek’Sai giocata con un playstyle da assassin rimane molto meno prioritaria per i team, visto che ci sono pick come Kha Zix o Nidalee che sono in grado di fare le stesse cose ma meglio. Se non si può buildare tank efficacemente non è più worth per i team andare a selezionare Rek’Sai.

La community

Fai crescere la community italiana, entra nel gruppo FB:  


I quattro jungler più forti riceveranno nerf con la prossima patch
Giuliano "Yushiiko" Maenza

Ex-giocatore agonistico di calcio, negli eSports ho ritrovato tante di quelle componenti che mi hanno fatto innamorare proprio di questo sport. Seguo il competitive di League of Legends da ormai quattro anni e gioco, divisione scapoli e ammogliati, da cinque. Laureato triennale con una tesi sugli eSports e Twitch.TV, attualmente studio Marketing & Digital Communication a Roma per la magistrale.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701