Bel’Veth: ecco il kit ed un primo video di gameplay

Bel’Veth: ecco il kit ed un primo video di gameplay

Profilo di Rios
 WhatsApp

Purtroppo i leak colpiscono sempre i nuovi contenuti di Riot, ed è successo anche Bel’Veth, il nuovo campione di League Of Legends. Infatti, lo streaming spagnolo del MSI 2022 ha mostrato per errore un video che mostra il gameplay dell’Imperatrice del Vuoto.

Un errore madornale, indubbiamente, ma che ci permette di dare un primo sguardo al kit di questo mostro della jungle. A primo acchito sembrano confermati i leak che vi avevamo precedentemente mostrato (qui trovate più info), anticipando di fatto il materiale ufficiale.

Ci troviamo difronte ad un personaggio estremamente pericoloso, molto mobile e capace di rimanere a lungo incollato ai propri avversari.

Bel’Veth in azione

Un campione mobile ed elusivo

Come possiamo vedere nella clip qui sotto, Bel’Veth risulta essere un campione molto mobile, capace d’inseguire facilmente i propri nemici e restare a lungo all’interno dei fight. Potremmo essere difronte ad un combattente duro e puro, davvero ostico da tenere fermo e difficilissimo da uccidere.

Nel video vediamo chiaramente che Bel’Veth usa entrambe le forme viste nella cinematica rilasciata ieri da Riot, ma ancora non è ben chiaro come funzionerà questo dualismo a livello di gameplay. Sicuramente la sua forma da mostro sarà rilasciata quando l’Imperatrice userà la sua suprema, diventando una creatura gigantesca e terrificante.

Da ciò che possiamo vedere, inoltre, possiamo confermare che Bel’Veth prenda letteralmente a schiaffi i suoi avversari. L’animazione del suo attacco base è davvero particolare, e rispecchia quanto visto nella cinematica di ieri.

Il kit

Death in Lavender (P)

L’abilità passiva di Bel’Veth fa sì che i campioni, i minion della giungla e i superminion rilascino Essenza del Vuoto quando muoiono. L’Imperatrice può raccoglierle per accumulare delle stack che può attivare, guadagnando così il rubavita contro i mostri della giungla. Inoltre può inviare uno sciame del vuoto contro le torri. Lo sciame può attaccare le torri e curare Bel’Veth.

Void Surge (Q)

Void Surge, è uno scatto che la spinge in avanti in una delle quattro direzioni bersaglio. Sotto la sua figura, si possono vedere delle frecce viola che indicano quali specifici direzioni sono disponibili. Infligge danni agli avversari e li rallenta se li attraversa, riducendo il tempo di ricarica dello scatto successivo.

Above and Below (W)

Bel’Veth spara un raggio in linea retta, che lancia in aria tutti i nemici nella zona bersaglio. I campioni lanciati in aria sono anche storditi per un breve periodo di tempo.

Royal maelstorm (E)

Bel’Veth inizia a canalizzare un vortice, che compromette i suoi movimenti e trascina i nemici verso di lei, danneggiandoli per ogni secondo in cui stanno nel vortice. Mentre usa la E, l’Imperatrice subisce meno danno e converte una percentuale di tutti i danni subiti in danni inflitti ai suoi nemici. Quando usa Royal maelstorm durante Endless Banquet (R)Bel’Veth infligge una percentuale di danno puro e crea un’esplosione AoE alla fine dell’abilità.

Endless banquet (R)

La suprema dell’Imperatrice potenzia tutte le sue abilità e la trasforma nella sua vera forma per qualche secondo, una durata che può essere estesa in combattimento. Quando usa Endless banquet, Bel’Veth guadagna HP, resistenza magica, armatura e danno. Quando è nella sua vera forma, Bel’Veth si cura di una percentuale di HP basata sulle stack raccolte dalla passiva. Può usare le sue stack per creare uno sciame di pesci mostruosi, danneggiando i campioni vicini. Lo sciame morirà dopo un breve periodo di tempo, ma la sua durata può essere aumentata uccidendo i nemici (campioni probabilmente).

LEC: cinque squadre a pari punti in testa alla classifica

LEC: cinque squadre a pari punti in testa alla classifica

Profilo di Rios
 WhatsApp

La prima giornata della terza settimana della LEC ha sparigliato le carte in testa alla classifica, agglomerando ben cinque squadre sul punteggio di 4-2. Cosa che dimostra quanto questo summer split sia molto più combattuto rispetto al solito, e tutti possono perdere contro tutti.

Rogue ed i Fnatic, ad esempio, si sono ripresi dopo un inizio stagione traballante, mostrando delle performance davvero convincenti oggi. Anche i MAD Lions hanno continuato il loro trend positivo, battendo anche i G2 Esports in match al cardiopalma.

Insomma, un’altra giornata ricca di spettacolo ed emozioni, che ha fatto sussultare i cuori dei fan di tutte le squadre del torneo.

La prima giornata della terza settimana della LEC

Questione di draft

La prima partita della terza settimana di LEC ha messo difronte MisfitsBDS, due squadre che occupano il fondo della classifica. Dal team elvetico, però, ci si aspettava molto, specialmente dopo quanto mostrato nella week 2 con FnaticG2 Esports.

Eppure tutte le aspettative sono state vane, visto che NUCLEARINT e compagni si sono accartocciati in fase di draft. La squadra ha tirato fuori una composizione molto difficile da eseguire, ed in game non è riuscita a rispettare le proprie condizioni di vittoria.

In corsia inferiore ci sono stati i problemi più grossi, dove xMattyErdote hanno dato fin troppe risorse alla Kai’Sa di Neon. I botlaner dei BDS non avrebbero mai dovuto perdere in early game, specialmente con due pick dominanti come EzrealKarma. Inoltre le cose non sono andate meglio nel resto della mappa, in quanto i Misfits sono stati bravissimi a sfruttare gli errori continui degli avversari.

Da lì in poi è stata una pratica fin troppo semplice per i Coniglietti, che hanno vinto tutti i fight successivi ed hanno preso tutti gli obiettivi successivi.

Date il benvenuto all’Imperatrice del Vuoto

La partita tra Vitality ed SK Gaming è iniziata molto lentamente, con nessuna delle due squadre capace di prendere l’iniziativa sul serio. L’azione si è accesa allo spawn del primo Messaggero del Vuoto, un obiettivo fin troppo importante per la Bel’Veth di Haru.

Nonostante l’importanza. però, Perkz e compagni hanno gestito molto male il fight, regalando due uccisioni agli avversari. Purtroppo gli SK non sono riusciti a giocare nella maniera corretta, dimenticandosi completamente di bloccare il farming di Bel’Veth e lasciandola così libera di scalare.

Questo è stato un fattore determinante per la vittoria finale dei Vitality, in quanto ad un certo punto è diventata letteralmente devastante. Una nota di merito bisogna spenderla anche per Carrzy che, dopo alcuni game poco convincenti, è riuscito a giocare molto bene anche in una corsia 1v2 con il suo Ezreal, assicurandosi gold, esprienza e placcature in più rispetto agli avversari. In ogni fight o contesa degli obiettivi, Gilius e compagni, non sono riusciti a mettere in piedi una risposta efficace, accasciandosi e soccombendo così alla forza dell’Imperatrice del Vuoto.

Rinascita

Le prime due settimane di LEC dei Rogue sono state abbastanza traballanti, dato che il team ha mostrato delle prestazioni poco convincenti. Oggi dovevano affrontare gli Excel, una delle squadre più in forma di questo summer split e che meglio sta interpretando il meta.

Benché le aspettative nei confronti dei polacchi fossero basse, i ragazzi sono riusciti a rialzarsi e prendersi una vittoria totalmente inattesa. La squadra ha draftato una composizione molto difficile da eseguire, ma è riuscita a rispettare le proprie condizioni di vittoria sia sul micro che sul macro.

Rogue sono stati molto attivi ed aggressivi in fase di lane, hanno avuto quasi sempre la priorità e sono riusciti a sfruttare alcuni errori grossolani degli avversari (specialmente in corsia inferiore). Gli Excel non sono stati molto precisi nella contesa degli obiettivi, ed anzi spesso hanno regalato troppe risorse ai loro nemici.

Una vittoria che è sembrata quasi facile per Odoamne e compagni, che finalmente tornano a mostrarci degli scampoli di bel gioco.

Wunder, you mad lad

Fnatic, così come i Rogue, hanno avuto un inizio di campionato piuttosto brutto. Questa settimana di LEC doveva essere cruciale, e vincere in maniera dominante contro gli Astralis è stato un grossissimo passo avanti anche in vista del match of the week.

Gli arancio-neri hanno letteralmente dominato i loro avversari, riuscendo a gestire la Bel’Veth di Xerxe nella maniera corretta. Infatti Razork con Volibear ha continuamente disturbato l’Imperatrice del Vuoto nelle prime fasi di partita, non lasciandole lo spazio ed il tempo necessario per scalare.

A tutto tondo, però, i Fnatic sono stati nettamente superiori su tutta la mappa ed a tutto tondo. Pensiamo a quello che ha fatto Wunder durante i fight, che ci ha mostrato delle meccaniche fuori di testa con il suo Gragas. Ma anche Upset con Zeri è stato semplicemente magnifico, ed è stato cruciale in ogni singola azione della propria squadra.

Purtroppo sugli Astralis non si può dire molto altro, in quanto non hanno giocato male, ma semplicemente non sono mai scesi in campo. I Fnatic si sono presi la mappa troppo in fretta e con troppa forza, cosa che ha chiuso tutte le porte alle iniziative abbozzate dei danesi.

Qualche esitazione di troppo

MAD Lions, grazie ad una prestazione inizialmente superba e poi non convincente, sono riusciti a battere i G2 Esports portando ben cinque squadre sul risultato di 4-2. I campioni della LEC 2021, però, hanno messo in mostra qualche esitazioni che hanno fatto morire tutti i loro fan.

La squadra, infatti, ha iniziato a prendere vantaggio già dai primi minuti, negando la toplane di BrokenBlade ma dall’altra parte condannando il povero Elyoya. Il jungler spagnolo è stato ripetutamente invaso da Jankos, che con Volibear non ha lasciato respiro al suo avversario.

Nella corsia inferiore, però, UNFORGIVENKaiser non solo hanno tenuto a bada la Zeri di Flakked, ma hanno anche preso un discreto vantaggio che ha premesso a Twitch di scalare molto prima del previsto. Questo campione è stato fondamentale per i MAD Lions, che dall’early al mid game hanno chiuso i G2 in una tenaglia.

Nonostante questo, non sono riusciti a chiudere la partita nei tempi previsti. Più volte la squadra ha preso dei fight non proprio consoni, porgendo il fianco ai loro avversari che hanno rischiato di tornare in game. Fortunatamente per loro, però, Caps e compagni si sono suicidati. I G2 si sono chiusi in una strettoia al minuto 40, favorendo il danno ad area dello Swain di Nisqy e del Twitch di UNFORGIVEN che hanno fatto piazza pulita.

Amumu support torna a terrorizzare la soloQ di LoL

Amumu support torna a terrorizzare la soloQ di LoL

Profilo di Rios
 WhatsApp

Certi amori non finiscono mai. Fanno dei giri immensi, ma poi ritornano. Queste parole si possono applicare perfettamente ad Amumu, un campione che dopo aver subito un mini-rework ha terrorizzato la corsia inferiore della soloQ di League Of Legends.

Riot, però, all’epoca intervenne subito con dei nerf mirati per toglierlo dalla posizione di supporto, riuscendoci egregiamente. Nonostante questo, l’incubo dei tiratori è tornato a farsi vedere, specialmente dopo i buff ricevuti nella patch 12.12. I suoi winrate sono schizzati in alto, facendo preoccupare il reparto di bilanciamento.

Insomma, i problemi non finiscono mai, specialmente quando si vanno a toccare quei campioni che si cercava tanto di limitare.

Amumu supporto torna a farsi vedere

I cambiamenti della patch 12.12

Q – LANCIO DELLA BENDATURA

  • COSTO IN MANA 70  30/35/40/45/50

R – MALEDIZIONE DELLA MUMMIA TRISTE

  • DANNI 150/250/350 (+80% potere magico)  200/300/400 (+80% potere magico)

Un pick da alto elo

Subito dopo l’arrivo della patch 12.12, i numeri di Amumu si sono subito alzati, ma solo negli elo più alti della soloQ. Infatti, questo campione, viene pickato principalmente dai giocatori più esperti, che sanno sfruttare al meglio ogni particolarità del suo kit.

Secondo quanto riportato da U.GGAmumu ha il 51.8% di winrate dal platino in su nella posizione di supporto, con un playrate del 1.6%. I numeri continuano a salire a pari passo con l’elo, arrivando ad un picco massimo del 52.95% di winrate ed un playrate del 3.4%.

Attenzione al competitivo

A pochi minuti dall’inizio della terza settimana della LEC, vi possiamo dire che Amumu potrebbe essere uno dei pick da tenere d’occhio in questo week-end. Molti team potrebbero giocarsi questa jolly, specialmente quelli di fondo classifica che non hanno più nulla da perdere.

Insomma, dobbiamo fare molto attenzione per cercare di capire se i numeri di Amumu siano un fuoco di paglia o una reale minaccia. Sicuramente Riot terrà d’occhio molto da vicino la situazione, e poi deciderà se un nerf sarà necessario già dalla patch 12.14.

LEC: cambio di roster in arrivo per gli SK Gaming

LEC: cambio di roster in arrivo per gli SK Gaming

Profilo di Rios
 WhatsApp

A poche ore dall’inizio della terza settimana del summer split della LEC, gli SK Gaming hanno comunicato che ci sarà un cambio di roster. Infatti Jezu, tiratore titolare del team, dovrà stare fermo ai box a causa di alcuni problemi di salute piuttosto fastidiosi.

Al suo posto giocherà Gadget, giocatore “preso in prestito” dagli SK Prime, l’accademia della squadra principale. Il bielorusso dovrebbe rimanere titolare soltanto in queste due partite, per poi cedere nuovamente il posto al francese se le condizioni di salute miglioreranno.

Speriamo vivamente che Jezu possa rimettersi presto, per tornare a dare una mano al proprio team in questa stagione complicata.

Cambio di roster per gli SK Gaming nella terza week di LEC

Il comunicato

“Ci dispiace informavi del fatto che, a causa di alcuni problemi di salute, JeanJezu” Massol non giocherà le nostre partite di LEC in questa settimana.

Jezu stava già male nella scorsa settimana, ma ha deciso di resistere e giocare i match della week 2. Dopo che le sue condizioni non sono migliorate, ad inizio settimana abbiamo deciso insieme di concedergli del tempo libero per riprendersi.

Da allora la squadra ha iniziato ad allenarsi con l’AD Carry degli SK Prime Ilya Gadget” Makavchuk che sarà il titolare nella week 3 della LEC. Vorremmo sfruttare questo momento per ringraziare l’intero rostert degli SK Prime che è stato molto supportivo e cooperativo nonostante questa situazione abbia impatto sui loro allenamenti.

Speriamo che Jezu possa riprendersi in fretta e forniremo ulteriori aggiornamenti non appena li avremo. Apprezziamo profondamento il vostro supporto per il team mentre attraversiamo queste circostanze che sono fuori dal nostro controllo”.

Chi è Gadget

Nonostante Gadget giochi in un team academy, non è proprio un rookie all’interno del competitivo internazionale di League Of Legends. Infatti ha partecipato al MSI 2019 con i Vega Squadron ed anche ai Worlds 2020 con gli Unicorns Of Love, entrambe squadre della LCL (la lega russa).

Dopo queste esperienze nella regione CISGadget ha deciso di tentare la fortuna in Europa, ed in Germania nello specifico. Durante tutto il 2021 ha fatto parte del roster dei mousesports (che poi hanno cambiato nome in MOUZ) arrivando anche in EU Masters. Da dicembre è diventato il tiratore titolare degli SK Prime. Questa sarà il suo debutto ufficiale in LEC.